Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Nebbiolo

La degustazione dei vini "Nebbiolo"

nebbiolo degustazione vini

Le Caratteristiche del vino Nebbiolo

Anche se non sempre a livello delle denominazioni più blasonate, i vini da Nebbiolo si distinguono per l’eleganza del colore, la finezza dei profumi, la struttura e la trama tannica. La capacità di questi vini a reggere periodi di affinamento anche lunghi ed in recipienti di legno fa si che tutte le denominazioni propongano vini di alta caratura, sia a livello di versioni di base che di riserve.

Colorerosso
Tipo vinofermo
Strutturadi corpo
Qualitàarmonico, fine
Temperatura di servizio18-20°C
Bicchierebicchiere da vino rosso strutturato

La degustazione del vino Nebbiolo

E’ consigliabile l’apertura della bottiglia di Nebbiolo almeno un’ora prima della degustazione, fino a diverse ore in caso di un Nebbiolo di lungo affinamento o che abbia trascorso un lungo periodo in cantina. In quest’ultimo caso si consiglia di verticalizzare la bottiglia almeno un giorno prima della degustazione. Utilizzare un calice di grandi dimensioni, a luce ampia per permettere la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 18-20°C.

Esame visivo

I vini da Nebbiolo si presentano in genere di colore rosso rubino o granato scarico, brillante e qualche volta con note di trasparenza. La consistenza è sempre buona, in linea con l’elevato livello di tenore in estratti di questi vini.

 
trasparente Rosso granato Rosso rubino Consistente

Esame olfattivo

Il Nebbiolo dà vini ampi e complessi all’olfatto. Le sensazioni sono floreali, con note di rosa e viola anche appassite, fruttate, soprattutto fragoline di bosco, lamponi e confettura di ciliegia, speziate, cioccolato, chiodi di garofano, pepe nero, noce moscata, chiodi di garofano. Gli aromi terziari sono più o meno accentuati a seconda della tipologia e della durata dell’affinamento cui è stato sottoposto.

 
complesso Floreale Fruttato Speziato
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

I vini da Nebbiolo al palato sono caldi per alcolicità, e presentano tannini spesso marcati, morbidi ma con note di sapidità ed acidità che in molti casi fanno da contraltare alle sensazioni retrolfattive sempre presenti, che chiudono in un finale di delicata persistenza, in cui prevalgono i ricordi floreali e balsamici.

 
Caldo Tannini marcati evoluti Tannini di trama fitta

Abbinare il vino Nebbiolo

I vini da Nebbiolo, in considerazione della loro struttura, si adattano a piatti di carne anche in preparazioni particolarmente complesse o saporite, come brasati o piatti a base di selvaggina. Si abbinano anche con formaggi stagionati quali il Castelmagno.

 
Formaggi stagionati Secondi piatti con funghi Secondi piatti con tartufo Portate a base di carne arrosto o alla griglia Portate a base di carne in umido o in tegame Portate a base di selvaggina
>

Argomenti correlati


  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino

  • Il Blog di Quattrocalici

    lieviti indigeni e lieviti selezionati

    Lieviti indigeni o autoctoni e lieviti selezionati

    lieviti indigeni e lieviti selezionati Il ruolo dei lieviti nella fermentazione alcolica del mosto La fermentazione alcolica è la trasformazione...