GUIDA ALLA DEGUSTAZIONE DEI VINI ITALIANI – Quattrocalici

Brachetto

La degustazione

La degustazione del Brachetto. Il Brachetto d’Acqui DOCG è un vino rosso, conosciuto soprattutto nella tipologia spumante dolce, prodotto in una zona a cavallo tra le province di Asti ed Alessandria, zona nota che per la produzione dell’Asti DOCG, uno degli spumanti più famosi in Italia e nel mondo. Da disciplinare, il Brachetto d’Acqui esiste in quattro tipologie, il vino rosso, lo spumante, lo spumante rosé e il passito. In realtà in commercio si trova praticamente solo lo spumante, prodotto con il metodo Charmat, trattandosi di un vitigno aromatico. Tutti i vini sono prodotti con il vitigno Brachetto in purezza.

Brachetto

Le caratteristiche del vino

Il Brachetto nella versione spumantizzata è un classico vino aromatico, dal sorprendente profumo di rose e fragole. Al palato è sempre vivace e brioso, di bassa gradazione alcolica e dolce. La struttura del Brachetto è molto blanda, un vino fresco e semplice, di bassa gradazione alcolica, da consumarsi possibilmente entro l’anno dell’imbottigliamento.

Brachetto

Tutti i vini della categoria Brachetto

nella Guida Quattrocalici

Brachetto

Degustazione guidata

Il vino Brachetto può presentarsi nelle tre versioni, fermo, spumante, passito. In ogni caso siamo in presenza di un vino dolce. Non vi sono in generale precauzioni particolari per l’apertura e il vino può essere subito degustato. La temperatura di servizio va dai 12°C per la versione ferma agli 8-10°C per la versione passita, ai 6-8°C per la versione spumantizzata. Suggeriamo un bicchiere a luce ampia per il vino fermo, un calice piccolo a stelo lungo per il Brachetto passito e una flûte ma anche un calice più ampio per lo spumante.

degustazione brachetto servizio

Brachetto
Degustazione guidata

Esame visivo

Il Brachetto si presenta di un colore rosso rubino, intenso e, nel caso della versione passita e spumante, brillante. Per lo spumante, la spuma deve essere fine e persistente, perlage fine, frequente e persistente.

degustazione brachetto visivo

I descrittori per l'esame visivo del vino Brachetto:

Vino rosso rubino. Tutti i termini per il colore dei vini

Il rosso rubino è per i vini rossi quello che il giallo paglierino è per i vini bianchi. Il colore più diffuso e quello intermedio per le varie tipologie di vino rosso. Un vino rosso rubino indica media concentrazione, un vino nè troppo giovane nè probabilmente di lunghissimo affinamento. La sua intensità e la maggiore o minore trasparenza possono dare ulteriori indicazioni sul tipo di vino, il metodo di vinificazione e il vitigno in questione.

Vino abbastanza consistente. Tutti i termini per la consistenza del vino

Abbastanza consistente è un vino quando pone una certa resistenza, ma non eccessiva, alla rotazione nel bicchiere. Per un vino così, ci immagineremo una struttura nella media, non leggero né robusto.

Vino con bollicine fini. Tutti i termini per l'effervescenza del vino

Per finezza delle bollicine di un vino frizzante o spumante si fa riferimento alla loro dimensione o "grana". Più sono fini, più contribuiranno all'armonia gusto-olfattiva del vino e, in definitiva, alla sua qualità.

Vino con bollicine numerose. Tutti i termini per l'effervescenza del vino

Il numero delle bollicine in un vino spumante o frizzante è importante ai fini della sua qualità. Si dicono numerose le bollicine quando la frequenza della loro formazione è elevata e continua, e persiste nel tempo.

Vino con bollicine persistenti. Tutti i termini per l'effervescenza del vino

La persistenza è importante per le bollicine e la spuma dei vini frizzanti e spumanti. Soprattutto nel caso delle bollicine, il fatto che rimangano presenti nel vino anche molti minuti dopo il versamento nel bicchiere è un indicatore, assieme alla loro grana e numero, della qualità dello spumante in questione.

Vino cristallino. Tutti i termini della scala di limpidezza dei vini

Per cristallino intendiamo un vino la cui trasparenza è massima, in combinazione con un colore chiaro e una tenue intesità di colorazione. Sono in genere vini freschi e leggeri, dotati di buona acidità e sapidità.
Brachetto
Degustazione guidata

Esame olfattivo

Al naso le varie versioni di Brachetto sono comunque aromatiche e varietali, intense e non particolarmente complesse, con predominio di note floreali (rosa canina) e fruttate (fragola, ma anche sottofondo di pesche mature).

degustazione brachetto olfattivo

I descrittori per l'esame olfattivo del vino Brachetto:

Tutti i termini per la Complessità Olfattiva dei Vini

Vino Abbastanza Complesso. Nell'ambito della degustazione olfattiva, si definisce "abbastanza complesso" un vino che presenta tre (o più) riconoscimenti olfattivi e la cui complessità olfattiva risulti in linea con le aspettative presentate dal vino in esame anche in riferimento alla tipologia di appartenenza. La complessità nei profumi è anche una caratteristica varietale, ossia legata ai vitigni utilizzati nella vinificazione. In generale possiamo comunque aspettarci un vino giovane senza particolari o lunghi affinamenti.

Tutti i termini per la Intensità Olfattiva dei Vini

Vino intenso. Nell'ambito della degustazione olfattiva, si definisce "intenso" un vino la cui intensità olfattiva risulti in linea con le aspettative presentate dal vino in esame anche in riferimento alla tipologia di appartenenza. Varietà del vitigno e tipologia di vinificazione e  aturazione/affinamento influiscono grandemente sull’intensità olfattiva di un vino, comunque possiamo dire che in generale i vini intensi provengono da vigneti a rese medio basse e sono sottoposti a processi di vinificazione di buon livello qualitativo.

Vino floreale. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino floreale. Le note floreali sono tra le più comuni, presenti in moltissimi vini, sia bianchi che rossi o rosati. Sono di origine quasi sempre fermentativa, anche se possono essere legate a marcatori caratteristici di determinati vitigni. In genere, profumi di fiori bianchi sono presenti nei vini bianchi, profumi di fiori rossi nei vini rossi e così via. Nei vini giovani i profumi ricordano il fiore appena sbocciato, nei vini sottoposti a lunghe maturazioni troveremo più facilmente profumi di fiori secchi o appassiti.

Vino fruttato. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino fruttato. Le note fruttate sono tra le più comuni, presenti in moltissimi vini, sia bianchi che rossi o rosati. Sono di origine quasi sempre fermentativa, anche se possono essere legate a marcatori caratteristici di determinati vitigni. In genere, profumi di frutta bianca sono presenti nei vini bianchi, profumi di frutta rossa nei vini rossi e così via. Nei vini giovani i profumi ricordano la frutta fresca, nei vini sottoposti a lunghe maturazioni troveremo più facilmente note di confettura o di frutta secca, nei vini fortificati note di frutta sotto spirito.

Riconoscimenti olfattivi

Brachetto
Degustazione guidata

Esame gustativo

Al palato il Brachetto  è dolce e fresco, leggero e di buona  persistenza, chiaramente molto più accentuata nelle versioni passite. Lascia un piacevole ricordo di rosa, e di freschezza per la versione spumante.

degustazione brachetto gustativo

I descrittori per l'esame gustativo del vino Brachetto:

Tutti i termini per la Scala di Dolcezza dei Vini

Vini dolci. Nei vini dolci la sensazione di dolcezza è decisamente prevalente rispetto alle altre sensazioni gustative. In generale si considerano "dolci" i vini che abbiano un contenuto in zuccheri residui superiore a 50 g/l.

Tutti i termini per la Scala di Acidità dei Vini

Vino "fresco". Si definisce "fresco" un vino che lascia in bocca una decisa sensazione di freschezza, dovuta alla sua acidità, in grado di procurare un'abbondante salivazione. La maggior parte dei vini giovani e di buona fattura, oltre a praticamente tutti gli spumanti, ricade all'interno di questa categoria.
Tutti i termini della Scala di Tannicità del Vino
Vino poco tannico. Poco tannico è un vino rosso il cui basso contenuto in tannini derivanti dalle bucce e dai vinaccioli produce le caratteristiche sensazioni di secchezza al palato o alle gengive in misura assai ridotta. Le ragioni possono essere riconducibili alle caratteristiche intrinseche del vitigno di partenza, o può trattarsi di un vino che abbia passato un periodo di maturazione, anche il legno, assai lungo, tale da determinare la quasi completa polimerizzazione dei tannini e quindi una sensibile riduzione delle sensazioni di astringenza ad essi dovuta.
Tutti i termini della scala di persistenza del vino.
Vino persistente. Per "persistente" si intende un vino il cui ricordo sensoriale dopo la deglutizione ha una durata più che sufficiente. Convenzionalmente, si indica come "persistente" un vino la cui persistenza è compresa tra i 6 e gli 8 secondi. In genere, i vini persistenti sono vini complessi, strutturati e solitamente sottoposti ad un periodo di maturazione/affinamento piuttosto rilevante.
Brachetto

L'abbinamento con il cibo

Il Brachetto d’Acqui è un vino semplice che viene spesso bevuto in serate in compagnia, anche come aperitivo.Il Brachetto si sposa alla perfezione con crostate a base di frutta rossa, ma anche semifreddi ai frutti di bosco. Non avendo grande struttura, non regge l’abbinamento a cioccolato, cacao o dolci troppo complessi. Non trova altri abbinamenti data la sua leggerezza nel gusto.

 

degustazione brachetto abbinamenti

I tipi di portata in abbinamento per il vino Brachetto:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.