Indice dei contenuti

Il corso sul vino di Quattrocalici - Strumenti per il servizio del vino

Il Frangino da Sommelier

Il Frangino da Sommelier e il suo uso nel servizio del vino

il frangino da sommelier

Cos’é il Frangino da Sommelier 

Il Frangino è il piccolo tovagliolo, di forma quadrata, solitamente di colore bianco o bordeaux, utilizzato dal sommelier durante il servizio del vino. Il suo nome fa riferimento all’orlo frangiato caratteristico dei tovagliolini che un tempo erano impiegati come sottobicchieri, perché non entrassero in contatto con la tavola. Anche se spesso è sostituito da un comune tovagliolo, il termine Frangino è rimasto in uso per definire questo specifico strumento quando usato nel servizio del vino.

L’utilizzo del Frangino da Sommelier nel servizio del vino

Nel servizio del vino, il sommelier usa il Frangino per:

  • Completare la stappatura della bottiglia o l’estrazione del tappo dal cavatappi, pevitando di toccare il tappo con le mani, prima di appoggiarlo su un piatto, in modo tale che il cliente possa procedere al suo esame olfattivo;
  • Pulire la bocca e il collo della bottiglia, una volta che il collo della bottiglia è stato scoperto e la bottiglia stappata, per allontanare eventuali residui di sughero che altrimenti potrebbero cadere nel bicchiere, “contaminando” l’assaggio;
  • Assorbire le gocce di vino che potrebbero cadere dalla bottiglia durante il servizio. Il frangino va quindi sempre tenuto a sostegno del collo della bottiglia, ed usato per asciugarla da eventuali gocce rimaste sul collo o sulla bocca della stessa;
  • Supportare la bottiglia alla sua base,  quando la si sposta da un commensale a quello successivo per poterlo servire;
  • Asciugare la bottiglia dalle gocce d’acqua depositate sulla sua superficie quando la si toglie dal secchiello del ghiaccio, evitando pericolosi scivolamenti.
Marcello Leder
Marcello Leder

Sommelier AIS, divulgatore nel campo del vino e dell'enogastronomia. Ha fondato nel 2011 il portale Quattrocalici, divenuto punto di riferimento per la cultura del vino in Italia, ed è autore della sua struttura e di tutti i suoi contenuti.

Condividi questo articolo