La guida ai vitigni di Quattrocalici

Freisa

Il vitigno Freisa e i suoi vini

freisa vitigno

La Freisa è un vitigno a bacca nera autoctono del Piemonte, diffuso nel Monferrato Astigiano e Casalese, fino alla Langa Cuneese e dalle colline Torinesi alle colline del Saluzzese, del Pinerolese, del Canavese e del Novarese. È un vitigno rustico, ideale in quest’area di scarse precipitazioni estive. Il Freisa ha una storia molto antica, infatti le prime testimonianze scritte risalgono al cinquecento quando un vino molto pregiato con il nome di Fresearum veniva inserito in alcuni tariffari della dogana piemontese del comune di Pancalieri, nell’attuale provincia di Torino. Il Di Rovasenda lo inserì tra i più diffusi vitigni del Piemonte nel suo Album ampelografico. Sono documentate almeno due varietà di Freisa, la Freisa Piccola, meno produttiva e più adatta alle zone collinari, e la Freisa Grossa, più produttiva ma qualitativamente meno pregiata.

Dal punto di vista ampelografico il Freisa presenta grappoli lunghi di forma cilindrica, poco alati, quasi spargoli. Glia acini sono tendenzialmente ovali con dimensioni medie con molta presenza di pruina su bucce fini ma molto coriacee, di colore nero tendente al blu. La Freisa è un vitigno vigoroso, ed ha rese medio alte specialmente nel sottotipo Grosso. Ha  maturazione medio-tardiva e viene allevato a controspalliera e il Guyot, con potature espanse e lunghe. La Freisa resiste bene alle malattie e alle muffe anche se manifesta una certa sensibilità all’oidio. I terreni del Piemonte a struttura argillosa e marnosa sono un ottimo luogo per la Freisa, che è utilizzata sia in purezza che nei tagli in tutta la regione. La Freisa dà ai vini colore e buona concentrazione tannica e profumi fruttati. La componente acida e la struttura gli consentono invecchiamenti di medio termine. Al palato può essere secco o amabile e può presentarsi in versione leggermente frizzante. Da giovane è un vino fresco, dotato di vivacità e brillantezza, mentre con il tempo assume toni più maturi, con i frutti in confettura e qualche accenno terziario. Nella versione dolce è un ottimo abbinamento per la pasticceria secca o cremosa, mentre quella secca si abbina con i salumi, le carni rosse non elaborate e alcuni formaggi stagionati, ma si può anche con primi piatti al ragù.

freisa vitigno

La Freisa è un vitigno a bacca nera autoctono del Piemonte, diffuso nel Monferrato Astigiano e Casalese, fino alla Langa Cuneese e dalle colline Torinesi alle colline del Saluzzese, del Pinerolese, del Canavese e del Novarese. È un vitigno rustico, ideale in quest’area di scarse precipitazioni estive. Il Freisa ha una storia molto antica, infatti le prime testimonianze scritte risalgono al cinquecento quando un vino molto pregiato con il nome di Fresearum veniva inserito in alcuni tariffari della dogana piemontese del comune di Pancalieri, nell’attuale provincia di Torino. Il Di Rovasenda lo inserì tra i più diffusi vitigni del Piemonte nel suo Album ampelografico. Sono documentate almeno due varietà di Freisa, la Freisa Piccola, meno produttiva e più adatta alle zone collinari, e la Freisa Grossa, più produttiva ma qualitativamente meno pregiata.

Dal punto di vista ampelografico il Freisa presenta grappoli lunghi di forma cilindrica, poco alati, quasi spargoli. Glia acini sono tendenzialmente ovali con dimensioni medie con molta presenza di pruina su bucce fini ma molto coriacee, di colore nero tendente al blu. La Freisa è un vitigno vigoroso, ed ha rese medio alte specialmente nel sottotipo Grosso. Ha  maturazione medio-tardiva e viene allevato a controspalliera e il Guyot, con potature espanse e lunghe. La Freisa resiste bene alle malattie e alle muffe anche se manifesta una certa sensibilità all’oidio. I terreni del Piemonte a struttura argillosa e marnosa sono un ottimo luogo per la Freisa, che è utilizzata sia in purezza che nei tagli in tutta la regione. La Freisa dà ai vini colore e buona concentrazione tannica e profumi fruttati. La componente acida e la struttura gli consentono invecchiamenti di medio termine. Al palato può essere secco o amabile e può presentarsi in versione leggermente frizzante. Da giovane è un vino fresco, dotato di vivacità e brillantezza, mentre con il tempo assume toni più maturi, con i frutti in confettura e qualche accenno terziario. Nella versione dolce è un ottimo abbinamento per la pasticceria secca o cremosa, mentre quella secca si abbina con i salumi, le carni rosse non elaborate e alcuni formaggi stagionati, ma si può anche con primi piatti al ragù.

vitigno freisa
Freisa

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Freisa è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Piemonte e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 1041 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliPiemonte
Superfice vitata nazionale1041 ha
Anno di registrazione1970
Autorizzato provinceVicenza
Autorizzato regioniLombardia
Osservazione regioniBasilicata
Raccomandato regioniPiemonte, Valle d’Aosta
Freisa

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Freisa sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Freisa ha Foglia media, Foglia piccola, Foglia cuneiforme, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Freisa ha Grappolo mediamente compatto, Grappolo spargolo, Grappolo medio, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Freisa ha acini Acini di dimensione media, Acini piccoli, di forma Acini ovoidali, Acini sub-ovoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, Buccia sottile e di colore Buccia blu-nera.

Freisa

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Freisa sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Freisa è di colore Rosso rubino. Al palato è Fruttato, Floreale, di corpo.

Freisa

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Freisa le caratteristiche principali sono:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.