Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Montepulciano

Note degustative per i vini "Montepulciano"

Il Montepulciano è un vino caratterizzato dall'intensità dei suoi colori e dei suoi profumi, dal calore avvolgente e dalla struttura importante. Per questi motivi  e per le sue ottime rese produttive, il Montepulciano è stato per anni impiegato come uva da taglio, allo scopo di  dare colore e struttura ai vini, o in assemblaggio con altre uve, come il Sangiovese, per dare al prodotto finale colore e struttura. Da quando si è iniziato a coltivarlo usando principi viticolturali di qualità, il Montepulciano si è dimostrato in grado di produrre vini importanti, di corpo e ricchi di profumi. Grazie al loro contenuto in polifenoli e alcol, i vini prodotti con il Montepulciano possono evolevre in bottiglia per lunghi anni.  A seconda della provenienza e dello stile del produttore, potremmo imbatterci in vini equilibrati e piacevoli, di facile beva, ma anche in prodotti importanti, di lungo affinamento e grande struttura. Quindi è difficile proporre una regola generale, cercheremo di evidenziare i tratti comuni, marcatori dei vitigni, tenendo presente che la forbice "da...a..." in termini di sensazioni, può risultare particolarmente ampia da un vino all'altro.

Colorerosso
Tipo vinofermo
Strutturadi corpo
Qualitàarmonico, fine
Temperatura di servizio18-20°C
Bicchierebicchiere da vino rosso strutturato

Caratteristiche vino

Il Montepulciano è un vino caratterizzato dall'intensità dei suoi colori e dei suoi profumi, dal calore avvolgente e dalla struttura importante. Per questi motivi  e per le sue ottime rese produttive, il Montepulciano è stato per anni impiegato come uva da taglio, allo scopo di  dare colore e struttura ai vini, o in assemblaggio con altre uve, come il Sangiovese, per dare al prodotto finale colore e struttura. Da quando si è iniziato a coltivarlo usando principi viticolturali di qualità, il Montepulciano si è dimostrato in grado di produrre vini importanti, di corpo e ricchi di profumi. Grazie al loro contenuto in polifenoli e alcol, i vini prodotti con il Montepulciano possono evolevre in bottiglia per lunghi anni.  A seconda della provenienza e dello stile del produttore, potremmo imbatterci in vini equilibrati e piacevoli, di facile beva, ma anche in prodotti importanti, di lungo affinamento e grande struttura. Quindi è difficile proporre una regola generale, cercheremo di evidenziare i tratti comuni, marcatori dei vitigni, tenendo presente che la forbice "da...a..." in termini di sensazioni, può risultare particolarmente ampia da un vino all'altro.

Conduzione della degustazione

Il Montepulciano è un vino di corpo, con una discreta longevità e buona predisposizione all'affinamento in legno. Si consiglia di aprire la bottiglia di Montepulciano almeno un'ora prima della degustazione, allungando l'anticipo dell'apertura in funzione della durata dell'invecchiamento del vino, fino a qualche ora nel caso di versioni più complesse e di lungo affinamento. Usare un calice ampio per permettere l'ossigenzazione del vino e la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione consigliata: 18-20°C.

Esame visivo

Il Montepulciano è un vino che si presenta con colorazioni molto intense. Il vitigno infatti cede ai mosti una notevole quantità di sostanze coloranti, portando ad una trasparenza piuttosto limitata e colore di tonalità decisamente intense e profonde. I vini più giovani prodotti con il Montepulciano si presentano con colori rosso rubino intenso e profondo, con nette sfumature rosso porpora. Queste tenderanno a scomparire nei primi anni ed il Montepulciano mostrerà sfumature che tenderanno al granato dopo alcuni anni di affinamento.
 
Rosso rubino Consistente intenso scuro

Esame olfattivo

Il Montepulciano è prevalentemente caratterizzato al naso da note fruttate, piccoli frutti a bacca nera e rossa, prugne ed amarena. Note floreali, soprattutto di viola e ciclamino sono frequenti, specialmente nei vini giovani.  La scelta del contenitore nel quale è fatto affinare influisce sulle qualità olfattive del Montepulciano, grazie allo sviluppo degli aromi terziari. Il Montepulciano in purezza, nelle sue tipologie più importanti, è generalmente affinato in botte e in barrique. Troveremo quindi frequentemente aromi terziari derivati appunto dal legno e dalla sua tostatura, quali note di spezie e cuoio giovane.
 
complesso floreale fruttato speziato
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

Il Montepulciano di qualità presenta quasi sempre una struttura di una certa importanza, conferita anche dalla maturazione in botte o in barrique. La concentrazione del vino è una delle prime caratteristiche che colpisce al palato, accompagnata da una trama tannica pronunciata ma armonica. Il contenuto alcolico è in genere di tutto rispetto, caratteristica inoltre utile per raggiungere l'equilibrio con la struttura ed il tannino. La persistenza del Montepulciano è  buona ed in alcuni casi si possono trovare vini con persistenze gusto olfattive anche decisamente lunghe, con ricordi fruttati e speziati.
 
Caldo Tannini morbidi evoluti di trama fitta

Abbinamento cibo-vino

Grazie alla sua struttura e alla sua armonia, nelle versioni più importanti il Montepulciano è il vino ideale per accompagnare piatti importanti di carni rosse, selvaggina da pelo quale cervo o cinghiale, ma anche formaggi di lunga stagionatura. Nelle versioni più giovani accompagna egregiamente primi piatti a base di carni  e piatti di portata meno strutturati.
 
Formaggi stagionati Portate a base di carne arrosto o alla griglia Portate a base di carne in umido o in tegame Portate a base di selvaggina

Argomenti correlati


  • Contatti professionali

  • Libri e Accessori consigliati da Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social