Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Bonarda

La degustazione dei vini "Bonarda"

bonarda degustazione
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La degustazione dei vini Bonarda

Le Caratteristiche del vino Bonarda

La Bonarda, quale che sia la tipologia, è un vino caratterizzato da struttura leggera, facile bevibilità e basso contenuto in tannini.

Colorerosso
Tipo vinofermo, frizzante
Strutturaleggero
Qualitàfine
Temperatura di servizio14-16°C, 18-20°C
Bicchierebicchiere da vino rosso classico

Degustazione guidata del vino Bonarda

La Bonarda, soprattutto se frizzante, è un vino da bere giovane, se ne consiglia la degustazione ed il consumo non oltre il 3 anno dalla vendemmia. Per la degustazione di una Bonarda è consigliabile stappare la bottiglia un po’ prima della degustazione per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione, utilizzare un calice di dimensioni medie a luce sufficientemente larga per favorire la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 14°C per le versioni frizzanti (12°C se dolci), 16°C per versioni secche più strutturate.

Bonarda - La Degustazione - Esame visivo

La Bonarda si presenta di un colore rosso rubino intenso. Le versioni frizzanti presentano una spuma fine ed evanescente, di colore da rubino chiaro a rosa pallido. Di media consistenza.

 
I descrittori per l'esame visivo del Bonarda:
Rosso rubino Abbastanza consistente Fini evanescenti numerose

Bonarda - La Degustazione - Esame olfattivo

La Bonarda ha un profumo vinoso e fruttato, con note di ciliegia e mora e a volte sentori speziati di pepe nero.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Bonarda:
intenso abbastanza complesso Fruttato Speziato vinoso
I Riconoscimenti olfattivi per il Bonarda

Bonarda - La Degustazione - Esame gustativo

Al palato la Bonarda si presenta di medio corpo, secca o dolce a seconda della versione, di medio calore alcolico e fresca per acidità. I tannini sono giovani ma in genere molto leggeri e non invadenti.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Bonarda:
dolce Tannini abbastanza morbidi giovani

L'Abbinamento con il cibo del vino Bonarda

Le versioni frizzanti della Bonarda, più leggere, si abbinano bene a salumi, bolliti e piatti di pasta, anche con sughi di carne. Le versioni ferme, più strutturate, a piatti di carne alla griglia. Le versioni dolci, di solito frizzanti, si sposano bene con crostate alla frutta, o frutta rossa (fragole).

 
I tipi di portata in abbinamento per il Bonarda:
Antipasti con salumi Primi piatti a base di carne Piatti di pasta a base di carne Portate a base di carne arrosto o alla griglia
>

Argomenti correlati


  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione