La guida ai vitigni di Quattrocalici

Timorasso

Il vitigno Timorasso e i suoi vini

timorasso vitigno

Il vitigno Timorasso è un autoctono a bacca bianca della zona dei Colli Tortonesi. Viene riportato in zona fin dal medioevo, e nel corso dei secoli è arrivato a diventare il vitigno più coltivato del comprensorio, fino all’arrivo della fillossera ed al secondo conflitto mondiale. Sono seguiti anni di progressivo abbandono delle campagne e riduzione della superficie vitata, nei quali il Timorasso è stato poco a poco abbandonato a vantaggio di varietà più facili e produttive. Negli ultimi anni vi è stata la riscoperta del Timorasso, grazie soprattutto alle sue caratteristiche enologiche. La coltivazione del Timorasso si estendeva un tempo su si un vasto territorio, dall’Alessandrino al Novese e al Tortonese, spingendosi fino a Voghera, in provincia di Pavia. Attualmente è un vitigno autorizzato nelle sole province di Asti e Alessandria.

Il grappolo del Timorasso è medio-grande,abbastanza compatto e allungato, con acini  di media grandezza, sferici, dalla buccia di colore verde-giallo, spessa e resistente e polpa carnosa, di sapore neutro. La foglia è di medie dimensioni e pentalobata, di colore verde scuro con una leggera lanugine sulla parte inferiore e nervature marcate. La produttività del Timorasso è decisamente incostante, ma in compenso è abbastanza resistente alle malattie e agli eventi atmosferici. La sua vigoria è inferiore a quella della maggioranza delle uve bianche. Il vino che viene prodotto dal Timorasso è bianco, asciutto, corposo e abbastanza alcolico. Risulta anche adatto ad un breve invecchiamento.

timorasso vitigno

Il vitigno Timorasso è un autoctono a bacca bianca della zona dei Colli Tortonesi. Viene riportato in zona fin dal medioevo, e nel corso dei secoli è arrivato a diventare il vitigno più coltivato del comprensorio, fino all’arrivo della fillossera ed al secondo conflitto mondiale. Sono seguiti anni di progressivo abbandono delle campagne e riduzione della superficie vitata, nei quali il Timorasso è stato poco a poco abbandonato a vantaggio di varietà più facili e produttive. Negli ultimi anni vi è stata la riscoperta del Timorasso, grazie soprattutto alle sue caratteristiche enologiche. La coltivazione del Timorasso si estendeva un tempo su si un vasto territorio, dall’Alessandrino al Novese e al Tortonese, spingendosi fino a Voghera, in provincia di Pavia. Attualmente è un vitigno autorizzato nelle sole province di Asti e Alessandria.

Il grappolo del Timorasso è medio-grande,abbastanza compatto e allungato, con acini  di media grandezza, sferici, dalla buccia di colore verde-giallo, spessa e resistente e polpa carnosa, di sapore neutro. La foglia è di medie dimensioni e pentalobata, di colore verde scuro con una leggera lanugine sulla parte inferiore e nervature marcate. La produttività del Timorasso è decisamente incostante, ma in compenso è abbastanza resistente alle malattie e agli eventi atmosferici. La sua vigoria è inferiore a quella della maggioranza delle uve bianche. Il vino che viene prodotto dal Timorasso è bianco, asciutto, corposo e abbastanza alcolico. Risulta anche adatto ad un breve invecchiamento.

vitigno timorasso
Timorasso

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Timorasso è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca bianca presenti principalmente nelle regioni Piemonte e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 130 ha.
Colore baccaBacca bianca
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliPiemonte
Superfice vitata nazionale130 ha
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniLombardia, Piemonte
Timorasso

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Timorasso sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Timorasso ha Foglia media, Foglia cuneiforme, Foglia pentagonale, Foglia pentalobata, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Timorasso ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 2-3 ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Timorasso ha acini Acini grandi, Acini di dimensione media, di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, Buccia spessa e di colore Buccia verde-gialla.

Timorasso

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Timorasso sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Timorasso è di colore . Al palato è Fruttato, di corpo.

Timorasso

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Timorasso le caratteristiche principali sono:
Timorasso

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Timorasso risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.