Corsica

La Corsica e il vino. La storia della viticoltura in Corsica. Vitigni, denominazioni di origine e vini della Corsica. La gastronomia della Corsica e i vini.

La Corsica e il vino
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La Corsica e il vino

La Corsica è famosa come meta turistica, per le scogliere a picco sul mare e per la natura incontaminata delle montagne dell’entroterra. La Corsica è però anche terra di antiche tradizioni vitivinicole, con oltre 40 varietà d’uva che vi vengono coltivate, tra cui moltissime autoctone, soprattutto a bacca nera. Il clima della Corsica è ovviamente mediterraneo, caratterizzato dalla presenza delle montagne dell’entroterra che contribuiscono alla ventilazione e a creare un’escursione termica tra il giorno e la notte della quale beneficiano i vigneti, che si possono trovare fino ad oltre 400 m di altitudine.

La storia della viticoltura in Corsica

La vite è presente in Corsica fin dai tempi più remoti, con testimonianze fossili risalenti a più di 6000 anni fa. La viticoltura conobbe un grande sviluppo all’epoca romana, ma determinanti furono i contributi dati tra il 1100 e il 1400 dalle dominazioni prima pisana e poi genovese, che hanno introdotto vitigni come il Nielluccio (Sangiovese) e il Vermentino. Il Nielluccio è il vitigno più coltivato, assieme allo Sciacarello (Mammolo), anch’esso a bacca nera. Il Vermentino rappresenta di gran lunga il vitigno a bacca bianca più coltivato nell’isola.

Le denominazioni di origine del vino in Corsica

In Corsica sono presenti ben nove AOC. Partendo da Nord, la prima che incontriamo è l’AOC Vin de Corse Coteaux du Cap Corse, con vini da uve Vermentino, e l’AOC Muscat du Cap Corse, un vin doux naturel, ossia un vino in cui la fermentazione del mosto è stata interrotta aggiungendo alcol e lasciando così un residuo zuccherino non fermentato. Un passito famoso di questa zona è il Rappu, da uve Grenache e Aleatico. La famosa AOC Patrimonio si trova alla base del Cap Corse, nella zona di Bastia, con i suoi vini anche rosati a base di Nielluccio. Più a sud, muovendoci lungo la costa ovest, troviamo le AOC Calvi e Ajaccio, con vini rossi a base di Nielluccio e bianchi basati sul Vermentino. A sud dell’isola troviamo le AOC Sartène, Vin de Corse Figari e Porto Vecchio. L’ultima denominazione d’origine è la AOC Vin de Corse, che include tutto il territorio dell’isola.

La Cucina in Corsica

La cucina Corsa è semplice, con sapori prettamente mediterranei e piatti sia di mare che di terra. I piatti tipici Corsi a base di carne comprendono gli stufati o stracotti di cinghiale, il capretto arrosto, il vitello con le olive. Ottimi sono i pesci e i frutti di mare, dai ricci alla murena grigliata, alle sarde farcite al brocciu (un pecorino fresco DOP di consistenza simile alla ricotta),  oltre a triglie, spigole, orate e cernie. Nel Golfo di Saint-Florent si pescano le aragoste e dalla costa orientale provengono pregiate ostriche. I fiumi e torrenti incontaminati dell’entroterra sono popolati di trote e anguille. La polenta, anzi, pulenta di castagne, accompagna gli stracotti di carne ma è anche usata come base per dolci, fritta e ricoperta di zucchero. La farina di castagne, molto diffusa nell’isola in passato, viene utilizzata anche per minestre, frittelle e pane. Tipiche sono le crêpes Corse, sia dolci che salate e le bastilles (torte salate con spinaci, cipolla o brocciu).

L'autore

marcello leder
Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale e di tutti i suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Scrivi un commento su questo contenuto Corsica

I Libri di Quattrocalici

my wines quaderno degustazione

My♥Wines

Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

conoscere il vino - il libro

Conoscere il Vino  - Il Libro

"Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.