La guida ai vitigni di Quattrocalici

Malvasia di Lipari

Il vitigno Malvasia di Lipari e i suoi vini

malvasia di lipari vitigno

Il vitigno Malvasia di Lipari o Malvasia delle Lipari (nome attribuito al vino da esso ottenuto) è stato originariamente portato nelle Lipari o Isole Eolie (l’arcipelago vulcanico della costa nord-orientale della Sicilia) dai Greci. Il nome “Malvasia” deriva da una variazione contratta di Monembasia, roccaforte bizantina abbarbicata sulle rocce di un promontorio posto a sud del Peloponneso, dove si producevano vini dolci che furono poi esportati in tutta Europa dai Veneziani con il nome di Monemvasia. Il vino fatto con questa varietà era divenuto estremamente popolare, tanto che Venezia pullulava di osterie, chiamate Malvase, consacrate al suo consumo. Il vitigno Malvasia di Lipari e il vino Malvasia delle Lipari era destinato a sicura scomparsa, e la sua attuale fama è dovuta solamente alla passione di alcuni produttori che che hanno dato nuova vita alle vigne e fama a questo vino.

I vigneti della Malvasia di Lipari sono distribuiti soprattutto nelle tre isole di Salina, Lipari e Vulcano e sono per la maggior parte piantati su terreni che si estendono dal livello del mare fino ai 400 m di altezza. In queste zone caratterizzate da elevata pendenza, i vigneti sono coltivati su dei terrazzamenti sorretti a muretti di pietra lavica a secco. Questi, oltre ad avere la funzione pratica di mantenimento del terreno e controllo delle acque superficiali, rendono il paesaggio unico al mondo. I suoli su cui sono piantati i vigneti della Malvasia di Lipari sono di origine vulcanica e sabbiosa e quindi contengono la giusta quantità di magnesio, potassio e fosforo che conferisce al vino l’apporto di dolcezza e acidità necessario. L’affinamento del vino previsto è di sette mesi per il passito e sei per il liquoroso e quello normale. Dal vitigno Malvasia di Lipari si ricava un piacevole vino bianco secco, ma è la Malvasia delle Lipari Passito DOC, ad avere maggiore fama. Il colore della Malvasia delle Lipari Passito DOC varia dal giallo all’ambrato passando per il dorato. Il suo profumo è ricco di sentori dolci di albicocca e miele ma allo stesso tempo freschi di eucalipto. Al palato è dolce aromatico e diventa più intenso e alcolico nella versione passito liquoroso. La Malvasia delle Lipari Passito DOC si degusta ad una temperatura di 12°C, accompagnata con confettura di frutta come la cotognata o biscotti secchi soprattutto alla mandorla. La Malvasia di Lipari è una delle Malvasie aromatiche.

 

malvasia di lipari vitigno

Il vitigno Malvasia di Lipari o Malvasia delle Lipari (nome attribuito al vino da esso ottenuto) è stato originariamente portato nelle Lipari o Isole Eolie (l’arcipelago vulcanico della costa nord-orientale della Sicilia) dai Greci. Il nome “Malvasia” deriva da una variazione contratta di Monembasia, roccaforte bizantina abbarbicata sulle rocce di un promontorio posto a sud del Peloponneso, dove si producevano vini dolci che furono poi esportati in tutta Europa dai Veneziani con il nome di Monemvasia. Il vino fatto con questa varietà era divenuto estremamente popolare, tanto che Venezia pullulava di osterie, chiamate Malvase, consacrate al suo consumo. Il vitigno Malvasia di Lipari e il vino Malvasia delle Lipari era destinato a sicura scomparsa, e la sua attuale fama è dovuta solamente alla passione di alcuni produttori che che hanno dato nuova vita alle vigne e fama a questo vino.

I vigneti della Malvasia di Lipari sono distribuiti soprattutto nelle tre isole di Salina, Lipari e Vulcano e sono per la maggior parte piantati su terreni che si estendono dal livello del mare fino ai 400 m di altezza. In queste zone caratterizzate da elevata pendenza, i vigneti sono coltivati su dei terrazzamenti sorretti a muretti di pietra lavica a secco. Questi, oltre ad avere la funzione pratica di mantenimento del terreno e controllo delle acque superficiali, rendono il paesaggio unico al mondo. I suoli su cui sono piantati i vigneti della Malvasia di Lipari sono di origine vulcanica e sabbiosa e quindi contengono la giusta quantità di magnesio, potassio e fosforo che conferisce al vino l’apporto di dolcezza e acidità necessario. L’affinamento del vino previsto è di sette mesi per il passito e sei per il liquoroso e quello normale. Dal vitigno Malvasia di Lipari si ricava un piacevole vino bianco secco, ma è la Malvasia delle Lipari Passito DOC, ad avere maggiore fama. Il colore della Malvasia delle Lipari Passito DOC varia dal giallo all’ambrato passando per il dorato. Il suo profumo è ricco di sentori dolci di albicocca e miele ma allo stesso tempo freschi di eucalipto. Al palato è dolce aromatico e diventa più intenso e alcolico nella versione passito liquoroso. La Malvasia delle Lipari Passito DOC si degusta ad una temperatura di 12°C, accompagnata con confettura di frutta come la cotognata o biscotti secchi soprattutto alla mandorla. La Malvasia di Lipari è una delle Malvasie aromatiche.

 

vitigno malvasia di lipari
Malvasia di Lipari

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Malvasia di Lipari è uno dei  Vitigni aromatici, Vitigni autoctoni a Bacca bianca presenti principalmente nelle regioni Sicilia e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 53 ha.
Colore baccaBacca bianca
Categoria vitigniVitigni aromatici, Vitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliSicilia
Superfice vitata nazionale53 ha
Famiglia vitigniMalvasie
Anno di registrazione1970
Autorizzato provinceMessina
Malvasia di Lipari

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Malvasia di Lipari sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Malvasia di Lipari ha Foglia media, Foglia orbicolare, Foglia pentalobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Malvasia di Lipari ha Grappolo mediamente compatto, Grappolo spargolo, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: senza ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Malvasia di Lipari ha acini Acini di dimensione media, Acini piccoli, di forma Acini sferoidali, Acini sub-sferoidali, con buccia Buccia poco pruinosa, Buccia sottile, Buccia tenera e di colore Buccia verde-gialla.

Malvasia di Lipari

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Malvasia di Lipari sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Malvasia di Lipari è di colore Giallo dorato. Al palato è Fruttato, Speziato.

Malvasia di Lipari

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Malvasia di Lipari le caratteristiche principali sono:
Epoca maturazioneMaturazione media
VigoriaVigoria elevata
ProduttivitàProduttività irregolare, Produttività scarsa
Sensibilità conosciute
Malvasia di Lipari

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Malvasia di Lipari risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
DenominazioneTipo denominazioneRegione
Malvasia delle Lipari DOCDOCSicilia

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.