La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Nebbiolo e i suoi vini

    Il vitigno Nebbiolo è l’autoctono piemontese per antonomasia. Il suo nome potrebbe derivare da “nebbia“, secondo alcuni perchè gli acini sono ricoperti da abbondante pruina, mentre per altri per il fatto che è un’uva che viene vendemmiata in ottobre avanzato, quando i vigneti sono avvolti dalle nebbie mattutine. Il Nebbiolo è sicuramente il vitigno a bacca nera più pregiato e difficile tra gli italiani. L’eccellenza della produzione del Nebbiolo è concentrata nelle Langhe e più precisamente nelle zone del Barolo e del Barbaresco (Piemonte) e in Valtellina (Lombardia). Fuori da queste aree di elezione le uve del Nebbiolo non hanno più quello spessore, quella forza e quella “nobiltà” che lo rendono unico al mondo. Sono stati identificati tre cloni principali del vitigno Nebbiolo, il Lampia, il Michet e il Rosé.

    nebbiolo vitigno

    Il Michet dà basse rese ed esprime aromi e gusto particolarmente intensi, mentre il Rosé produce vini dal colore molto scarico e sta via via scomparendo. La maggior parte dei vignaioli preferisce comunque lavorare su una miscela delle tre uve, proprio per dare al prodotto finale una maggior complessità.mentre nelle aree piemontesi di Boca, Bramaterra, Fara, Gattinara, Ghemme, Lessona e Sizzano è chiamato Spanna. In Valtellina prende il nome di Chiavennasca. A Ghemme e Gattinara, due minuscole oasi tagliate dal fiume Sesia, nel nord del Piemonte, tra Vercelli e Novara, il Nebbiolo lo si trova in blend con la Vespolina, per dare piccole produzioni (appena 100 ettari per il Gattinara) non prive di piacevoli sorprese. Nella zona della DOC Boca, grazie a suoli rocciosi e all’escursione termica, si scoprono finezza di bouquet e sfumature minerali, piuttosto che la concentrazione dei tannini. A Carema, un comune al confine con la Valle d’Aosta, le difficoltà che impone la coltivazione della vite in altitudine hanno spinto molti ad abbandonare i vigneti, ma il Nebbiolo che se ne ottiene è estremamente intenso, con tannini evoluti, note di ciliegia sotto spirito, pepe e cacao, petali di rosa e le classiche note terrose di montagna. Un simile scenario di ripidi terrazzamenti intagliati tra le montagne, si ha in Valtellina, l’unico vero baluardo del Nebbiolo al di fuori del Piemonte, che qui viene chiamato Chiavennasca. Le versioni locali del Valtellina superiore DOCG includono il Sassella, dai tratti molto fini, il Grumello, fresco e con note minerali, l’Inferno, forse il più robusto e scorbutico, e infine il Valgella, più leggero e floreale. Lo Sforzato di Valtellina, detto Sfursat, è un vino prodotto da grappoli raccolti e poi fatti appassire per tre mesi, a cui segue una lunga vinificazione per estrarre tutto il possibile dalle bucce di Nebbiolo e almeno 12 mesi di affinamento in botte. Il Nebbiolo è molto usato anche in Valle d’Aosta, dove è chiamato Picoutener.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Nebbiolo

      Il vitigno Nebbiolo è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Piemonte, Lombardia, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 5540 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale5540 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniAbruzzo, Lombardia
      Osservazione regioniBasilicata
      Raccomandato regioniPiemonte, Sardegna, Valle d’Aosta

      Nebbiolo - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Nebbiolo sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Nebbiolo ha Foglia media, Orbicolare, Pentagonale, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Nebbiolo ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Nebbiolo ha acini dimensione media, di forma Acini elissoidali, Sferoidale, con buccia Buccia molto pruinosa, Buccia consistente, sottile e di colore blu-nera.

      Nebbiolo - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Nebbiolo sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Nebbiolo è di colore Rosso rubino, trasparente. Al palato è Floreale, Balsamico, tannico, di corpo.

      Nebbiolo - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Nebbiolo le caratteristiche principali sono:
      Predilige climaClima fresco
      Predilige posizioneEsposizione buona, Zone collinari
      Epoca maturazioneMaturazione tardiva
      VigoriaVigoria elevata, Vigoria moderata

      Nebbiolo - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Nebbiolo risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
      DenominazioneTipo denominazioneRegione
      Alba DOCDOCPiemonte
      Albugnano DOCDOCPiemonte
      Barbaresco DOCGDOCGPiemonte
      Barbera d’Alba DOCDOCPiemonte
      Barolo DOCGDOCGPiemonte
      Basilicata IGTIGTBasilicata
      Boca DOCDOCPiemonte
      Bramaterra DOCDOCPiemonte
      Canavese DOCDOCPiemonte
      Carema DOCDOCPiemonte
      Colli Tortonesi DOCDOCPiemonte
      Colline Novaresi DOCDOCPiemonte
      Colline Saluzzesi DOCDOCPiemonte
      Coste della Sesia DOCDOCPiemonte
      Fara DOCDOCPiemonte
      Gattinara DOCGDOCGPiemonte
      Ghemme DOCGDOCGPiemonte
      Langhe DOCDOCPiemonte
      Lessona DOCDOCPiemonte
      Monferrato DOCDOCPiemonte
      Nebbiolo d’Alba DOCDOCPiemonte
      Piemonte DOCDOCPiemonte
      Pinerolese DOCDOCPiemonte
      Provincia di Pavia IGTIGTLombardia
      Roero DOCGDOCGPiemonte
      Ronchi Varesini IGTIGTLombardia
      Sebino IGTIGTLombardia
      Sforzato di Valtellina o Sfursat di Valtellina DOCGDOCGLombardia
      Sizzano DOCDOCPiemonte
      Terre Alfieri DOCDOCPiemonte
      Valle d’Aosta DOC sottozona Arnad-MontjovetSottozona DOCValle d’Aosta
      Valle d’Aosta DOC sottozona DonnasSottozona DOCValle d’Aosta
      Valle d’Aosta DOC sottozona NebbioloSottozona DOCValle d’Aosta
      Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste DOCDOCValle d’Aosta
      Valli Ossolane DOCDOCPiemonte
      Valtellina Rosso DOCDOCLombardia
      Valtellina Superiore DOCGDOCGLombardia
      Valtellina superiore DOCG sottozona GrumelloSottozona DOCGLombardia
      Valtellina superiore DOCG sottozona InfernoSottozona DOCGLombardia
      Valtellina superiore DOCG sottozona MaroggiaSottozona DOCGLombardia
      Valtellina superiore DOCG sottozona SassellaSottozona DOCGLombardia
      Valtellina superiore DOCG sottozona ValgellaSottozona DOCGLombardia

      Argomenti correlati