La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Croatina e i suoi vini

    Il vitigno Croatina ha origini certe che risalgono solo alla seconda metà dell’800, ma si trovano sue tracce nella Valle del Versa, nell’area di Roverscala, in Oltrepò Pavese, sin dal medioevo. E’ stata citata da numerosi amplografi, tra cui il Di Rovasenda, fin dalla fine dell’800. Nell’Oltrepò Pavese il vitigno è chiamato anche comunemente Bonarda, nome preso dal vino, prodotto esclusivamente con la Croatina. La cosa ha generato un noto caso di presunta sinonimia con il vitigno Bonarda, coltivato nel Novarese, ma in realtà non esistono origini comuni tra i due vitigni. Dall’Oltrepò pavese, la Croatina, più resistente di altre varietà alle malattie, in particolare all’oidio, si è diffusa nei vicini Colli Piacentini e in Piemonte, in particolare nel Novarese e nel Vercellese, dove affianca la Bonarda, avendo sostituito in molte zone vitigni di maggiore pregio ma più delicati e sensibili, come la Vespolina o la Spanna (Nebbiolo).

    croatina vitigno

    La Croatina si è poi diffusa anche nel Veneto e in Sardegna, ma resta sostanzialmente una varietà in massima parte dell’area dell’Oltrepò Pavese e del Novarese e Vercellese. In Piemonte la si può trovare anche nel Cuneese (in particolare nella zona del Roero, ancora sotto il nome di Bonarda) e nell’Alessandrino, soprattutto sui Colli Tortonesi. In Emilia-Romagna la coltivazione della Croatina è concentrata nel Piacentino, dove la tipologia Colli Piacentini Bonarda DOC la vede vinificata in purezza, mentre nel Colli Piacentini Gutturnio DOC è assieme alla Barbera. La superficie coltivata in Italia della Croatina non supera i 4000 ettari, con punte di quasi 6000 raggiunte prima degli anni Ottanta. Le più importanti ù tipologie di vino DOC che prescrivono l’impiego della Croatina in purezza, oltre a quelle già menzionate, sono la Collina Torinese Bonarda DOC, la Colline Novaresi Croatina e Bonarda DOC, la Pinerolese Bonarda DOC, la Coste della Sesia Bonarda DOC, la San Colombano al Lambro DOC, l’Oltrepò Pavese Bonarda DOC. Molte altre denominazioni la prevedono in assemblaggio con altre uve.

    Dal punto di vista ampelografico, la Croatina presenta un grappolo generalmente grande, conico, alato, allungato e di media compattezza. L’acino è medio, di forma sferica o sferoidale, regolare, con buccia, pruinosa, spessa e consistente, di colore blu chiaro. La Croatina è tipica per presentare caratteri morfologici variabili, con grappoli e acini di forme e dimensioni anche visibilmente differenti. La Croatina ha epoca di maturazione medio-tardiva, con vendemmia in genere tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre. Vinificata in purezza, la Croatina dà un vino amabile, fruttato e floreale, di buona alcolicità e sapore asciutto, di corpo e non molto acido. Viene spesso vinificata in abbinamento con altre varietà, come in Piemonte, la Bonarda e la Vespolina e nell’Oltrepò Pavese la Barbera e l’Uva Rara a cui la Croatina apporta colore e morbidezza.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Croatina

      Il vitigno Croatina è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Lombardia, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 5684 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale5684 ha
      SinonimiBonarda
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provinceVerona
      Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lombardia, Sardegna
      Raccomandato regioniPiemonte

      Croatina - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Croatina sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Croatina ha Foglia media, Foglia piccola, Cuneiforme, Pentagonale, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Croatina ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo lungo, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Croatina ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia Buccia molto pruinosa, spessa e di colore blu-nera.

      Croatina - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Croatina sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Croatina è di colore Rosso rubino. Al palato è Fruttato, leggero.

      Croatina - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Croatina le caratteristiche principali sono:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione