GUIDA ALLA DEGUSTAZIONE DEI VINI ITALIANI – Quattrocalici

Ribolla Gialla

La degustazione

La degustazione della Ribolla gialla. La Ribolla gialla è il più famoso vino varietale bianco prodotto con un vitigno autoctono Friulano. Questi vini sono passati dall’essere leggeri e immediati, prodotti da bere entro l’anno pena l’ossidazione e la perdita delle sue caratteristiche peculiari, a vini strutturati, di intensi profumi fruttati e minerali, con note balsamiche e di erbe aromatiche. La Ribolla gialla viene prodotta anche in versioni sottoposte a lunghe macerazioni del mosto sulle bucce, veri e propri Orange wines, che meritano un discorso a parte. Questi vini sono più resinosi e manifestano tratti balsamici e speziati. Sono più corposi e hanno anche un discreto contenuto di tannini, mentre la Ribolla gialla tradizionale è più leggera e solare, piena di profumi floreali e ricordi minerali. La zona più rinomata in Friuli è il Collio Goriziano, dove la troviamo spesso in assemblaggio con il Tocai Friulano, ma anche i Colli Orientali del Friuli, dove la Ribolla gialla viene vinificata in purezza.

Ribolla Gialla

Le caratteristiche del vino

Il vitigno Ribolla Gialla dà origine a tipi di vino spesso molto diversi tra loro, a seconda della zona di origine e dallo stile scelto dal produttore. Abbiamo allora la Ribolla giovane, snella, fresca, delicata e piacevole, la Ribolla macerata e/o affinata in legno, un vino più impegnativo e profondo, dallo schema inusuale e da abbinare a piatti più impegnativi, e la Ribolla spumante brut, elaborata con il metodo Charmat lungo, chae abbina la tradizionale freschezza alla nota fragrante di pane e a sensazioni di burrosa cremosità.

Ribolla Gialla

Tutti i vini della categoria Ribolla Gialla

nella Guida Quattrocalici

Ribolla Gialla

Degustazione guidata

In quanto vino giovane ed immediato, la Ribolla gialla non richiede particolari preparativi per la sua degustazione. Utilizzeremo un calice ampio per permettere di apprezzane i tenui e delicati profumi e serviremo il vino ad una temperatura tra gli 8 e i 12°C, a seconda delle caratteristiche del vino in esame, tenendo leggermente più alta la temperatura di servizio per le Ribolle più evolute e strutturate. Le versioni spumantizzate, soprattutto con il metodo di elaborazione Charmat danno il meglio di sé nella tradizionale flûte.

degustazione ribolla gialla servizio

Ribolla Gialla
Degustazione guidata

Esame visivo

La Ribolla gialla si presenta nel bicchiere di un colore giallo paglierino lucente, spesso con deboli riflessi verdolini, più attenuati e con sfumature più dorate fino ad aranciate nelle versioni sottoposte ad affinamento in legno o sottoposte a più lunga macerazione. La consistenza è quella di un vino di corpo e struttura, anche per le versioni giovani e di più facile beva. La spuma della Ribolla gialla spumante è fine e persistente, così come la grana delle bollicine che compongono il suo fine perlage.

degustazione ribolla gialla visivo

I descrittori per l'esame visivo del vino Ribolla Gialla:

Vino giallo paglierino. Tutti i termini per il colore dei vini

Il giallo paglierino è il colore più comune attribuito ad un vino bianco. Quando è puro, ossia senza riflessi verdolini o dorati, indica un vino di media concentrazione, non giovane nè particolarmente invecchiato.

Vino consistente. Tutti i termini per la consistenza del vino

Consistente è un vino che manifesta una discreta resistenza alla rotazione nel bicchiere, che una volta fermata, dà origine ad una serie di archetti ben marcati sulla superficie del vetro. Indica buona struttura nel vino, un vino concentrato con una quantità di estratti superiore alla media.
Ribolla Gialla
Degustazione guidata

Esame olfattivo

La Ribolla gialla offre al naso una gamma abbastanza ampia di profumi soprattutto floreali come rosa bianca, genziana, acacia e fiori primaverili e fruttati, di pesca bianca, mela renetta e pera ruggine. Presenti anche note agrumate di lime o buccia di limone spesso accompagnate nel sottofondo a sensazioni erbacee di fienagione estiva ed erbe officinali ed una mineralità sassosa e salina con ricordi di sabbia bagnata. Le versioni più affinate presentano anche note di foglia di tabacco e sensazioni iodate più accentuate.

I descrittori per l'esame olfattivo del vino Ribolla Gialla:

Vino complesso.

Nell'ambito della degustazione olfattiva, si definisce "complesso" un vino che presenta molteplici riconoscimenti olfattivi e la cui complessità olfattiva risulti in linea con le aspettative presentate dal vino in esame anche in riferimento alla tipologia di appartenenza. La complessità nei profumi è anche una caratteristica varietale, ossia legata ai vitigni utilizzati nella vinificazione. In generale possiamo comunque aspettarci un vino giovane o maturo, che abbia fatto un discreto periodo di affinamento in botte o bottiglia.

Vino erbaceo. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino erbaceo. Nei vini le note erbacee, che riportano a fragranze di erba tagliata, fieno, foglia di pomodoro, peperone verde, bosso, sono in genere caratteristiche fragranze di origine primaria, ossia legate al vitigno. Vitigni come il Sauvignon, il Cabernet franc, il Lagrein e altri aventi tali caratteristiche olfattive, ricadono il più delle volte nella famiglia dei cosiddetti vitigni semiaromatici, ossia che hanno marcatori riconoscibili ma non caratteristici solamente di quella determinata varietà di uva.

Vino floreale. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino floreale. Le note floreali sono tra le più comuni, presenti in moltissimi vini, sia bianchi che rossi o rosati. Sono di origine quasi sempre fermentativa, anche se possono essere legate a marcatori caratteristici di determinati vitigni. In genere, profumi di fiori bianchi sono presenti nei vini bianchi, profumi di fiori rossi nei vini rossi e così via. Nei vini giovani i profumi ricordano il fiore appena sbocciato, nei vini sottoposti a lunghe maturazioni troveremo più facilmente profumi di fiori secchi o appassiti.

Vino fruttato. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino fruttato. Le note fruttate sono tra le più comuni, presenti in moltissimi vini, sia bianchi che rossi o rosati. Sono di origine quasi sempre fermentativa, anche se possono essere legate a marcatori caratteristici di determinati vitigni. In genere, profumi di frutta bianca sono presenti nei vini bianchi, profumi di frutta rossa nei vini rossi e così via. Nei vini giovani i profumi ricordano la frutta fresca, nei vini sottoposti a lunghe maturazioni troveremo più facilmente note di confettura o di frutta secca, nei vini fortificati note di frutta sotto spirito.

Vino minerale. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino minerale. Le note minerali sono abbastanza diffuse, soprattutto in determinate categorie di vini bianchi. La loro origine è soprattutto primaria, ossia determinata dal vitigno, ma spesso deriva anche da condizioni legate a particolari ambienti pedoclimatici, come suoli vulcanici, o vicinanza al mare che porta a particolari condizioni di salinità nel frutto, che si trasmettono poi anche al vino. Alcuni esempi sono alcuni Sauvignon della zona di Terlano, in Alto Adige, o della Loira in Francia, i Riesling Alsaziani o della Renania, acluni Nero d'Avola in Sicilia.

Riconoscimenti olfattivi

Ribolla Gialla
Degustazione guidata

Esame gustativo

La Ribolla gialla è un vino discretamente corposo e di buon equilibrio, facile ed immediato nelle versioni meno strutturate e la cui freschezza fa perno con la morbidezza in una beva più sostanziosa ed austera per le versioni più complesse ed affinate. Gli spumanti presentano sensazioni di mineralità dissetante, avvolte da un fine perlage. La Ribolla gialla è un vino mediamente persistente con ricordi citrini e un’impronta amarognola e tostata che termina in un allungo fresco e sapido.

degustazione ribolla gialla gustativo

I descrittori per l'esame gustativo del vino Ribolla Gialla:

Vino secco. Tutti i termini per la Scala di Dolcezza dei Vini

Vino secco. In un vino secco non viene percepita alcuna sensazione di dolcezza. Agli effetti pratici, essendovi sempre nel vino anche un pur modesto residuo zuccherino, si considerano secchi i vini che abbiano un contenuto zuccherino da 0 a 10 g/l.

Tutti i termini per la Scala di Acidità dei Vini

Vino "fresco". Si definisce "fresco" un vino che lascia in bocca una decisa sensazione di freschezza, dovuta alla sua acidità, in grado di procurare un'abbondante salivazione. La maggior parte dei vini giovani e di buona fattura, oltre a praticamente tutti gli spumanti, ricade all'interno di questa categoria.

Vino sapido.

Per "sapido" intendiamo un vino che presenta una apprezzabile e piacevole sensazione di mineralità, dovuta al suo contento in sostanze saline particolarmente significativo, che in genere si accompagna con una acidità tale da impartire una piacevole sensazione di freschezza gustativa.

Vino di corpo o corposo

Si dice "di corpo" o "mediamente strutturato" o "corposo" un vino con un buon contenuto di sostanze estrattive. Parliamo quindi di un vino ottenuto da uve mature, ricche di zuccheri e di sostanze complementari. In termini di analisi si può far riferimento a vini il cui estratto secco sia compreso indicativamente tra i 29 e 44 g/l e il cui contenuto in alcol  tra i 13 e i 14° in volume.
Tutti i termini della scala di persistenza del vino.
Vino persistente. Per "persistente" si intende un vino il cui ricordo sensoriale dopo la deglutizione ha una durata più che sufficiente. Convenzionalmente, si indica come "persistente" un vino la cui persistenza è compresa tra i 6 e gli 8 secondi. In genere, i vini persistenti sono vini complessi, strutturati e solitamente sottoposti ad un periodo di maturazione/affinamento piuttosto rilevante.
Ribolla Gialla

L'abbinamento con il cibo

Le versioni più giovani di Ribolla gialla si abbinano con aperitivi, antipasti e fritture di pesce, pesce bianco condito con olio di oliva, carpaccio di trota alpina o spada con olio e aneto, primi piatti come trenette al pesto o risotto all’astice. Le versioni di Ribolla più strutturate si possono abbinare a piatti più impegnativi come orzo e fagioli, brodetti di pesce in rosso, paste con sugo di carne, o carni bianche come gallina, coniglio o faraona al forno. Lo spumante è insuperabile come aperitivo e con il prosciutto crudo di Cormons, ma può anche essere un vino da tutto pasto, per antipasti e sui piatti di pesce.

degustazione ribolla gialla abbianaementi

I tipi di portata in abbinamento per il vino Ribolla Gialla:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.