La Guida ai Vitigni di Quattrocalici
Il vitigno denominato Nero di Troia rappresenta un sinonimo per il vitigno Uva di Troia.Per accedere alla pagina del vitigno Uva di Troia con la descrizione completa, i descrittori ampelografici, le caratteristiche del vino prodotto con il vitigno Uva di Troia, clicca qui.

Il vitigno Nero di Troia ha probabilmente  provenienza dalla città di Troia in Asia minore, rifondata in provincia di Foggia probabilmente da coloni greci, anche se non si può non considerare l’ipotesi di una provenienza dalla città albanese di Cruja. E’ abbondantemente coltivato lungo la zona litoranea pugliese, nella zona di Barletta e nella provincia di Bari e di Foggia. Ne esistono due biotipi: uno con grappolo grande e acini larghi, ed un altro con grappolo e acini più piccoli, nota come “Carmosina”. Quest’ultima è la più prometente dal punto di vista enologico. Il nome “Nero di Troia” è in realtà un sinonimo del vitigno “Uva di Troia”. Per le informazioni riguardo alla denominazioni in cui è utilizzato, vedi la relativa scheda vitigno.

uva di troia vitigno
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Informazioni generali sul vitigno Nero di Troia

    Il vitigno Nero di Troia è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Puglia, registrato ufficialmente dal . La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a .
    Colore baccaBacca nera
    Categoria vitigniVitigni locali
    Regioni Italiane principaliPuglia
    SinonimiUva di Troia

    Nero di Troia - Ampelografia del vitigno

    Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Nero di Troia sono:

    Caratteristiche della foglia

    Il vitigno Nero di Troia ha .

    Caratteristiche del grappolo

    Il vitigno Nero di Troia ha .

    Caratteristiche dell'acino

    Il vitigno Nero di Troia ha acini

    Nero di Troia - Caratteristiche del vino

    Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Nero di Troia sono:
    Il vino che si ottiene dal vitigno Nero di Troia è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è Caldo, Speziato, Floreale, tannico, di corpo.

    Nero di Troia - Caratteristiche colturali e produttive

    Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Nero di Troia le caratteristiche principali sono:

    I Libri di Quattrocalici

    my wines quaderno degustazione

    My♥Wines

    Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

    conoscere il vino - il libro

    Conoscere il Vino  - Il Libro

    "Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

    • Registrati su Quattrocalici

    • Il Blog di Quattrocalici

      Quaderno di degustazione - My Wines

      Come compilare la scheda di degustazione per un vino

      La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...