La sequenza di servizio per i vini

La sequenza di servizio dei vini

Il servizio dei vini prevede una precisa sequenza di presentazione, che segue una logica crescente di corpo, struttura ed importanza dei vini. I secchi vanno serviti prima dei dolci, i bianchi prima dei rossi. I vini più leggeri prima di quelli più strutturati, i giovani prima di quelli più invecchiati. Di seguito un esempio abbastanza completo, anche se perfettibile.

Prima o a tutto pasto:

  1. spumante secco
    1. Metodo Charmat
    2. Metodo Classico
      • Sans année
      • Millesimée
      • Grand Cuvée

Durante il pasto:

  1. bianco secco giovane e fruttato
  2. bianco aromatico giovane
  3. bianco maturo secco
  4. bianco maturo strutturato secco, eventualmente elevato in barrique
  5. rosato leggero
  6. rosato strutturato
  7. rosso novello
  8. rosso giovane leggero
  9. rosso pronto di corpo elevato in tonneau o botte
  10. rosso maturo di corpo/robusto elevato in barrique
  11. spumante dolce
    1. abboccato
    2. amabile
  12. dolce
  13. dolce passito
  14. dolce liquoroso

Fuori pasto, da meditazione:

  • Sauternes o muffati
  • Porto
  • Distillati

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier con interessi in campo biochimico ed enologico, appassionato di Enografia e storia del Vino e della Vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto