Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Pinot Bianco

La degustazione dei vini "Pinot Bianco"

pinot-bianco-degustazione

Le Caratteristiche del vino Pinot Bianco

Le migliori espressioni del Pinot Bianco in versione ferma presentano un vino di buona struttura, morbido e piacevole. Il Pinot bianco per le sue caratteristiche di corpo e acidità è particolarmente adatto alla spumantizzazione e entra a far parte delle cuveé dei più importanti spumanti Italiani dal Friuli-Venezia Giulia, al Trentino-Alto Adige e alla Franciacorta.

ColoreBianco
Tipo vinofermo, spumante
Strutturadi medio corpo,
Qualitàelegante, fine
Temperatura di servizio10-12°C
Bicchierebicchiere da vino bianco complesso

La degustazione del vino Pinot Bianco

Il Pinot bianco in versione ferma si degusta avendo cura di stappare la bottiglia una mezz’ora prima della degustazione per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione. Utilizzare un calice di dimensioni medie a luce sufficientemente larga per favorire la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 10°C. Per gli spumanti, usare flûtes per il servizio e calici ampi per la degustazione, che si effettua al meglio ad una temperatura compresa tra i 6 e gli 8°C.

Esame visivo

Il Pinot bianco si presenta generalmente come un vino di colore giallo paglierino con riflessi che vanno dal verdolino al dorato, a seconda del tipo e della lunghezza del periodo di affinamento. La consistenza è solitamente buona e le versioni spumantizzate presentano spuma fine e persistente e perlage anch’esso fine e persistente soprattutto se i vini sono stati elaborati con il metodo classico.

 
Giallo paglierino Consistente

Esame olfattivo

Il Pinot bianco dà vini fruttati, con caratteristico aroma di mela golden, sensazioni di nocciola e di foglie verdi su di un sottofondo finemente ammandorlato ed una caratteristica nota burrosa che si riscontra soprattutto nelle versioni di più lunga maturazione.

 
complesso Fruttato
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

Il Pinot biancovini di corpo, solitamente di buona gradazione alcolica e piacevole freschezza e sapidità che ne equilibra le sensazioni di calore e morbidezza. Di buona persistenza, offre ricordi finemente ammandorlati.

 
fresco

Abbinare il vino Pinot Bianco

Il Pinot bianco in versione ferma si apprezza come aperitivo ed è adatto ad antipasti leggeri e piatti a base di pesce. Le versioni più strutturate possono accompagnare pietanze più complesse anche a base di carni bianche. Le versioni spumantizzate sono ottime come vino a tutto pasto, con menù in funzione della tipologia e della struttura dello spumante in questione.

 
Antipasti a base di pesce Primi piatti a base di pesce Portate di pesce al forno o alla griglia Portate di pesce bollite o al vapore
>

Argomenti correlati


  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino

  • Il Blog di Quattrocalici

    lieviti indigeni e lieviti selezionati

    Lieviti indigeni o autoctoni e lieviti selezionati

    lieviti indigeni e lieviti selezionati Il ruolo dei lieviti nella fermentazione alcolica del mosto La fermentazione alcolica è la trasformazione...