La potatura della vite

allevamento e potatura della vite
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


Tipi di potatura della vite

Si distinguono due tipi di potatura della vite, quella invernale, o potatura secca, con la quale il viticoltore mantiene la forma di allevamento impostata e controlla
quantità e qualità del prodotto agendo sul carico di gemme lasciato su ciascuna pianta, e la potatura estiva, detta anche potatura verde, con la quale si intendono tutti gli interventi che consentono di regolare lo sviluppo della chioma della vite e di equilibrare il rapporto tra superficie fogliare e produzione.

La lunghezza della potatura della vite

A seconda della lunghezza del tralcio, la potatura della vite secca potrà essere corta, mista lunga:

  • Potatura Corta: la potatura corta presenta degli speroni molto corti provvisti di due gemme. La cosa importante è che il vitigno presenti gemme basali fruttifere;
  • Potatura Lunga: la potatura lunga presenta un unico tralcio, con un numero variabile di gemme, solitamente 5 o 6, delle quali quelle basali sono destinate alla fruttificazione mentre le altre allo sviluppo vegetativo della pianta;
  • Potatura Mista: è quando si ha presenza contemporanea di speroni corti e tralci lunghi naturalmente distinti in capi a frutto (lunghi) e capi a legno (corti).

In genere la potatura corta si utilizza nei climi più caldi ed aridi; porta ad un maggiore tenore zuccherino rispetto alla potatura miste e alla lunga. Queste generalmente portano ad una maggiore produzione a parità di carico di gemme.

Tipi di potatura diffusi in Italia

In base alla modalità della potatura sull’allevamento a spalliera, ed in particolare alla lunghezza, forma e direzione dei capi a frutto e a legno, si sono sviluppati diversi sistemi di allevamento e potatura della vite, dei quali citeremo solo i principali:

  • Guyot: senza cordone permanente, potatura mista obbligata, tralcio fruttifero in posizione orizzontale;
  • Doppio capovolto: senza cordone permanente, potatura mista obbligata, tralci fruttiferi in posizione discendente;
  • Cordone speronatocordone permanente orizzontale, potatura corta, vegetazione guidata scendente;
  • Sylvoz: cordone permanente orizzontale, potatura mista obbligata, tralci fruttiferi in posizione discendente;
  • Casarsa: cordone permanente orizzontale, potatura mista libera, vegetazione in parte libera ed in parte obbligata.

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto