L’ATLANTE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE di Quattrocalici

Valtellina Rosso DOC

La Denominazione

La Valtellina insieme alla Valchiavenna rappresenta il territorio della provincia di Sondrio.Qui le particolari situazioni ambientali favoriscono il realizzarsi di condizioni climatiche idonee alla viticoltura ed in particolare al vitigno Nebbiolo. Infatti la valle, longitudinale alla catena montuosa, è per la parte vitata orientata est-ovest e la costiera pedemontana, alla destra orografica del fiume Adda, gode di esposizione completamente a sud; inoltre è protetta, a nord e ad est, dalla catena montuosa delle Alpi Retiche, con cime di elevata altitudine (tutte oltre i 3.000 metri, con vette di oltre 4.000) e a sud la catena delle Alpi Orobie, con cime appena più basse, la racchiude in una specie di anfiteatro. La relativa vicinanza del bacino del lago di Como, a sud–ovest, funge da regolatore e mitigatore termico.

Le origini della viticoltura in Valtellina sono molto lontane nel tempo. Lo sfruttamento agricolo del territorio e la sistemazione a terrazzamento è riconducibile in epoca romana o quantomeno longobarda, se non addirittura pre-romana in quanto i primi abitatori della valle furono i Liguri a cui seguirono gli Etruschi, ed entrambi i popoli conoscevano la coltura della vite. Nel medioevo (sec. X e XI), i monaci benedettini erano proprietari di diversi appezzamenti di vigne a coltura specializzata, il cui prodotto era destinato al consumo locale e certamente anche ai monaci del capoluogo lombardo. Grande impulso viticolo alla Valtellina è però conseguente alla sua appartenenza per quasi tre secoli, dal 1550 al 1797 alla Lega Grigia (oggi “Cantone Grigioni”), grazie ai rapporti economici che la Lega Grigia intratteneva con le corti del centro e nord Europa.

Il terrazzamento è un metodo di coltivazione dei versanti montani, che si ritrova, con molte analogie, in tutte le vallate dell’arco alpino. Attraverso la realizzazione del terrazzo fu possibile recuperare le costiere pedemontane ed insediarvi le colture necessarie alla sopravvivenza delle popolazioni locali.

Il Nebbiolo è il vitigno più importante tra quelli coltivati in Valtellina, e l’unico ammesso in purezza per la tipologia Valtellina rosso DOC, protagonista di questa denominazione.

Valtellina Rosso DOC

La Denominazione nei dettagli

valtellina-rosso-doc
Creata nel1968
RegioneLombardia
ProvincieSondrio
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino
Valtellina Rosso DOC

Il Disciplinare della denominazione

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Valtellina Rosso DOC, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare.
Valtellina Rosso DOC

I Vitigni della Denominazione

Nella tabella riportiamo i vitigni che rientrano nella composizione ampelografica delle tipologie di vino della denominazione Valtellina Rosso DOC. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole varità della Guida ai Vitigni d’Italia di Quattrocalici.
VitignoColore bacca
Nebbiolonebbiolo vitignoBacca nera
Valtellina Rosso DOC

Le Tipologie Vini della Denominazione

I disciplinari delle denominazioni di origine dei vini prevedono una o più “Tipologie di vino” coperte nell’ambito della stessa denominazione. La tabella riporta tutte le tipologie previste dalla denominazione Valtellina Rosso DOC, ottenute vinificando le uve dei vitigni autorizzati nell’ambito della stessa denominazione. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole tipologie di vino, nelle quali si possono trovare tutti i dettagli relativi ai procedimenti di vinificazione e alle caratteristiche organolettiche dei vini.
Valtellina Rosso DOC

Le Cantine nel territorio della Denominazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.