L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Lessini Durello DOC


Indice dei contenuti per la denominazione Lessini Durello DOC

La denominazione Lessini Durello DOC rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Veneto. La denominazione Lessini Durello DOC include le province di Verona, Vicenza ed è stata creata nel 2011. I vini della denominazione Lessini Durello DOC si basano principalmente sui vitigni Durella, Garganega, Pinot bianco, Chardonnay, Pinot nero. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Lessini Durello DOC. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Lessini Durello DOC.

La Denominazione

L’area compresa nella zona Lessini Durello DOC si estende per una superficie di oltre
30.000 ettari nella parte collinare dei Monti Lessini orientali, a cavallo tra le province di Verona e Vicenza. I suoli sono moderatamente profondi, con tessitura fine e con scheletro basaltico scarso in superficie ma più abbondante in profondità.
La Durella è un vitigno caratterizzato da produzione costante, buona resistenza alle malattie, ottima attitudine alla spumantizzazione (vedi contenuti acidi) ed alta vigoria (consona alle buone precipitazioni di questa zona collinare).

La DOC “Lessini e Durello” è del 1987. Il successo internazionale ottenuto negli ultimi decenni dal vino Durello ha portato nel 2009 i produttori a richiedere il riconoscimento della “Lessini Durello DOC” come denominazione autonoma, ottenuta dal Ministero al fine di valorizzare al meglio le peculiarità di questo vino.

I grappoli della Durella sono di media grandezza, con forma piramidale, compatta e alata; gli acini hanno una buccia piuttosto spessa, coriacea e tannica. Il Durello Spumante nasce da un uvaggio che prevede un minimo dell’85% di uva Durella, con possibili aggiunte di Chardonnay, Garganega, Pinot bianco e Pinot nero. Grazie all’alta percentuale di acidità totale si presta bene alla spumantizzazione, sia in Metodo Classico con rifermentazione in bottiglia, che con il Metodo Charmat.

Sono previste due tipologie: il Lessini Durello che quasi sempre è ottenuto con la rifermentazione in autoclave (charmat) ed il Lessini Durello Riserva prodotto con la rifermentazione in bottiglia con una permanenza sui lieviti per almeno 36 mesi. Più fruttato e fragrante il primo, più strutturato, pastoso e complesso il secondo, che può arrivare anche oltre i dieci anni di affinamento. In entrambi è comunque la vivacità acida e la caratteristica persistenza olfattiva a definire fortemente l’identità.

Questo vino si presenta con una spuma fine e persistente e con un colore giallo paglierino più o meno carico, con riflessi verdognoli. I profumi sono caratterizzati da sentori di marini di gesso e iodio che sembra esaltare note più floreali di sambuco e biancospino. In bocca è la sua vibrante acidità a definirne il carattere. Ritornano i sentori marini tipici di questo territorio ed anche se il corpo non è mai eccessivo, la sensazione di sapidità nobilitata da un retrogusto minerale e amarognolo non sembra mai esaurirsi. Proprio per queste caratteristiche, ha una grande duttilità, sia come aperitivo che per i piatti più grassi e sapidi.

Dettagli della denominazione

Creata nel2011
RegioneVeneto
ProvincieVerona, Vicenza
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino