Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Garganega

La degustazione dei vini "Garganega"

Degustazione Garganega
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La degustazione dei vini Garganega

Le Caratteristiche del vino Garganega

La Garganega conferisce al vino struttura, freschezza e profumi con note floreali e intensa mineralità, in funzione soprattutto della composizione del terreno, spesso di origine vulcanica.

Degustazione guidata del vino Garganega

Nel caso della Garganega in versione secca, stappare la bottiglia una mezz’ora prima della degustazione per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione, utilizzare un calice di dimensioni medie a luce sufficientemente larga per favorire la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 10-12°C. Nel caso della Garganega in versione passita, si consiglia sempre l’apertura una mezz’ora prima della degustazione, per favorire l’allontanamento di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione. Utilizzare un calice per vini passiti, di dimensioni contenute ed a stelo lungo, l’elevato contenuto zuccherino suggerisce una temperatura di degustazione sugli 8°C. Per le versioni spumantizzate della Garganega, temperature attorno ai 6°C, flûtes per il servizio e bicchieri con luce più larga per la degustazione.

Garganega - La Degustazione - Esame visivo

La Garganega dà vini di struttura consistente. In versione ferma o spumantizzata si presenta di colore giallo paglierino con sfumature dorate, più intense nelle versioni riserva o comunque con affinamento in legno. Le versioni passite hanno colorazioni dall’oro antico all’ambra, anche nel caso dei R

ecioti spumantizzati.

 
I descrittori per l'esame visivo del Garganega:
Giallo ambrato Giallo dorato brillante Giallo paglierino con riflessi dorati limpido Consistente

Garganega - La Degustazione - Esame olfattivo

Le versioni secche dei vini a base di Garganega hanno un bouquet di profumi solitamente floreale, su di un sottofondo piacevolemente ammandorlato. Una particolare menzione merita la capacità del vitigno di assorbire la mineralità del suolo e restituirla, oltre che in termini di estratti, anche di profumazione. In particolare l’origine vulcanica delle colline della zona di origine più classica del vitigno, situata tra  le province di Vicenza e di Verona dona a molte interpretazioni una particolare nota di pietra focaia, selce e porfido che contribuisce, assieme ai sentori lievemente vanigliati delle versioni fermentate e/o affinate in legno a caratterizzare alcuni dei grandi vini Soave o Gambellara. Le vesioni passite o Recioti presentano, in aggiunta a quanto sopra, note particolarmente intese di miele, fichi ed albicocche secche o sciroppate.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Garganega:
intenso complesso Floreale Fruttato Minerale
I Riconoscimenti olfattivi per il Garganega

Garganega - La Degustazione - Esame gustativo

I vini da Garganega nelle versioni più semplici sono freschi e beverini, ma possono con notevole versatilità dare vita ad interpretazioni decisamente complesse e strutturate, sopratutto grazie all’affinamento e/o fermentazione in contenitori di legno. I Recioti confermano al palato la sensazione di grande struttura registrata visivamente. I vini presentano in generale una buona persistenza nella quale riconosciamo soprattutto le note di mineralità più o meno presenti al naso e un ricordo ammandorlato.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Garganega:
fresco

L'Abbinamento con il cibo del vino Garganega

La varietà delle versioni di Garganega consente ogni tipo di abbinamento immaginabile per i vini bianchi. Dall’aperitivo/antipasto ai primi piatti o portate delicate a base di pesce per i vini più freschi e leggeri o spumanti secchi, a portate di pesce decisamente più complesse o carni bianche come pollame o coniglio anche arrosto o al forno per le versioni più strutturate. I Recioti si possono abbinare con pasticceria secca (soprattutto il Vin Santo di Gambellara) o formaggi erborinati. I Recioti spumantizzati sono l’ideale in abbinamento a dolci lievitati, in particolare il Pandoro di Verona.

 
I tipi di portata in abbinamento per il Garganega:
Antipasti a base di pesce Primi piatti a base di pesce Piatti di pasta a base di pesce Risotti di pesce Zuppe di pesce Portate a base di carni bianche Fritti di pesce Portate di pesce al forno o alla griglia Portate di pesce bollite o al vapore
>

Argomenti correlati


  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione