le regioni del vino - quattrocalici

Valle d’Aosta

Vitigni, Vino, Enogastronomia

Il territorio vitivinicolo della Valle d'Aosta

La Valle d’Aosta è è una piccola regione, di circa 3000 kmq. La Valle, formata dalla Dora Baltea, si snoda da ovest verso est ed è circondata dalle più alte montagne d’Europa, sulle quali svetta il Monte Bianco (4950 m). Qui il clima presenta notevoli variazioni in funzione dell’altitudine, con un dislivello di oltre 4000m tra la zona della Bassa Valle e le cime più alte. E’ freddo intenso durante la stagione invernale, soggetto a frequenti gelate primaverili e a temperature molto elevate durante l’estate. La destra orografica della Valle Centrale, viene chiamata Envers, è esposta a nord e caratterizzata dalla presenza di boschi. La sinistra orografica, chiamata Adret, esposta a sud, è coltivata invece a vigna e frutteti. I terreni viticoli sono composti soprattutto da graniti nella zona di Morgex. Ad Arnad-Montjovet e Donnas hanno uno spessore molto basso, che spesso espone la roccia madre, e sono invece prevalentemente sabbioso-argillosi, anche con notevoli diversificazione tra le varie zone viticole della Valle Centrale, quindi più adatti alla coltivazione di vitigni a bacca bianca.

vino e vini in valle d'aosta

Il vino in Valle d'Aosta in cifre

Valle d’Aosta

La viticoltura in Valle d'Aosta

La Valle d’Aosta ha una piccolissima superficie vitata (circa 400 ettari) di cui il 70% in montagna e il restante in collina. La coltivazione della vite è situata soprattutto lungo gli 80 km del corso della Dora Baltea e, come accade spesso in zone montane quali la Valtellina o ad alcuni appezzamenti in Alto Adige, è disposta su terrazzamenti sostenuti da muretti in pietra che formano piccoli appezzamenti in massima parte sostenuti dalle radici stesse delle viti. Su queste terrazze molto ripide, essendo le forme di potatura o vendemmia automatizzata escluse in partenza, le forme di allevamento tradizionali (Pergola, Alberello) prevalgono su quelle più moderne.

La storia della viticoltura in Valle d'Aosta

La presenza della vite in Valle d’Aosta risale all’età del bronzo, come testimonia il ritrovamento di vinaccioli risalenti a quell’epoca. Furono i Romani però a coltivare i primi vigneti specializzati per la produzione di vino. Sono infatti state ritrovate anfore, brocche e bottiglie in locali probabilmente adibiti alla torchiatura risalenti al I secolo d.C. La vite e il vino ebbero un ruolo importante in Valle d’Aosta anche nel medioevo e nelle epoche successive, fino alle pestilenze del XVII secolo e ai frequenti transiti di truppe con le conseguenti distruzioni dei terreni agricoli. Nel periodo napoleonico e nel corso del XIX secolo la superficie vitata raggiunse la sua massima estensione, di circa 3.000 ha. A partire dalla fine del XIX fino alla metà del secolo scorso si ebbe un suo ridimensionamento, a causa della fillossera, dell’oidio e peronospora. Risale agli anni ‘50 l’istituzione dell’École Pratique d’Agriculture, divenuta Institut Agricole Régional nel 1982, che ebbe modo di divulgare nuove tecniche di coltivazione, orientando la produzione viticola verso la ricerca della qualità dei vini piuttosto che della produttività. Negli anni settanta nascono le prime Cantine Cooperative, che svolgono tuttora un ruolo molto importante nella trasformazione delle uve e nella diffusione dei vini valdostani. Il miglioramento della qualità dei vini crea un circolo virtuoso, facendo aumentare l’apprezzamento da parte del mercato, con un aumento della domanda, che a sua volta favorisce la nascita di nuove aziende nonché la crescita delle realtà esistenti, stimolando lo sviluppo della viticoltura. Ad oggi in Valle d’Aosta sono presenti sei cantine cooperative ed una quarantina di cantine private, molte delle quali organizzate in associazioni di produttori.

Valle d’Aosta

I vitigni della Valle d'Aosta

I vitigni coltivati in Valle d’Aosta sono quasi tutti autoctoni, anche perchè queste varietà presentano una vitalità elevata anche alle alte quote dove si trovano quasi tutti i vigneti della regione e dove altre specie non sopravviverebbero o non sarebbero produttive. Tra i vitigni a bacca nera coltivati in Valle d’Aosta il Petit Rouge, il Prëmetta e il Fumin, mentre tra quelli a bacca bianca il Prié Blanc. In aggiunta menzioniamo inoltre il Mayolet, il Roussin, il Vuillermin, il Neyret, ma se ne contano almeno altrettanti, con una varietà incredibile per i soli 400 ettari vitati della regione! Nelle zone più basse e con clima meno estremo, troviamo il Nebbiolo, la Freisa e il Moscato Bianco.

I vitigni della Valle d'Aosta in cifre

I vitigni coltivati nella regione Valle d’Aosta

Riportimo l’elenco dei vitigni che compaiono nei disciplinari delle denominazioni di origine della regione Valle d’Aosta e il link alle pagine dedicate nella Guida ai Vitigni d’Italia di Quattrocalici.
Valle d’Aosta

Le Denominazioni di Origine del vino in Valle d'Aosta

Le Denominazioni di Origine per il vino in Valle d’Aosta, viste le piccole dimensioni della regione, si concentrano in una sola DOC, la Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste DOC. Ciononostante, la produzione vitivinicola Valdostana presenta una varietà e complessità notevole, testimoniata dalle ben 7 sottozone della denominazione: Arnad-Montjovet, Blanc de Morgex et de La Salle, Chambave, Donnas, Enfer d’Avrier, Nus, Torrette, ben caratterizzate dal punto di vista pedoclimatico. Le 4 DOP regionali sono molto caratterizzate e tutte meritevoli di menzione: il Fontina DOP e il Valle d’Aosta Fromadzo DOP tra i formaggi, il Valle d’Aosta Jambon de Bosses DOP e il Valle d’Aosta Lard d’Arnad DOP come salumi.

Le Denominazioni di Origine in Valle d'Aosta

Valle d’Aosta

Le Denominazioni di origine per il vino in Valle d’Aosta

Le allegate cartine mostrano i confini delle Denominazioni di Origine per il Vino nella regione Valle d’Aosta. Le tabelle contengono i link alle pagine dedicate ad ogni singola Denominazione.

Le DOCG della regione Valle d’Aosta

Le Denominazioni DOCG

DenominazioneProvince

Le DOC della regione Valle d’Aosta

Le DOC in Valle d'Aosta

Le Denominazioni DOC

DenominazioneProvince
Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste DOCAosta

Le IGT della regione Valle d’Aosta

Le Denominazioni IGT

DenominazioneProvince
Valle d’Aosta

Le Denominazioni di Origine agroalimentari della Valle d'Aosta

La regione Valle d’Aosta, come tutte le regioni d’Italia, non è solamente famosa per i suoi vini, ma anche per diversi altri prodotti tipici legati al territorio e protetti da denominazioni di origine DOP e IGP. Ecco l’elenco completo delle Denominazioni di Origine Agroalimentari per la regione Valle d’Aosta.
Valle d’Aosta

La cucina regionale della Valle d'Aosta

La cucina della Valle d’Aosta conserva radici antiche ed è pertanto inscindibilmente legata ai prodotti del territorio. E’ una cucina rustica e semplice, di montagna, basata in gran parte su pochi ingredienti locali come i cavoli, le patate, i fagioli, le castagne, la segale, l’orzo, le vecchie varietà di granturco, l’aceto di mele, molte varietà locali di mele e di pere (la più nota fra tutte la “Martin sec”). Essendo una cucina di montagna la selvaggina, il maiale (soprattutto i salumi) e i formaggi giocano un ruolo importante: i due più famosi sono la fontina (a vari gradi di stagionatura) e la toma. Essi conservano ancora i sapori delle erbe dei prati di alta montagna e quindi presentano sfumature gusto-olfattive diverse a seconda della stagione. Peculiare nella cucina regionale Valdostana la quasi totale mancanza del frumento e quindi della pasta, che viene sostituita da primi a base di patate (gnocchi), polente (a base di granturco e anche segale e grano saraceno) e riso (dal vicino Piemonte). Piuttosto scarso anche l’uso dell’olio extravergine di oliva, infatti, ancora oggi i grassi più usati in cucina sono il burro e il lardo. Molte sono le influenze della cucina francese ed in particolare le similitudini con la cucina delle regioni transalpine confinanti (Savoia, Alta Savoia e Vallese).

Tra i primi piatti ricordiamo gli Chnéfflenes, bottoncini di pastella cotti in acqua bollente e conditi con fonduta, panna e speck oppure cipolla brasata, e gli Chnolles, gnocchetti di farina di mais, entrambi piatti tipici walser dell’alta valle del Lys (Gressoney-Saint-Jean), da mangiare in un brodo di carne di maiale. La Pèilà è una minestra di farina di segale e di frumento, con pane, fontina e burro. La Seupa à la Vapelenentse è uno dei piatti valdostani più famosi, a base di pane, verza e fontina; la Seuppa à la Cognèntse, originaria di Cogne, simile alla precedente, ma con riso; la Seuppa de l’âno (zuppa dell’asino), chiamata anche seuppa frèide (“zuppa fredda”), con pane nero a fette e vino rosso zuccherato; la Soça, una minestra di fagioli con cipolla e spezie, patate, lardo affumicato e saouceusses rosolate; la Sorsa, una zuppa densa preparata con brodo, pane nero, patate, fagioli, fagiolini, carote, pere e mele.
Tra i secondi piatti meritano una menzione il Bouilli à la saumure, un bollito di carne salata, che è possibile trovare dai macellai valdostani in autunno e in inverno, con salsicce e patate; la Carbonade, antico piatto tipico a base di carne bovina, salata e cotta lentamente con aglio e lardo, con salsa di vino bianco o rosso e spezie, la Cotoletta di vitello alla valdostana, con fontina e uova, fritta nel burro; il Fricandeau, noce di vitello a pezzetti con cipolla, rosmarino, erbe aromatiche e vino bianco, da mangiare con la polenta; gli Involtini di Fénis, di vitello ripieni di motsetta (simile alla bresaola) e fontina; i tanti piatti a base di formaggi fusi come il più conosciuto in assoluto: la fonduta.
Tra i dolci ricordiamo il Creinchein, dolce zuccherato al burro; le tegole valdostane, gallette di pasta di mandorle; i Torcetti, biscotti di pasta dolce al burro con zucchero o miele, tipici di Saint-Vincent; il Mécoulin, pane dolce tipico di Cogne e di Hône; la Crema di Cogne, a base di panna, zucchero e cioccolato.