Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Bonarda

La degustazione dei vini "Bonarda"

bonarda degustazione


La degustazione dei vini Bonarda

Le Caratteristiche del vino Bonarda

La Bonarda, quale che sia la tipologia, è un vino caratterizzato da struttura leggera, facile bevibilità e basso contenuto in tannini.

Colorerosso
Tipo vinofermo, frizzante
Strutturaleggero
Qualitàfine
Temperatura di servizio14-16°C, 18-20°C
Bicchierebicchiere da vino rosso classico

La degustazione del vino Bonarda

La Bonarda, soprattutto se frizzante, è un vino da bere giovane, se ne consiglia la degustazione ed il consumo non oltre il 3 anno dalla vendemmia. Per la degustazione di una Bonarda è consigliabile stappare la bottiglia un po’ prima della degustazione per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione, utilizzare un calice di dimensioni medie a luce sufficientemente larga per favorire la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 14°C per le versioni frizzanti (12°C se dolci), 16°C per versioni secche più strutturate.

La Degustazione - Esame visivo

La Bonarda si presenta di un colore rosso rubino intenso. Le versioni frizzanti presentano una spuma fine ed evanescente, di colore da rubino chiaro a rosa pallido. Di media consistenza.

 
Rosso rubino Abbastanza consistente Fini evanescenti numerose

La Degustazione - Esame olfattivo

La Bonarda ha un profumo vinoso e fruttato, con note di ciliegia e mora e a volte sentori speziati di pepe nero.

 
intenso abbastanza complesso Fruttato Speziato vinoso
Riconoscimenti olfattivi

La Degustazione - Esame gustativo

Al palato la Bonarda si presenta di medio corpo, secca o dolce a seconda della versione, di medio calore alcolico e fresca per acidità. I tannini sono giovani ma in genere molto leggeri e non invadenti.

 
dolce Tannini abbastanza morbidi giovani

L'Abbinamento con il cibo del vino Bonarda

Le versioni frizzanti della Bonarda, più leggere, si abbinano bene a salumi, bolliti e piatti di pasta, anche con sughi di carne. Le versioni ferme, più strutturate, a piatti di carne alla griglia. Le versioni dolci, di solito frizzanti, si sposano bene con crostate alla frutta, o frutta rossa (fragole).

 
Antipasti con salumi Primi piatti a base di carne Piatti di pasta a base di carne Portate a base di carne arrosto o alla griglia
>

Argomenti correlati


  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino