Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Malvasia bianca

La degustazione dei vini "Malvasia bianca"

degustazione malvasia bianca
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La degustazione dei vini Malvasia bianca

La degustazione della Malvasia. La Malvasia più che un vitigno è una famiglia di vitigni. Infatti sono ben 17 le varietà di Malvasia presenti in Italia. Quando pesiamo alla Malvasia ci viene in mente il classico vino frizzante dolce o il passito da servire con i biscotti, tutti vini piacevoli e profumatissimi. In realtà ognuna delle varietà  di Malvasia rappresenta un vitigno a sé stante, alcune sono neutre, altre decisamente aromatiche. Tutti questi vitigni hanno in comune l’origine greca, infatti il loro nome richiama Monemvasia, un antico porto del Peloponneso, nei tempi antichi centro nevralgico dei commerci genovesi e veneziani. Da lì i vini raggiungevano Venezia e tutta l’Italia, e assieme ai vini anche diverse barbatelle di vite che pian piano si diffusero in tutta la penisola, dando origine a  cloni e varietà diverse. Ben presto le Malvasie presero quindi piede in Sardegna, Istria, Toscana, Lazio, Emilia-Romagna, Calabria e Puglia. In questo articolo tratteremo la degustazione delle Malvasie bianche aromatiche, ossia quelle i cui acini maturi hanno un’intensa profumazione naturale che si riconosce poi anche nei vini che arrivano sulle nostre tavole.

Le Caratteristiche del vino Malvasia bianca

Le Malvasie bianche aromatiche presentano un corredo aromatico particolarmente ricco e complesso, ampio spettro di aromi primari. La Malvasia di Candia Aromatica viene coltivata principalmente in Emilia e, in particolare, nelle province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia, dove è la componente primaria di un certo numero di vini secchi e semidolci, nelle versioni fermo, leggermente frizzante, frizzante e passito. Le uve sono anche la più importante componente della Malvasia dell’Oltrepò Pavese in Lombardia. Anche quest’ultimo vino può essere secco, dolce, fermo, semi-spumante o spumante. La Malvasia di Sardegna ha la sua maggiore diffusione nel Campidano di Cagliari e nelle colline della Planargia. Esiste una netta differenza tra il vino Malvasia ottenuto nel Campidano e quello ottenuto a Bosa, e non è non del tutto imputabile alle diverse condizioni pedoclimatiche. Questo confermerebbe l’esistenza di due diversi cloni di un’unica varietà giunti in Sardegna nelle due differenti zone. Dalla Malvasia di Lipari si ricava un piacevole vino bianco secco, ma è la Malvasia delle Lipari Passito (DOC), ad avere maggiore fama. Questo vino passito ha un deciso e allettante sapore che oscilla tra le nocciole e i fiori di campo. Ne Viene anche prodotta una versione liquorosa.

Degustazione guidata del vino Malvasia bianca

Per la Malvasia in versione ferma e secca, stappare la bottiglia una mezz’ora prima della degustazione per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione, utilizzare un calice di dimensioni medie a luce sufficientemente larga per favorire la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 10°C. Nel caso della Malvasia dolce o passita, si consiglia sempre l’apertura una mezz’ora prima della degustazione, per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione, utilizzare un calice per vini passiti, di dimensioni contenute ed a stelo lungo, l’elevato contenuto zuccherino suggerisce una temperatura di degustazione sugli 8°C. Pe le versioni spumantizzate della Malvasia, temperature attorno ai 6°C, flûtes per il servizio e bicchieri con luce più larga per la degustazione.

degustazione malvasia bianca servizio

Malvasia bianca - La Degustazione - Esame visivo

Le Malvasie bianche aromatiche si presentano in genere di colore giallo paglierino con sfumature dorate più o meno intense, buona consistenza, bollicine fini ed evanescenti per le versioni spumantizzate, per lo più con il metodo Charmat.

degustazione malvasia bianca visivo

I descrittori per l'esame visivo del vino Malvasia bianca:

Giallo paglierino con riflessi dorati Consistente evanescenti Fini limpido

Malvasia bianca - La Degustazione - Esame olfattivo

Il profilo olfattivo delle Malvasie bianche aromatiche è intenso e complesso, fine e delicato. Presentano intense note varietali caratterizzate da una fragranza piccante di muschio e di albicocca. In alcuni casi, soprattutto nei passiti che presentano maggiore intensità e complessità, si notano anche note di miele, albicocca matura e tamarindo.

degustazione malvasia bianca olfattivo

I descrittori per l'esame olfattivo del vino Malvasia bianca:

complesso Aromatico Erbaceo Fruttato Speziato

I Riconoscimenti olfattivi per il vino Malvasia bianca

Malvasia bianca - La Degustazione - Esame gustativo

Le Malvasie bianche aromatiche sono in generale vini dotati di buona consistenza, decisamente di struttura importante le versioni passite o liquorose. Delicatamente aromatiche e fresche le versioni ferme e spumantizzate, caratterizzate da morbidezza e pienezza di corpo le passite. Di ottima persistenza, con ricordi muschiati e floreali le versioni ferme e spumantizzate, con piacevole retrogusto di miele e mandorle quelle passite e liquorose, talvolta accompagnate nel lungo finale da ricordi finemente agrumati.

degustazione malvasia bianca gustativo

I descrittori per l'esame gustativo del vino Malvasia bianca:

Giallo paglierino con riflessi dorati Consistente evanescenti Fini limpido

L'Abbinamento con il cibo del vino Malvasia bianca

Le Malvasie bianche aromatiche ferme e secche sono ideali come aperitivo, le versioni spumantizzate amabili e dolci sono adatte ad accompagnate torte lievitate, pasticceria con creme e crostate alla frutta. Quelle passite o liquorose si gustano al meglio in accompagnamento con piccola pasticceria secca o come vini da meditazione.

degustazione malvasia bianca abbinamenti

I tipi di portata in abbinamento per il vino Malvasia bianca:

Aperitivi Biscotti e pasticcini Dolci lievitati Primi piatti a base di pesce Portate di pesce bollite o al vapore



I Libri di Quattrocalici

my wines quaderno degustazione

My♥Wines

Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

conoscere il vino - il libro

Conoscere il Vino  - Il Libro

"Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino