Le zone di coltivazione della vite

Le fasce climatiche e le zone di coltivazione della vite nel mondo

Zone di ccoltivazione della vite nel mondo
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


Le zone di coltivazione della vite

Nel mondo vi sono zone di coltivazione specifiche nelle quali la vite può essere allevata. La vite è una pianta particolarmente sensibile alle condizioni atmosferiche e al clima e le sue zone di coltivazione sono individuate all’interno di precise fasce climatiche, in termini di latitudine. Il range di latitudine in cui la vite è coltivabile varia dai 30 ai 50° nord e dai 30 ai 40° sud, con alcune esclusioni significative dovute a diversi fattori che vedremo nel seguito, che in termini di variazioni cicliche annuali sono quelli che influenzano maggiormente le annate vinicole. All’interno di questi intervalli di latitudine si realizzano i requisiti minimi che permettono l’allevamento della vite, in termini di temperatura (assenza di gelate primaverili e di caldo estremo in estate), illuminazione buona e livelli di piovosità medi, con bassa piovosità in estate e durante l’epoca di maturazione dei grappoli.

Le zone di coltivazione della vite in Europa

In Europa e nella zona caucasica, l’intervallo 30-50° nord include a sud la Spagna, la costa nord della Tunisia, l’Italia, la Grecia, il Medio Oriente (Libano e Israele) e le nel Caucaso l’Armenia. A nord la Francia, la Germania e il sud dell’Inghilterra. La zona dello Champagne rappresenta il limite massimo di latitudine nord raggiunto dalla vite nell’Europa continentale, mentre i recenti cambiamenti climatici sono arrivati a permettere coltivazioni vinicole di un certo successo anche nel sud dell’Inghilterra (Galles).

Le zone di coltivazione della vite nel nord America

L’intervallo 30-50° nord include parte delle coste est ed ovest degli Stati Uniti, dove il clima è più mite, ad est dall’alta California fino all’Oregon e al sud dello stato di Washington, ad ovest dalla Virginia proseguendo verso nord fino al New Jersey e allo stato di New York. La zona continentale degli USA non vede coltivazioni della vite, se non a macchia di leopardo, per molteplici motivi, sia climatici (alte montagne, pianure sferzate dalle intemperie, zone desertiche) che culturali e storici.

Le zone di coltivazione della vite nel sud America

Il sud America è stato colonizzato dagli Spagnoli e dai Portoghesi, popoli che vantano una grande tradizione vitivinicola. La coltivazione della vite si è pertanto estesa a tutte quelle zone che ne permettevano l’impianto, in particolare Cile e Argentina, in tutta la fascia compresa tra i 30 ai 40° di latitudine sud.

Le zone di coltivazione della vite in Africa

In Africa, le uniche zone accessibili alla vite sono a nord le poche aree non desertiche della costa Mediterranea, soprattutto in Tunisia e a sud le zone più meridionali del Sudafrica, soprattutto la zona del Capo.

Le zone di coltivazione della vite in Australia e Nuova Zelanda

Tutta la zona Asiatica dell’estremo oriente non rientra nelle fasce di latitudine ideali per la coltivazione della vite. In Australia è compresa tutta la zona meridionale, anche se per ragioni climatiche diverse ad essere sfruttate dal punto di vista vitivinicolo sono la costa a sud-est, da Adelaide a Melbourne e Sydney, verso nord fino a Brisbane, includendo l’isola di Tasmania,  e ad ovest l’area di Perth. Le due principali isole della Nuova Zelanda ricadono entrambe nella fascia climatica permessa e sono ampiamente sfruttate dal punto di vista vitivinicolo.

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto