Temperature di Servizio dei Vini

La corretta temperatura di servizio per i vari tipi di vino

temperature di servizio dei vini
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


Il ruolo della temperatura nella degustazione dei vini

La temperatura di servizio è di importanza basilare per la degustazione dei vini. Ogni vino ha una temperatura precisa alla quale deve essere servito, per esaltarne al meglio le caratteristiche organolettiche. Infatti, servire un vino alla giusta temperatura consente di fargli esaltare profumi e sapori, aumentando nel contempo il senso di piacevolezza gusto-olfattiva durante la beva.  La temperatura svolge una funzione fondamentale, quella di rinforzare alcune caratteristiche organolettiche ed attenuarne delle altre. Una temperatura moderatamente più elevata aumenta la sensibilità delle papille gustative verso sensazioni quali la corposità e la morbidezza, mentre attenua le sensazioni più “dure” quali freschezza e sapidità. Di conseguenza, maggiore la struttura e la morbidezza del vino, relativamente più alta sarà la temperatura di servizio. Inoltre, una temperatura più alta ha anche l’effetto di “ingentilire” percezioni di durezza quali quelle indotte dai tannini. Viceversa, maggiore la sapidità e freschezza del vino, più bassa sarà la temperatura di servizio ideale. Inoltre una temperatura di servizio più bassa permette di apprezzare al meglio sensazioni quali la dolcezza, che se fosse rinforzata da una sensazione di calore esterna risulterebbe poco gradevole, anche al limite stucchevole.

Le temperature di servizio delle diverse tipologie di vino

Vediamo ora in dettaglio quali sono le diverse temperature, o i diversi intervalli di temperatura, alle quali i diversi tipi di vino vanno serviti.

Temperatura di servizio degli spumanti

I Vini Spumanti vanno serviti alla temperatura di 6-8°C. Per vini spumanti intendiamo tutti i vini con le bollicine, tra i quali lo Champagne, il Franciacorta, il Prosecco, ma anche un Moscato Dolce o altro vino con le bollicine. Alcuni consigliano temperature anche più basse, fino ai 4°C; noi siamo dell’avviso che temperature di degustazione così basse non permettano il pieno assaporare delle sensazioni gusto-olfattive del vino e puntiamo ad una degustazione leggermente più “morbida”.

Temperatura di servizio dei vini bianchi

Alla temperatura compresa tra 8-10°C vanno serviti i Vini Bianchi giovani e freschi, affinati in acciaio, che vanno bevuti nel giro di pochi mesi, mentre alla temperatura compresa tra 10-12°C vanno serviti i Vini Bianchi più strutturati con affinamento un più lungo, anche in legno, e sentori più evoluti.

Temperatura di servizio dei vini rosati

Alla temperatura di 12-14°C vanno serviti i Vini Rosati. La loro rispondenza alla temperatura è intermedia tra quella dei vini bianchi e dei rossi. Molti vini rosati hanno sentori e i profumi floreali e fruttati come i vini bianchi ma una struttura più importante, quasi come dei rossi leggeri. Questa via di mezzo fa si che i vini rosati vadano serviti ad una temperatura intermedia tra i vini bianchi e i vini rossi.

Temperatura di servizio dei vini rossi

Possiamo suddividere anche i Vini Rossi in 2 categorie in riferimento alle temperature di servizio ideali. Ad una temperatura compresa tra 14-16°C vanno serviti i Vini Rossi più giovani, dei quali si apprezzano il sentore vinoso e le deliziose note floreali e di frutta fresca, mentre ad una temperatura di 16-18°C si servono i Vini Rossi di media struttura ed affinamento, caratterizzati da una componente tannica giovane ma non troppo irruenta. Ad una temperatura di 18-20°C si servono i Vini Rossi importanti, evoluti, di grande struttura e tannicità e lungo invecchiamento. Questo permette di esaltarne non soltanto l’eleganza, ma anche i profumi terziari e l’equilibrio delle componenti morbide e dure del vino. Temperature più alte ne metterebbero in risalto la morbidezza e l’alcolicità, mitigando in maniera eccessiva i tannini evoluti presenti  in questi tipi di vino. Spesso si dice che questi tipi di vino vadano degustati “a temperatura ambiente“. In realtà per i vini a temperatura di servizio più alta bisogna tenere in considerazione la situazione termica dell’ambiente in cui ci si trova ed apportare eventualmente le opportune correzioni.

Il ruolo della temperatura dell’ambiente nel servizio dei vini

Le temperature di servizio sopra si riferiscono ad una temperatura ambiente di 20°C. Variazioni importanti nella temperatura ambiente devono portare a riconsiderare i valori standard. Un esempio classico è la degustazione di un vino rosso strutturato in estate con una temperatura ambiente di 30°C. A 20° il vino risulterebbe decisamente freddo, mentre a temperatura ambiente decisamente caldo. Nel caso in questione la temperatura di degustazione andrà quindi rivista verso l’alto fino a trovare il giusto punto di equilibrio.

Riepilogo delle temperature di servizio dei vini

Le temperature di servizio ideali per le varie tipologie di vino sono le seguenti:

Tipologia Vino Temperatura di servizio
 Vini Bianchi giovani 10 – 12 °C
 Vini Bianchi maturi 12 – 14 °C
 Vini Rosati giovani e leggeri 12 – 14 °C
 Vini  Rosati maturi e corposi 14 – 16 °C
 Vini Rossi novelli 14 – 16 °C
 Vini Rossi giovani, poco tannici e leggeri 14 – 16 °C
 Vini Rossi medi, tannici e corposi 16 – 18 °C
 Vini Rossi molto maturi e affinati 18 – 20 °C
 Vini Spumanti dolci e aromatici 6 – 8 °C
 Vini Spumanti rossi dolci e aromatici 8 – 10 °C
 Vini Spumanti “metodo Charmat” 6 – 8 °C
 Vini Spumanti “metodo Charmat lungo” 8 – 10 °C
 Vini Spumanti “metodo classico senza anno” 8 – 10 °C
 Vini Spumanti “metodo classico millesimati” 10 – 12 °C
 Vini Passiti e Vini Dolci 12 – 14 °C

 

Articoli Correlati

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto