Sistemi di allevamento e potatura della vite

allevamento e potatura della vite

Per forme di allevamento della vite intendiamo le geometrie dei filari utilizzate in viticoltura. Dalle forme libere senza tutori come l’alberello, alle antiche alberate (viti “maritate” con tutori vivi, come gli olmi), alle tradizionali pergole e tendoni fino alle più moderne forme a spalliera.

Per sistemi di potatura intendiamo invece gli schemi di potatura adottati dal viticoltore per  ridurre e condizionare la crescita vegetativa della pianta in funzione della resa produttiva e della qualità dell’uva. Prenderemo in considerazione la lunghezza della potatura (espansione della vite) e la forma che, come nel caso della spalliera, comporta la definizione di veri e propri sottosistemi di allevamento. Il “guyot” o il “cordone speronato” sono sistemi di potatura impiegati nella forma di allevamento detta “a spalliera”.

Articoli Correlati

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier con interessi in campo biochimico ed enologico, appassionato di Enografia e storia del Vino e della Vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto