La guida ai vitigni di Quattrocalici

Grignolino

Il vitigno Grignolino e i suoi vini

grignolino vitigno

Il vitigno Grignolino ha la sua origine e il suo territorio di eccellenza tra i Colli Astigiani ed Alessandrini (Monferrato Casalese), ma lo possiamo trovare anche in alcune zone della provincia di Cuneo e nell’Oltrepò Pavese, dove è conosciuto anche come Barbesino. Il nome Grignolino ha la sua probabile origine dal termine dialettale astigiano “grignòle“, cioè vinaccioli, essendone gli acini di questa varietà particolarmente ricchi. Il Grignolino non è una varietà facile da lavorare e il vino che ne risulta ha un livello di tannino che contrasta con il colore leggero e con il corpo. Viene spesso mescolato con Barbera e Freisa per produrre vini dalla colorazione più intensa e maggior equilibrio. La denominazione di origine controllata Grignolino d’Asti DOC stabilisce che questo vino deve essere ottenuto da uve provenienti dal vitigno Grignolino eventualmente accompagnato dal vitigno Freisa fino ad un massimo del 10%.

I vini Grignolino sono purtroppo una varietà considerata inferiore rispetto alle uve nere più pregiate in Piemonte e svolgono una funzione simile al Dolcetto. La buccia sottile dei suoi acini non contiene molto pigmento ed il vino lascia passare la luce sia nel colore che nel corpo e rendendolo ideale da bere fresco nel calore di fine estate. Il Grignolino, provenendo da una regione nota per i suoi vini rossi tannici  e potenti ottenuti da uve Nebbiolo, rappresenta uno dei più freschi vini di facile beva prodotti nella zona. Così come il Pinot Nero e il Nebbiolo, anche il Grignolino è un vitigno che richiede colline soleggiate per ottenere una maturazione uniforme e la sua crescita dipende fortemente dalla presenza di terreni asciutti e sabbiosi. La grande presenza di vinaccioli rendo il Grignolino un vitigno difficile da vinificare, perchè le uve devono essere sottoposte a pressioni molto leggere, in modo che i semi amari non si rompano provocando sapori astringenti indesiderati nel vino. In fase di vinificazione si cerca sempre di mantenere il colore rubino chiaro brillante tipico del Grignolino. Ciò è dovuto, tra le altre cose, alla presenza nei grappoli di acini di colore anche molto diverso tra loro, dal rosso, al rosa, al nero e persino al verde, a causa della maturazione non uniforme che porta, infatti, ad avere acini molto maturi ed altri ancora acerbi presenti nello stesso grappolo. Il Grignolino è un vino che viene preparato mediante trattamenti delicati e brevi macerazioni.

 

grignolino vitigno

Il vitigno Grignolino ha la sua origine e il suo territorio di eccellenza tra i Colli Astigiani ed Alessandrini (Monferrato Casalese), ma lo possiamo trovare anche in alcune zone della provincia di Cuneo e nell’Oltrepò Pavese, dove è conosciuto anche come Barbesino. Il nome Grignolino ha la sua probabile origine dal termine dialettale astigiano “grignòle“, cioè vinaccioli, essendone gli acini di questa varietà particolarmente ricchi. Il Grignolino non è una varietà facile da lavorare e il vino che ne risulta ha un livello di tannino che contrasta con il colore leggero e con il corpo. Viene spesso mescolato con Barbera e Freisa per produrre vini dalla colorazione più intensa e maggior equilibrio. La denominazione di origine controllata Grignolino d’Asti DOC stabilisce che questo vino deve essere ottenuto da uve provenienti dal vitigno Grignolino eventualmente accompagnato dal vitigno Freisa fino ad un massimo del 10%.

I vini Grignolino sono purtroppo una varietà considerata inferiore rispetto alle uve nere più pregiate in Piemonte e svolgono una funzione simile al Dolcetto. La buccia sottile dei suoi acini non contiene molto pigmento ed il vino lascia passare la luce sia nel colore che nel corpo e rendendolo ideale da bere fresco nel calore di fine estate. Il Grignolino, provenendo da una regione nota per i suoi vini rossi tannici  e potenti ottenuti da uve Nebbiolo, rappresenta uno dei più freschi vini di facile beva prodotti nella zona. Così come il Pinot Nero e il Nebbiolo, anche il Grignolino è un vitigno che richiede colline soleggiate per ottenere una maturazione uniforme e la sua crescita dipende fortemente dalla presenza di terreni asciutti e sabbiosi. La grande presenza di vinaccioli rendo il Grignolino un vitigno difficile da vinificare, perchè le uve devono essere sottoposte a pressioni molto leggere, in modo che i semi amari non si rompano provocando sapori astringenti indesiderati nel vino. In fase di vinificazione si cerca sempre di mantenere il colore rubino chiaro brillante tipico del Grignolino. Ciò è dovuto, tra le altre cose, alla presenza nei grappoli di acini di colore anche molto diverso tra loro, dal rosso, al rosa, al nero e persino al verde, a causa della maturazione non uniforme che porta, infatti, ad avere acini molto maturi ed altri ancora acerbi presenti nello stesso grappolo. Il Grignolino è un vino che viene preparato mediante trattamenti delicati e brevi macerazioni.

 

vitigno grignolino
Grignolino

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Grignolino è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Piemonte e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 915 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliPiemonte
Superfice vitata nazionale915 ha
Anno di registrazione1970
Raccomandato regioniPiemonte
Grignolino

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Grignolino sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Grignolino ha Foglia media, Foglia grande, Foglia pentagonale, Foglia pentalobata, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Grignolino ha Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Grignolino ha acini Acini di dimensione media, Acini piccoli, di forma Acini elissoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia sottile e di colore Buccia blu-nera.

Grignolino

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Grignolino sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Grignolino è di colore Rosso rubino, . Al palato è Floreale, Fruttato, tannico.

Grignolino

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Grignolino le caratteristiche principali sono:
Grignolino

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Grignolino risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.