LE PROVINCE DEL VINO DELLA REGIONE PUGLIA

La provincia di Bari e i suoi vini

provincia bari vino
Vigneti ad Alberobello (BA) Image: Depositphotos.com

La provincia di Bari è una delle sei province della regione Puglia. La provincia di Bari ha una superficie di 3.863 kmq e conta 1.247.000 abitanti. La sua densità abitativa è di 323 ab./kmq.Il clima è di tipo mediterraneo con temperature miti in inverno ed estati calde ed asciutte.

Per quanto riguarda il vino, in provincia di Bari vi sono tre delle quattro DOCG e sette delle ventotto DOC della regione Puglia.

Le tre DOCG sono in condivisione con la provincia di Barletta-Andria-Trani e sono sono state costituite nel 2011 dalla Castel del Monte DOC, a sua volta creata nel 1971.

La Castel del Monte Bombino Nero DOCG è dedicata al vino prodotto con il vitigno Bombino nero oltre ad una massimo del 10% in eventuali vitigni a bacca nera specifici della regione.

La Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOCG è dedicata al vino prodotto con il vitigno Nero di Troia oltre ad un massimo del 10% in eventuali vitigni a bacca nera specifici della regione.

La Castel del Monte Rosso Riserva DOCG, anch’essa prodotta con il vitigno Nero di troia oltre ad eventuali vitigni a bacca rossa specifici della regione.

La Castel del Monte DOC, da cui sono originate le tre DOCG della provincia, vede i suoi vini prodotti a partire dalle uve dei vitigni Pampanuto, Chardonnay, Bombino bianco, Uva di Troia, Aglianico, Montepulciano, Bombino nero, Cabernet franc, Cabernet sauvignon e Sauvignon. Le tipologie di vino previste dalla denominazione sono il Rosso, anche in tipologia novello, il Bianco, il Rosato, il Bombino bianco, tutte e tre anche frizzante e spumante, lo Chardonnay, il Sauvignon, l’Aglianico rosato, tutti e tre anche frizzante, il Cabernet e l’Aglianico varietali, entrambi anche riserva e il Nero di Troia varietale. La DOC è in condivisione con la provincia di Bari.

I vini della denominazione Aleatico di Puglia DOC provengono dai vitigni Aleatico, Negro Amaro, Malvasia nera di Lecce, Malvasia nera di Brindisi e Primitivo. La denominazione è condivisa con le province di Foggia, Brindisi, Lecce e Taranto.

I vini della denominazione Gioia del Colle DOC sono prodotti con i vitigni Primitivo, Trebbiano toscano, Aleatico, Malvasia nera di Brindisi e Malvasia nera di Lecce, nelle tipologie Bianco, Rosso e Rosato.

La denominazione Gravina DOC è dedicata ai vini prodotti con i vitigni Greco, Malvasia bianca, Malvasia bianca lunga, Montepulciano, Primitivo, Aglianico, Uva di Troia, Merlot e Cabernet sauvignon, nelle tipologie Banco, Rosso, Rosato,Passito e spumante.

La Locorotondo DOC dà un vino bianco nelle tipologie superiore e riserva, spumante e passito, prodotto con i vitigni Verdeca, Bianco di Alessano e Fiano. La denominazione è condivisa con la provincia di Brindisi.

La denominazione Martina o Martinafranca DOC, la più antica della provincia, risale al 1969. E’ dedicata al vino bianco prodotto con i vitigni Verdeca, Bianco di Alessano, Fiano, Bombino bianco e Malvasia bianca. La denominazione è condivisa con la provincia di Brindisi e Taranto.

Per finire, la Moscato di Trani DOC, condivisa con le province di Barletta-Andria-Trani e Foggia è dedicata al vino bianco, nelle versioni dolce naturale e liquoroso, prodotto con il vitigno Moscato bianco.

In provincia di Bari sono presenti anche le denominazioni Murgia IGT, Valle d’Itria IGT e la regionale Puglia IGT.

La provincia di Bari e i suoi vini

Le Denominazioni del vino nella provincia di Bari

La provincia di Bari come tutte le province d’Italia, vanta un numero rilevante di denominazioni di origine dedicate al vino. Di seguito l’elenco completo, che riporta anche le altre province di ciascuna denominazione, quando presenti.

La Guida Vini di Quattrocalici per la provincia di Bari

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.