Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Pigato

Note degustative per i vini "Pigato"

Il Pigato è un vino bianco secco, fresco, fine ed equilibrato, con intensi aromi fruttati e floreali, aggraziato e morbido al palato, e dotato anche di un buon potenziale di affinamento di medio periodo. Le sue caratteristiche organolettiche, in particolare la persistenza gusto-olfattiva, lo rendono l'abbinamento ideale per la cucina regionale, basata sulle erbe aromatiche, basilico in particolare.

Colorebianco
Tipo vinofermo
Strutturadi medio corpo, gentile
Qualitàfine, piacevole
Temperatura di servizio10-12°C
Bicchierebicchiere da vino bianco leggero

Caratteristiche vino

Il Pigato è un vino bianco secco, fresco, fine ed equilibrato, con intensi aromi fruttati e floreali, aggraziato e morbido al palato, e dotato anche di un buon potenziale di affinamento di medio periodo. Le sue caratteristiche organolettiche, in particolare la persistenza gusto-olfattiva, lo rendono l'abbinamento ideale per la cucina regionale, basata sulle erbe aromatiche, basilico in particolare.

Conduzione della degustazione

Il vino Pigato si degusta avendo cura di stappare la bottiglia una mezz'ora prima della degustazione per favorire l'ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione. Utiizzare un calice di dimensioni medie a luce sufficientemente larga per favorire la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 10°C.

Esame visivo

Il Pigato si presenta nel bicchiere di un colore giallo paglierino più o meno carico, con riflessi che variano dal verdolino per i vini più giovani, al giallo intenso per le versioni più invecchiate.
 
Giallo paglierino con riflessi verdolini limpido

Esame olfattivo

All'olfatto, il Pigato ha un bouquet intenso e complesso. Dai sentori floreali, con note di fiori bianchi e gialli, alle note fruttate, in particolare agrumate, dal pompelmo rosa al più seducente mandarino che si riscontra nei vini con qualche anno alle spalle. Le migliori espressioni del Pigato presentano anche un sottofondo di intriganti note balsamiche di salvia e mentuccia.
 
complesso agrumato floreale
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

Al palato, il Pigato si presenta come un vino secco, morbido ed equilibrato nella sua freschezza, di buona persistenza che conferma gli aromi inizialmente percepiti all'olfatto.
 
fresco

Abbinamento cibo-vino

L'abbinamento ideale del Pigato è il pesto alla Ligure nelle varie pietanze in cui viene utilizzato nella cucina regionale. I profumi e gli aromi del Pigato si sposano alla perfezione con quelli del basilico: sono questi due prodotti la cui origine li colloca uno al fianco dell’altro, dalla terra alla tavola. Il Pigato, servito alla giusta temperatura, è il migliore accompagnamento di trofie, linguine o pansoti al pesto, accompagnato dalle immancabili patate e fagiolini. Come portate, si va dai piatti di pesce semplici e senza troppi condimenti, a preparazioni anche più saporite e speziate. Sogliola al vapore, ma anche pesce crudo o gamberoni alla piastra.
 
Antipasti a base di pesce Aperitivi Piatti di pasta a base di pesce Piatti di pasta con erbe o verdure Primi piatti a base di pesce Risotti di pesce Zuppe di pesce Zuppe e minestre di verdura Fritti di pesce Pesce marinato Portate di pesce al forno o alla griglia Portate di pesce bollite o al vapore

Argomenti correlati

  •  
  • Contatti professionali

  • Libri e Accessori consigliati da Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social