Le Regioni del Vino - Quattrocalici

Piemonte

vino e vini del piemonte
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Il vino in Piemonte in cifre

Il Piemonte e il Vino

Il Piemonte viene identificato quasi esclusivamente per i suoi grandi vini rossi, ma in questa regione si producono anche ottimi vini bianchi e spumanti. Il ruolo del Piemonte è stato fondamentale per lo sviluppo della moderna enologia Italiana. Proprio qui ha avuto inizio quella straordinaria rivoluzione che ha riportato l’Italia ai vertici della produzione di alta qualità. I vini Piemontesi, a parte poche eccezioni, sono monovarietali, cioè prodotti con un’unica uva. In Piemonte sono partiti i primi esempi di zonazione delle aree vitivinicole, definendo concetti come terroir e cru: uno specifico vino è prodotto esclusivamente con uve provenienti da un’unico vigneto o parcella il cui nome compare in etichetta. Attualmente le denominazioni in cui le “menzioni vigna” sono presenti sono Barolo DOCG, Barbaresco DOCG e Dogliani DOCG. Il territorio di queste denominazioni è suddiviso in zone, e all’interno di queste si individuano le parcelle o cru. Località come La Morra, Barolo, Serralunga d’Alba, Monforte d’Alba e Castiglione Falletto sono le aree vinicole del Barolo, mentre Barbaresco, Treiso e Neive lo sono per il BarbarescoBussia, Lazzarito, Cerequio, Rocche e Brunate sono alcuni esempi di cru di Barolo, così come Rabajà, Asili e Montestefano lo sono per il Barbaresco.

piemonte carta vini

Il Territorio del Piemonte

Il Piemonte è una delle più grandi regioni vitivinicole italiane, con un territorio che si trova per il 30% in collina, per il 26% in pianura e per il 44% in montagna. Il clima è diverso a seconda della zona presa in considerazione, anche se i tratti rimangono prevalentemente continentali, con escursioni termiche abbastanza marcate tra il giorno e la notte. Gli inverni tendono ad essere freddi e abbastanza lunghi e le estati piuttosto calde ed afose in pianura.

La Viticoltura in Piemonte

Il Piemonte conta su più di 50.000 ha di vigneto e più di 3 milioni di ettolitri di vino prodotti, con una resa media abbastanza contenuta (circa 8 t/ha). Più del 90% della produzione vitivinicola del Piemonte avviene nelle zone collinari. I sistemi di allevamento sono moderni (guyot ed altri allevamenti a spalliera).

La storia della Viticoltura in Piemonte

Fino alla prima metà del diciannovesimo secolo i vini Piemontesi erano prevalentemente dolci. Questa tradizione è da ricondurre a motivi sia commerciali che tecnici. Dal punto di vista commerciale, dal momento che la maggior parte dei vini veniva esportata dalla repubblica marinara di Genova via mare, i vini dolci garantivano maggiore conservabilità durante i lunghi viaggi marittimi. Dal punto di vista tecnico, il Nebbiolo, principale vitigno Piemontese, ha una maturazione piuttosto tardiva. Il freddo delle cantine dove avvenivano le fermentazioni durante i mesi di Novembre e Dicembre e la non disponibilità di lieviti selezionati interrompeva il processo di fermentazione lasciando quindi nel vino una certa quantità di zuccheri residui.

Il protagonista del rinascimento dell’enologia Piemontese è stato il Barolo, grazie all’enologo Francese Louis Oudart. Giulietta Falletti, marchesa di Barolo, chiese a Oudart di migliorare i vini da Nebbiolo prodotti nella sua cantina. Oudart comprese le potenzialità del Nebbiolo e intuì che se ne poteva ottenere un ottimo vino secco. Nacque così il Barolo e fu grazie a Camillo Benso conte di Cavour, che decise di convertire le cantine della sua tenuta di Grinzane per la produzione del Barolo, che questo vino iniziò ad acquisire la sua fama a livello nazionale e internazionale.

I Vitigni del Piemonte

I vitigni coltivati in Piemonte sono perlopiù a bacca nera, quali il Nebbiolo, la Barbera, il Dolcetto, la Croatina, la Freisa, la Bonarda, il Grignolino, il Brachetto, le Malvasie a bacca nera di Casorzo e di Schierano. Tra i vitigni a bacca bianca segnaliamo gli autoctoni Cortese ed Erbaluce ed il Moscato bianco, che trova nella regione alcune delle sue massime espressioni.

Le zone di produzione del vino in Piemonte

Barolo

L’area di produzione del Barolo è caratterizzata da cinque celebri località che costituiscono anche altrettante zone di elezione: Barolo, Castiglione Falletto, La Morra, Serralunga d’Alba e Monforte d’Alba.

I vini prodotti nelle cinque località hanno caratteristiche diverse: il terreno di Barolo e La Morra dà al vino un carattere più morbido, aromatico, decisamente fruttato e con maturazione più veloce. A Castiglione Falletto, Serralunga d’Alba e Monforte d’Alba, il terreno è meno compatto e fertile e produce vini più robusti e intensi, che maturano più lentamente. I vini prodotti in queste località si differenziano anche nel colore: quelli prodotti a La Morra e a Barolo tendono ad avere colori rosso rubino, mentre quelli prodotti nelle altre località tendono a colori più granati e aranciati.

La tannicità, è una particolarità dei vini da Nebbiolo che richiede alcuni anni, in genere almeno cinque, prima di assumere un carattere più rotondo e meno aggressivo. Questa caratteristica ha dato vita a due scuole di pensiero tra i produttori: quelli più tradizionali fanno affinare il vino in botti grandi, ottenendo un vino più aggressivo e tipico, mentre  quelli che invece interpretano il Barolo come un vino più morbido e moderno, spesso ricorrono all’uso della barrique, e diminuendo i tempi di fermentazione e di macerazione. Spesso questa caratteristica produttiva è motivo di discussione sia fra i produttori sia fra gli stessi appassionati.

Barbaresco

Il Barbaresco è stato per anni considerato come il “fratello minore” del Barolo, di fatto però è uno straordinario vino da uve Nebbiolo che deve il suo nome all’omonima città in cui si produce, non lontano da Barolo. La fama del Barbaresco è certamente più recente del Barolo, infatti esso prende la strada della notorietà negli anni ’60 grazie soprattutto a  Giovanni Gaja e Bruno Giacosa. Dieci anni più tardi, grazie all’intuito e alla caparbietà di Angelo Gaja, che iniziò a produrre il vino secondo i principi appresi in Francia, il Barbaresco diventerà uno dei vini più ricercati al mondo. Il Barbaresco è in genere considerato più elegante e raffinato del vicino Barolo e si produce nelle località di Barbaresco, Treiso e Neive, ognuna delle quali, grazie alle tipicità della zona, conferisce specifiche caratteristiche al vino.

Le Langhe e il Roero

Le Langhe si trovano nei pressi della città di Alba, alla sinistra del fiume Tanaro e includono anche le zone del Barolo e Barbaresco. Oltre al Nebbiolo vi si coltivano altre uve, come il Dolcetto e la Barbera. Fra le zone più importanti per il Dolcetto ricordiamo Dogliani e Diano d’Alba, quest’ultima con ben 77 cru diversi nel suo territorio. Il Dolcetto dà un vino con una spiccata nota fruttata, buona tannicità ma bassa acidità, che non consente lunghi periodi di maturazione. La Barbera è un’uva che fino a qualche decina di anni fa era considerata adatta solo per la produzione di vini correnti e di largo consumo, ma recentemente è riuscita ad ottenere grandi risultati, grazie ad una vinificazione attenta e di qualità. Il Pelaverga, coltivato nel comune di Verduno, è un vitigno spesso dimenticato, ma capace di produrre vini di notevole interesse. I più importanti vitigni a bacca bianca delle Langhe sono la Favorita e l’Arneis, quest’ultima presente anche nel Roero. Il Roero si trova sulla riva sinistra del fiume Tanaro. Anche qui l’uva a bacca nera più diffusa è il Nebbiolo, tuttavia la notorietà della zona è dovuta anche ad un’uva a bacca bianca: l’Arneis. I vini bianchi da Arneis sono intensi e complessi al naso e piacevoli al palato.

Il Monferrato e L’Astigiano

Queste due importanti zone vinicole sono situate nella parte sud-orientale della regione. Qui il vitigno a bacca nera più importante è decisamente la Barbera. Nel Monferrato la Barbera si trova anche mossa o leggermente frizzante, mentre ad Asti si produce un vino fermo e più corposo. Il Grignolino dà vini rossi vini dai colori generalmente chiari, molto piacevoli e gradevoli. La Freisa, con i suoi vini fruttati e immediati è presente in molti vini di questa zona. Il Ruchè si può considerare patrimonio esclusivo di Castagnole Monferrato. I suoi vini sono eccellenti, anche se in generale non molto strutturati. Il famoso Brachetto d’Acqui viene prodotto sia frizzante sia spumante dolce e affascina per la sua spiccata aromaticità e per la sua piacevolezza. Il Gavi, vino bianco DOCG, viene prodotto con uve Cortese e si caratterizza per la sua intensità ed armonia. A Ovada l’uva principale è il Dolcetto che qui manifesta caratteristiche uniche e assoluto interesse. Asti è famosa per il Moscato Bianco e per lo spumante dolce che porta il nome della città. Il successo dell’Asti Spumante è dovuto a Carlo Gancia, che decise nel 1865 di spumantizzare l’uva Moscato Bianco. Il Moscato di Loazzolo è un elegante vino passito prodotto anch’esso con Moscato bianco. Nell’Astigiano il vino rosso più importante è la Barbera, che trova qui una delle sue massime espressioni, grazie all’opera di Giacomo Bologna, che per primo introdusse la maturazione in barrique, facendo prendere alla Barbera un posto di rilievo tra i vini importanti.

Il nord del Piemonte

L’area settentrionale del Piemonte è caratterizzata soprattutto dalla produzione di vini rossi da Nebbiolo, meno noti di quelli del Barolo e Barbaresco, ma comunque di sicuro fascino e interesse. Fra le zone più celebri per questi vini ricordiamo Ghemme e Gattinara e la DOC Carema, nella parte occidentale e in prossimità della Valle d’Aosta. Fra i vini DOC della zona settentrionale del Piemonte prodotti con Nebbiolo, da solo o insieme ad altre varietà, vanno ricordati Lessona, Bramaterra, Boca, Sizzano e Fara. L’Erbaluce è invece un’uva bianca con la quale si producono vini secchi ma anche straordinari passiti, appartenenti alla denominazione Erbaluce di Caluso DOCG.

Le Denominazioni di Origine in Piemonte

Possiamo suddividere il Piemonte in 8 zone vitivinicole principali:

  1. La zona a nord di Novara e Vercelli con le Gattinara DOCGGhemme DOCG ed anche le Lessona DOCBramaterra DOCBoca DOCSizzano DOC Fara DOC. I vitigni principali qui sono il Nebbiolo, chiamato in questa zona Spanna, la Croatina, la Barbera e il bianco Erbaluce.
  2. Al confine con la Valle d’Aosta troviamo le Canavese DOC e Carema DOC, sempre con i vitigni Nebbiolo ed Erbaluce.
  3. Vicino a Torino la Collina Torinese DOC (vitigni FreisaBarberaBonarda e Dolcetto) e la Erbaluce di Caluso DOCG.
  4. La zona del Monferrato, compresa tra Asti, Casale Monferrato, Ovada e Gavi comprende tra le altre le Barbera del Monferrato Superiore DOCG, Brachetto d’Acqui DOCGDogliani DOCGOvada DOCG, Gavi o Cortese di Gavi DOCG e Ruchè di Castagnole Monferrato DOCG, con i vitigni Moscato BiancoCorteseGrignolino, le Malvasie a bacca nera Malvasia di Casorzo e Malvasia di Schierano, in aggiunta agli altri già menzionati.
  5. L’Astigiano, importante zona spumantistica con il Moscato bianco, che comprende anche la Loazzolo DOC famosa per il Moscato passito.
  6. La zona del Tortonese in cui, oltre a Cortese e Barbera, segnaliamo il bianco autoctono Timorasso.
  7. A sinistra del fiume Tanaro la Roero DOCG con i vitigni Nebbiolo, Barbera ed il bianco Arneis
  8. a destra del fiume la Langa, con le Barolo DOCGBarbaresco DOCG (Nebbiolo, ma anche Ruché, Barbera e Dolcetto) e Dogliani DOCG (Dolcetto).

In Piemonte si contano quindi un totale di ben 16 DOCG e 42 DOCnessuna IGT10 DOP tra cui spiccano i formaggi Bra DOP e Castelmagno DOP e 6 IGP.

La gastronomia e i prodotti tipici del Piemonte

I prodotti della regione, ricca di colline, montagne e territori pianeggianti, rispecchiano le caratteristiche del territorio. Dalle pianure del Vercellese il riso, nelle varietà Carnaroli, Arborio e Vialone nano è il protagonista di moltissime ricette, mentre dalle colline dell’Albese il tartufo bianco caratterizza moltissime ricette locali. I boschi in collina sono ricchi di funghi, come porcini e ovoli. Gli orti del Piemonte danno verdure tipiche come peperoni e asparagi. Molti i tipici formaggi come il castelmagno, il bra, il raschera, la robiola di roccaverano e molti altri.

La cucina Piemontese è famosa per i suoi antipasti, sia caldi che freddi, tra cui ricordiamo i peperoni  e le cipolle ripiene, i crostini con tartufi, le insalate e i salumi, crudi e cotti, il vitello tonnato e le uova ripiene. Tra i primi piatti famosi sono gli agnolotti del plin, con sugo di arrosto o al tartufo, gli gnocchi all’ossolana (fatti con farina di patate e di castagne, e i risotti, cui si è già accennato, al barolo, agli asparagi, alla finanziera e molti altri. Ricordiamo anche i Tajarin di pasta all’uovo fatta in casa, con tartufo o salvia e burro sfuso. Molti i secondi piatti a base di carne, come i famosi brasato al barolo e il bollito misto alla piemontese. Tra i piatti a base di carni bianche il pollo alla babi (alla brace) e alla marengo. Molti anche i piatti a base di selvaggina, come la famosa lepre in civet, la pernice al barolo e i piccioni saltati alla monferrina. La finanziera è un piatto ottenuto con tagli del quinto quarto (cervella, fegato, animelle), salsiccia e fesa di vitello a dadini, con aggiunta di brodo e funghi porcini. La bagna caôda viene preparata con acciughe, olio e aglio ed utilizzata come intingolo per le verdure fresche della stagione autunnale. Tra i dolci meritano di essere ricordati i marrons glacés, i cuneesi al rum, la composta di marroni e il bônet, un budino di cioccolato al latte.

Esplora le risorse disponibili per la regione Piemonte

I Libri di Quattrocalici

my wines quaderno degustazione

My♥Wines

Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

conoscere il vino - il libro

Conoscere il Vino  - Il Libro

"Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le province di questa regione

  • Le Regioni del Vino