La guida ai vitigni di Quattrocalici

Verdeca

Il vitigno Verdeca e i suoi vini

verdeca vitigno

Il vitigno Verdeca, che deve il suo nome al colore verdolino delle bacche, viene ritenuto autoctono della Puglia, in particolare delle zone della Valle d’Itria, nella zona di Gravina  e nelle zone del Tarantino e del Barese. E’ il vitigno a bacca bianca più diffuso nell’intera regione. Come moltissimi vitigni del sud, anche la Verdeca molto probabilmente ha la sua origine nella vicina Grecia. Alcuni pensano vi siano affinità, e non solo nel nome, con il vitigno portoghese Alvarinho, coltivato nella zona del Vinho Verde. Nel passato la Verdeca veniva usata soprattutto come base per vini dolci o per vermouth, da vendere alle grandi cantine. Negli ultimi anni, grazie anche alla lungimiranza di alcuni viticoltori locali, si è registrato un notevole aumento di interesse per la Verdeca che, vinificata in purezza e seguendo rigorose pratiche di cantina, permette di ottenere risultati molto promettenti.

La Verdeca ha grappoli di dimensioni medie. Gli acini sono ovali e hanno buccia abbastanza pruinosa. L’epoca di maturazione del vitigno è media, compresa tra settembre e ottobre. I suoi terreni preferiti sono quelli poco profondi. I vini prodotti con la Verdeca in purezza hanno colore giallo paglierino con sfumature verdoline. Al naso offrono una gamma olfattiva che va dai fiori di campo, agli agrumi quali il bergamotto e a frutti esotici come l’ananas. Possono anche possedere delle note erbacee o di fiori di gelso ed in chiusura un sottofondo lievemente ammandorlato. Al palato i vini Verdeca manifestano una struttura leggera e sono freschi, dotati di buona sapidità e di una certa persistenza.  Sono l’ideale in abbinamento con i frutti di mare e piatti di pescato in generale.

verdeca vitigno

Il vitigno Verdeca, che deve il suo nome al colore verdolino delle bacche, viene ritenuto autoctono della Puglia, in particolare delle zone della Valle d’Itria, nella zona di Gravina  e nelle zone del Tarantino e del Barese. E’ il vitigno a bacca bianca più diffuso nell’intera regione. Come moltissimi vitigni del sud, anche la Verdeca molto probabilmente ha la sua origine nella vicina Grecia. Alcuni pensano vi siano affinità, e non solo nel nome, con il vitigno portoghese Alvarinho, coltivato nella zona del Vinho Verde. Nel passato la Verdeca veniva usata soprattutto come base per vini dolci o per vermouth, da vendere alle grandi cantine. Negli ultimi anni, grazie anche alla lungimiranza di alcuni viticoltori locali, si è registrato un notevole aumento di interesse per la Verdeca che, vinificata in purezza e seguendo rigorose pratiche di cantina, permette di ottenere risultati molto promettenti.

La Verdeca ha grappoli di dimensioni medie. Gli acini sono ovali e hanno buccia abbastanza pruinosa. L’epoca di maturazione del vitigno è media, compresa tra settembre e ottobre. I suoi terreni preferiti sono quelli poco profondi. I vini prodotti con la Verdeca in purezza hanno colore giallo paglierino con sfumature verdoline. Al naso offrono una gamma olfattiva che va dai fiori di campo, agli agrumi quali il bergamotto e a frutti esotici come l’ananas. Possono anche possedere delle note erbacee o di fiori di gelso ed in chiusura un sottofondo lievemente ammandorlato. Al palato i vini Verdeca manifestano una struttura leggera e sono freschi, dotati di buona sapidità e di una certa persistenza.  Sono l’ideale in abbinamento con i frutti di mare e piatti di pescato in generale.

vitigno verdeca
Verdeca

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Verdeca è uno dei  Vitigni locali a Bacca bianca presenti principalmente nelle regioni Puglia e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 800 ha.
Colore baccaBacca bianca
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliPuglia
Superfice vitata nazionale800 ha
SinonimiPampanuto, Pampanino
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniBasilicata
Raccomandato regioniCampania
Verdeca

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Verdeca sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Verdeca ha Foglia media, Foglia grande, Foglia orbicolare, Foglia pentalobata, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Verdeca ha Grappolo medio, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Verdeca ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia di medio spessore e di colore Buccia verde-gialla.

Verdeca

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Verdeca sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Verdeca è di colore . Al palato è Fruttato.

Verdeca

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Verdeca le caratteristiche principali sono:
Verdeca

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Verdeca risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.