L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Fara DOC


Indice dei contenuti per la denominazione Fara DOC

La denominazione Fara DOC rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Piemonte. La denominazione Fara DOC include le province di Novara ed è stata creata nel 1969. I vini della denominazione Fara DOC si basano principalmente sui vitigni Nebbiolo, Vespolina, Uva rara. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Fara DOC. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Fara DOC.

La Denominazione

Risalendo lungo il Fiume Sesia, Fara DOC è la prima delle denominazioni del Novarese ad interessare specifici comuni, in questo caso Briona e Fara Novarese. Il territorio della denominazione si trova parte in altopiani morenici e parte su versanti collinari.

La viticoltura di Fara si sviluppa sul versante orientale della valle del Sesia, occupando un altopiano prevalentemente argilloso diviso in due strisce collinari. I terreni sono più profondi nella parte superiore (quella in piano) e più ciottolosi sciolti lungo i versanti esposti a ovest.

Fin dai tempi più remoti a Fara si è coltivata la vite per fare il vino. Plinio il Vecchio
già la menziona nel I° secolo dopo Cristo e altre testimonianze derivano anche da antichi diari di viticoltori.

Due sono le tipologie di vino incluse nella Fara DOC, il Fara DOC e il Fara DOC Riserva. La loro composizione in termini di vitigni è Nebbiolo (Spanna) dal 50 al 70%; Vespolina ed Uva rara (Bonarda novarese) da sole o congiuntamente dal 30% al 50%. L’affinamento minimo per il vino Fara DOC è di 22 mesi di cui almeno 12 in legno, mentre per la versione riserva di 34 mesi di cui almeno 20 in legno.

Dettagli della denominazione

Creata nel1969
RegionePiemonte
ProvincieNovara
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Vitigni

I produttori del territorio

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino