L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Recioto di Soave DOCG

recioto-di-soave-docg

La Denominazione Recioto di Soave DOCG

Il Recioto di Soave DOCG è un vino dolce ottenuto dall’appassimento di uve Garganega (min.70%) e Trebbiano di Soave (max. 30%, di cui max. 5% possono essere sostituite da uve a bacca bianca non aromatiche, idonee alla coltivazione nella provincia di Verona).

La zona di produzione del Recioto di Soave DOCG corrisponde a quella del Soave superiore DOCG. d in particolare interessa i comuni di SoaveMonteforte d’AlponeSan Martino Buon AlbergoMezzane di SottoRoncàMontecchia di Crosara,San Giovanni IlarioneCazzano di TramignaColognola ai ColliCaldieroIllasi Lavagno. La sottozona “Classico” è la più antica e comprende in parte il territorio dei comuni di Soave e Monteforte d’Alpone.

Si tratta di una zona collinare, favorita da un clima mite e temperato con precipitazioni concentrate prevalentemente in primavera ed autunno. I vigneti sono posti ad un’altitudine che varia dai 35 ai 380 mt delle colline più elevate, con esposizione prevalentemente verso est, sud ed ovest. Il suolo dell’area del Recioto di Soave DOCG è di origine vulcanica, con terreni tufacei basaltici che costituiscono un suolo ideale per la coltivazione della Garganega.

Il vino Recioto di Soave prende il nome dalla recia, ossia l’ala tipica del grappolo di uva Garganega, che nella tradizione veniva sfruttata per appendere l’uva per l’appassimento. Già all’epoca degli antichi Romani questa zona era famosa per la produzione di vini acinatici (passiti) bianchi, di cui vi è traccia sin dal quinto secolo d.C. Il Recioto di Soave è quindi un vino la cui produzione avviene da circa 1500 anni, anche se ottenne il primo riconoscimento solamente nel 1906 alla Fiera campionaria di Milano. Il Recioto di Soave è stato il primo vino veneto, nel 1998, a fregiarsi della Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG).

La Garganega è tradizionalmente allevata a pergola veronese, sistema che permette di raggiungere il massimo grado zuccherino preservando al meglio le componenti acide,  fondamentali per caratterizzare il vino. La raccolta delle uve per la produzione del Recioto di Soave viene fatta esclusivamente a mano in quanto va raccolta solo la Garganega più spargola ed adatta all’appassimento. L’uva intatta viene conservata in fruttai asciutti e ben areati per alcuni mesi, dove subisce una riduzione del tenore d’acqua, con conseguente aumento della concentrazione di zuccheri, che comporta anche una parziale modifica del rapporto fruttosio/glucosio a favore del primo che determina una maggiore sensazione di dolcezza. Durante la fase di appassimento può anche formarsi una sottile muffa nobile sugli acini, che provoca l’aumento nel contenuto di polifenoli e di altre sostanze che danno i profumi e sapori intensi del Recioto di Soave. La vinificazione che segue privilegia gli aspetti riduttivi per mantenere intatte le caratteristiche note fruttate della Garganega e la vivacità data dalla spalla acida. Dopo la vinificazione, il  Recioto di Soave  viene sottoposto a maturazione in legno e affinamento in bottiglia da 1 a 6 mesi. Ne risulta un vino dolce, di grande struttura, di colore giallo dorato la cui intensità aumenta con l’invecchiamento, caratterizzato da un profumo intenso con tipiche note ammandorlate, fruttato e dal sapore gradevole pieno,
dolce, sapido e caldo.

Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

I Dettagli della denominazione Recioto di Soave DOCG

Creata nel1998
RegioneVeneto
ProvincieVerona
Tipo di denominazioneDOCG
MerceologiaVino

Il disciplinare della denominazione Recioto di Soave DOCG

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Recioto di Soave DOCG, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

I Vitigni della denominazione Recioto di Soave DOCG

Nella tabella riportiamo i vitigni che rientrano nella composizione ampelografica delle tipologie di vino della denominazione Recioto di Soave DOCG. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole varità della Guida ai Vitigni d'Italia di Quattrocalici.
VitignoColore bacca
Garganegagarganega vitignoBacca bianca

Le Tipologie vini della denominazione Recioto di Soave DOCG

I disciplinari delle denominazioni di origine dei vini prevedono una o più "Tipologie di vino" coperte nell'ambito della stessa denominazione. La tabella riporta tutte le tipologie previste dalla denominazione Recioto di Soave DOCG, ottenute vinificando le uve dei vitigni autorizzati nell'ambito della stessa denominazione. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole tipologie di vino, nelle quali si possono trovare tutti i dettagli relativi ai procedimenti di vinificazione e alle caratteristiche organolettiche dei vini.

I produttori nel territorio della denominazione Recioto di Soave DOCG

Nella tabella riportiamo l'elenco dei produttori di vino la cui cantina si trova all'interno del territorio di pertinenza della denominazione Recioto di Soave DOCG. Per consultare l'elenco dei vini di ciascun produttore, seguire il link che porta alla pagina ad esso dedicata nella Guida Vini di Quattrocalici
 ProduttoreProvinciaComune
Alba Azienda AgricolaVeronaSoave
AnselmiVeronaMonteforte d’Alpone
Azienda Agricola InamaVeronaSan Bonifacio
Balestri ValdaVeronaSoave
BennatiVeronaCazzano di Tramigna
Bixio PoderiVeronaSan Bonifacio
Cà RugateVeronaMontecchia di Crosara
CambragoVeronaColognola ai Colli
CanosoVeronaMonteforte d’Alpone
Cantina del CastelloVeronaSoave
Cantina di MonteforteVeronaMonteforte d’Alpone
Cantina di SoaveVeronaSoave
Cantine RiondoVeronaMonteforte d’Alpone
Casarotto ViniVeronaMontecchia di Crosara
CoffeleVeronaSoave
Corte AdamiVeronaSoave
Corte MainenteVeronaSoave
Corte MoschinaVeronaRoncà
Corte Sant’AldaVeronaMezzane di Sotto
Cristiana MeggiolaroVeronaRoncà
Vino consigliatiDama del RovereVeronaMonteforte d’Alpone
El VegroVeronaMonteforte d’Alpone
FalezzeVeronaIllasi
Fasoli GinoVeronaColognola ai Colli
FattoriVeronaRoncà
FilippiVeronaSoave
FongaroVeronaRoncà
FornaroVeronaSoave
GiniVeronaMonteforte d’Alpone
Graziano PràVeronaMonteforte d’Alpone
Grotta del NinfeoVeronaLavagno
I CampiVeronaMonteforte d’Alpone
I SaltariVeronaLavagno
I StefaniniVeronaMonteforte d’Alpone
La CapuccinaVeronaMonteforte d’Alpone
La Piccola Botte Fratelli GiuliariVeronaIllasi
LatiumVeronaIllasi
Le AlbareVeronaMontecchia di Crosara
Le BattistelleVeronaMonteforte d’Alpone
Le GuaiteVeronaMezzane di Sotto
Le MandolareVeronaMonteforte d’Alpone
Gianni TessariVeronaRoncà
Marco MosconiVeronaIllasi
MarionVeronaSan Martino Buon Albergo
Monte TaborVeronaIllasi
Monte TondoVeronaSoave
MusellaVeronaSan Martino Buon Albergo
Nardello DanieleVeronaMonteforte d’Alpone
PieropanVeronaSoave
PortinariVeronaMonteforte d’Alpone
ProvoloVeronaMezzane di Sotto
Roccolo GrassiVeronaMezzane di Sotto
Vino consigliatiRomano Dal FornoVeronaIllasi
Roncolato AntonioVeronaSoave
San CassianoVeronaMezzane di Sotto
Sandro De BrunoVeronaMontecchia di Crosara
SantiVeronaIllasi
SuaviaVeronaSoave
TamelliniVeronaSoave
Tenuta di Corte GiacobbeVeronaRoncà
Tenuta Santa Maria alla PieveVeronaColognola ai Colli
Tenuta Sant’AntonioVeronaColognola ai Colli
TessariVeronaMonteforte d’Alpone
Trabucchi d’IllasiVeronaIllasi
VicentiniVeronaColognola ai Colli
Villa CanestrariVeronaColognola ai Colli
Villa ErbiceVeronaMezzane di Sotto
Villa RinaldiVeronaSoave

Tutti i libri sul vino

Tutti i libri sul vino scelti da Quattrocalici.

Tutti gli accessori per il vino

Tutti gli accessori per il vino scelti da Quattrocalici.

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione