GUIDA ALLA DEGUSTAZIONE DEI VINI ITALIANI – Quattrocalici

Malbec

La degustazione

La degustazione del Malbech. Il Malbec (spesso si tende ad omettere la “h” finale) nasce come vitigno in Francia, nella zona di Bordeaux. Nel suo paese di origine è quasi scomparso, essendo diffuso ormai solo nella zona di Cahors. Il Malbec è tornato in auge grazie ai vini prodotti in Argentina, dove ha trovato un ambiente ideale soprattutto tra i picchi delle Ande nella provincia di Mendoza. Questa regione vinicola si trova al confine tra Cile e Argentina, e infatti il Malbec si coltiva con successo anche nello stesso Cile. In Italia il Malbec viene coltivato nel Veneto e in Friuli e solo più marginalmente in altre regioni. Nel passato è stato spesso confuso con particolari cloni di Merlot.

Malbec

Le caratteristiche del vino

Il Malbec si presenta di colore rosso intenso, scuro, corposo, con una struttura imponente e grande finezza di profumi, che contribuiscono all’armonia di un vino che tenderebbe altrimenti a colpire soprattutto per la sua mole. Al palato è anche dotato di ottima freschezza e l’eleganza dei tannini ne mitiga l’irruenza. Grande anche la persistenza, con ricordi fruttati e speziati.

Colorerosso
Tipo vinoVino fermo
Strutturadi corpo
Qualitàfine
Temperatura di servizio18-20°C
Bicchierebicchiere da vino rosso classico
Malbec

Tutti i vini della categoria Malbec

nella Guida Quattrocalici

Malbec

Degustazione guidata

Per degustare il Malbec è consigliabile l’apertura della bottiglia circa un’ora prima dell’assaggio. Utilizzare un calice di dimensioni medio-grandi, baloon o a luce ampia per permettere la diffusione dei profumi. Come temperatura di servizio consigliamo circa 18-20°C.

degustazione malbech servizio

Malbec
Degustazione guidata

Esame visivo

Il vino Malbec è spesso di un colore rubino scuro, quasi impenetrabile e di grande consistenza nel bicchiere, che rivela la sua struttura e di sovente anche un’alcolicità di tutto rispetto.

degustazione malbech visivo

I descrittori per l'esame visivo del vino Malbec:

Vino rosso rubino. Tutti i termini per il colore dei vini

Il rosso rubino è per i vini rossi quello che il giallo paglierino è per i vini bianchi. Il colore più diffuso e quello intermedio per le varie tipologie di vino rosso. Un vino rosso rubino indica media concentrazione, un vino nè troppo giovane nè probabilmente di lunghissimo affinamento. La sua intensità e la maggiore o minore trasparenza possono dare ulteriori indicazioni sul tipo di vino, il metodo di vinificazione e il vitigno in questione.

Vino consistente. Tutti i termini per la consistenza del vino

Consistente è un vino che manifesta una discreta resistenza alla rotazione nel bicchiere, che una volta fermata, dà origine ad una serie di archetti ben marcati sulla superficie del vetro. Indica buona struttura nel vino, un vino concentrato con una quantità di estratti superiore alla media.
Malbec
Degustazione guidata

Esame olfattivo

Al naso il Malbec si presenta con un bouquet intenso e caldo, con intensi aromi fruttati, che a seconda della struttura e della maturazione può essere matura ma anche sotto spirito. Troveremo soprattutto ciliegie, frutti di bosco e prugne, con note di spezie dolci ed un caratteristico sottofondo erbaceo. Nei vini più semplici, nei quali l’affinamento in legno è stato forzato su una struttura non sempre all’altezza, possiamo anche imbatterci in sentori foxy o di legno bagnato, che comunque costituiscono un difetto e non una tipicità.

degustazione malbech olfattivo

I descrittori per l'esame olfattivo del vino Malbec:

Vino Abbastanza Complesso.

Nell'ambito della degustazione olfattiva, si definisce "abbastanza complesso" un vino che presenta tre (o più) riconoscimenti olfattivi e la cui complessità olfattiva risulti in linea con le aspettative presentate dal vino in esame anche in riferimento alla tipologia di appartenenza. La complessità nei profumi è anche una caratteristica varietale, ossia legata ai vitigni utilizzati nella vinificazione. In generale possiamo comunque aspettarci un vino giovane senza particolari o lunghi affinamenti.

Vino fruttato. La Descrizione dei Profumi nel Vino.

Vino fruttato. Le note fruttate sono tra le più comuni, presenti in moltissimi vini, sia bianchi che rossi o rosati. Sono di origine quasi sempre fermentativa, anche se possono essere legate a marcatori caratteristici di determinati vitigni. In genere, profumi di frutta bianca sono presenti nei vini bianchi, profumi di frutta rossa nei vini rossi e così via. Nei vini giovani i profumi ricordano la frutta fresca, nei vini sottoposti a lunghe maturazioni troveremo più facilmente note di confettura o di frutta secca, nei vini fortificati note di frutta sotto spirito.

Riconoscimenti olfattivi

Malbec
Degustazione guidata

Esame gustativo

Al palato il Malbec ha toni caldi ed intensi. I suoi tannini sono dolci e delicati, mitigati in molti casi dalla grande struttura. Lievi note di fresca acidità che trovano conferma nella persistenza, con ricordi di frutti di bosco già percepiti al naso.

degustazione malbech gustativo

I descrittori per l'esame gustativo del vino Malbec:

Vino secco. Tutti i termini per la Scala di Dolcezza dei Vini

Vino secco. In un vino secco non viene percepita alcuna sensazione di dolcezza. Agli effetti pratici, essendovi sempre nel vino anche un pur modesto residuo zuccherino, si considerano secchi i vini che abbiano un contenuto zuccherino da 0 a 10 g/l.

Tutti i termini per la Scala di Alcolicità dei Vini

Vino "caldo". Quando nel vino la percezione alcolica è piuttosto netta, come ad esempio avviene per i vini con gradazione alcolica di 13-14° in volume, il vino in questione viene definito caldo. Questi vini per essere anche equilibrati, devono avere un corpo e una struttura in grado di supportarne il tenore alcolico.

Vino tannico

Si dice tannico un vino che presenta al palato una decisa sensazione di astringenza, che si manifesta come secchezza o ruvidezza a livello dello stesso palato o delle gengive. In molti casi la marcata tannicità è da ricondursi al vitigno di partenza e alla precocità della degustazione, prima della fine del periodo ottimale di maturazione o affinamento. In questo senso, il vino potrebbe migliorare, diventando più "rotondo" se lasciato affinare ulteriormente in cantina.

Vino di corpo o corposo

Si dice "di corpo" o "mediamente strutturato" o "corposo" un vino con un buon contenuto di sostanze estrattive. Parliamo quindi di un vino ottenuto da uve mature, ricche di zuccheri e di sostanze complementari. In termini di analisi si può far riferimento a vini il cui estratto secco sia compreso indicativamente tra i 29 e 44 g/l e il cui contenuto in alcol  tra i 13 e i 14° in volume.
Tutti i termini della scala di persistenza del vino.
Vino persistente. Per "persistente" si intende un vino il cui ricordo sensoriale dopo la deglutizione ha una durata più che sufficiente. Convenzionalmente, si indica come "persistente" un vino la cui persistenza è compresa tra i 6 e gli 8 secondi. In genere, i vini persistenti sono vini complessi, strutturati e solitamente sottoposti ad un periodo di maturazione/affinamento piuttosto rilevante.
Malbec

L'abbinamento con il cibo

I vini Malbec si abbinano con risotti a base carni e funghi, salumi, carni in umido, intingoli stufati e carni bianche e rosse alla griglia. Le versioni più strutturate si adattano anche ad accompagnare cacciagione e formaggi stagionati.

degustazione malbech abbinamenti

I tipi di portata in abbinamento per il vino Malbec:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.