La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Garganega e i suoi vini

    La Garganega è il vitigno a bacca bianca più importante delle province di Verona e Vicenza, e domina le colline delle DOC Soave e Gambellara. La Garganega ha trovato in queste due zone dei terroir d’elezione che le consentono di esprimere appieno le proprie potenzialità nei vini sia secchi che dolci. La Garganega trae particolare giovamento dal tipico terreno di origine vulcanica di Soave, formato da rocce basaltiche, ricco di tufo e inclusioni calcaree. La zona di Gambellara è ugualmente caratterizzata da un suolo di matrice vulcanica, composto principalmente da tufo e basalto, dotato di particolare ricchezza di materiali rocciosi e minerali. Le caratteristiche del terreno e l’irraggiamento particolarmente favorevole su ripidi pendii collinari, forniscono alla Garganega tutti gli elementi per dar vita a vini bianchi, secchi e dolci, di altissima qualità e particolare profilo organolettico.

    garganega vitigno

    Nelle sue zone d’elezione, il vitigno Garganega viene solitamente coltivato secondo lo storico sistema della pergola veronese, dal momento che la stessa pianta sempre predilige dei sistemi di allevamento espansi. Il Garganega è un vitigno ben riconoscibile per la particolare grandezza del grappolo, le foglie di ridotta dimensione e gli acini di media grandezza, con  buccia sottile ma consistente, particolarmente pruinosa e dal caratteristico colore giallo dorato. La sua produttività è alta e costante e ha buona resistenza alla maggior parte delle malattie crittogamiche più diffuse, cosa che ha fatto sì che la sua non venisse mai abbandonata. La Garganega matura tardivamente e la sua raccolta avviene generalmente tra la fine di Settembre e gli inizi di Ottobre. La Garganega non ha una sua spiccata aromaticità, ma un patrimonio di profumi tra cui spiccano la mandorla e i fiori bianchi. Non è caratterizzata da una acidità preponderante ma piuttosto da un equilibrio di estratti e zuccheri. Queste caratteristiche rendono la Garganega adatta alla produzione di svariate tipologie di vino, dai vini secchi fermi ai passiti dolci come il Recioto e il Vin Santo di Gambellara DOC.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Garganega

      Il vitigno Garganega è uno dei  Vitigni locali a Bacca bianca della regione Veneto, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 11300 ha.
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale11300 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniAbruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Lombardia, Molise, Sardegna, Umbria
      Osservazione regioniMarche
      Raccomandato provinceVicenza, Verona, Padova

      Garganega - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Garganega sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Garganega ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Garganega ha Grappolo mediamente compatto, Spargolo, Grappolo lungo, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Garganega ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia spessa e di colore verde-gialla.

      Garganega - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Garganega sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Garganega è di colore Giallo paglierino. Al palato è Fruttato, Floreale, fresco, sapido.

      Garganega - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Garganega le caratteristiche principali sono:
      Epoca maturazioneMaurazione media
      Richiede potaturaPotatura lunga
      ProduttivitàProduttività regolare
      Tipo allevamentoPergola veronese
      Resistente aMuffe, Oidio

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione