Viticoltura

La Viticoltura rappresenta l'insieme delle tecniche di coltivazione della vite

La viticoltura
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


Cos’è la viticoltura

La Viticoltura rappresenta l’insieme delle tecniche di coltivazione della vite, e comprende tutto l’arco temporale tra l’ impianto (messa a dimora delle barbatelle innestate) fino all’epoca dell’ espianto, un arco di tempo decisamente lungo (un vigneto può vivere fino a 20-30 anni o più).

Aspetti della viticoltura

La Viticoltura comprende  diversi aspetti fondamentali che vanno tenuti in considerazione già in fase di impianto delle viti, in quanto possono rivelarsi determinanti per la qualità del prodotto (cioè il vino): in primo luogo la posizione del vigneto (regione, altitudine, esposizione) e la composizione del terreno. Entrambi gli aspetti possono influenzare le decisioni riguardo al vitigno da impiantare, e quindi a loro volta determinare o influenzare altri fattori fondamentali per la viticoltura, quali la densità di impianto, la forma di allevamento, i sistemi di potatura.

La viticoltura ed il vino

La qualità del vino si fa sempre più in vigna e meno in cantina. E’ quanto si sente dire sempre più spesso, a volte è vero, a volte non proprio. Sta comunque di fatto che il primo passo per ottenere un vino di qualità è proprio la vigna. La viticoltura, grazie soprattutto alla maggiore attenzione dei consumatori per la qualità del vino e grazie all’imporsi del biologico, è la base per la qualità dei vini. Densità di impianto più elevate e rese più basse, unite ai corretti sistemi di potatura, porteranno ad ottenere mosti più concentrati in sostanze aromatiche e minerali e quindi a vini più caratterizzati dal punto di vista gusto-olfattivo.

La viticoltura e la vigna

Al ciclo biologico compreso tra impianto ed espianto della vite, si affiancano cicli annuali quali il ciclo vegetativo ed il ciclo riproduttivo, che prendono in considerazione rispettivamente la nascita, l’accrescimento e la caduta delle foglie da un lato, e la formazione dei grappoli, la fioritura, l’impollinazione, l’accrescimento e la maturazione dei frutti dall’altro. A tali cicli annuali corrispondono delle attività (irrigazione, concimazione, trattamenti fitosanitari, potature, per finire con la vendemmia) che nel loro insieme costituiscono la parte agricolturale del lavoro del vitivinicoltore.

Articoli Correlati

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto