L’ATLANTE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE di Quattrocalici

Ostuni DOC

La Denominazione

La Ostuni DOC è una denominazione in Puglia, riconosciuta nel gennaio 1972, due anni prima delle denominazioni di Manduria, sul verante ionico della penisola salentina. La DOC e il vino a cui si riferisce prendono il nome dalla città di Ostuni, un antico insediamento sulla costa adriatica della Puglia meridionale, il “tacco” dell’Italia. La città è famosa per le sue case bianche, simili ai trulli di Locorotondo e Martina Franca, a nord e ad ovest. Nell’antichità la città ospitò il popolo dei Messapii, e successivamente i Greci che migrarono attraverso il Mar Ionio per iniziare la colonizzazione dell’Italia. Analogamente alle denominazioni Moscato di Trani DOC e Gravina DOC, la Ostuni DOC non comprende vini rossi, cosa non comune in Puglia. Comprende invece sia l’Ostuni Bianco base che l’Ostuni Ottavianello (un vino rosé prodotto con il vitigno di origine Francese Cinsaut, conosciuto localmente come Ottavianello). L‘Ostuni Bianco è ottenuto da uve Impigno, che possono costituire il 50-85% della miscela, e Francavilla, fino ad arrivare al 100%. Il vino è noto per esssere un fantastico abbinamento per i piatti di pesce fresco, viene consumato in genere entro due anni dalla vendemmia e può mancare di complessità nelle annate più calde se non ben vinificato. L’Ostuni Ottavianello è un vino molto diverso: Ottavianello è il nome italiano per il Cinsaut ed è usato qui per produrre vini rosati ed intensi ricchi di note floreali e speziate. Se esiste in Italia un corrispndente della Provenza Francese, con i suoi piatti di frutti di mare, questo si trova qui a Ostuni. La presenza dei vitigni Pugliesi a bacca nera, come la Malvasia Nera e il Negroamaro, ci ricordano i vini della loro terra salentina. Ostuni si trova all’estremità orientale della Valle d’Itria, che segue da vicino le colline Colline Joniche Tarantine, che segnano il passaggio tra la Puglia settentrionale e meridionale. L’Itria non è tecnicamente una valle, ma piuttosto una depressione topografica la cui formazione e presenza parte essenziale del “tacco” dell’Italia. La combinazione di terreni arenacei, calcarei e argillosi presente nella zona è di particolare importanza per due ragioni. Innanzitutto la composizione chimica del suolo e le sue proprietà di ritenzione di calore e drenaggio. In secondo luogo, il fatto che questa depressione sia sta creata dal fenomeno del carsimo nel corso di molte migliaia di anni. Il carsismo si verifica quando una roccia particolarmente solubile viene progressivamente erosa, lasciando dietro di sé le rocce più resistenti. Ciò si verifica anche senza la presenza di fiumi e laghi visibili, a causa di corsi d’acqua sotterranei.

Ostuni DOC

La Denominazione nei dettagli

Ostuni DOC cartina
Creata nel1972
RegionePuglia
ProvincieBrindisi
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino
Ostuni DOC

Il Disciplinare della denominazione

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Ostuni DOC, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare.
Ostuni DOC

I Vitigni della Denominazione

Nella tabella riportiamo i vitigni che rientrano nella composizione ampelografica delle tipologie di vino della denominazione Ostuni DOC. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole varità della Guida ai Vitigni d’Italia di Quattrocalici.
Ostuni DOC

Le Tipologie Vini della Denominazione

I disciplinari delle denominazioni di origine dei vini prevedono una o più “Tipologie di vino” coperte nell’ambito della stessa denominazione. La tabella riporta tutte le tipologie previste dalla denominazione Ostuni DOC, ottenute vinificando le uve dei vitigni autorizzati nell’ambito della stessa denominazione. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole tipologie di vino, nelle quali si possono trovare tutti i dettagli relativi ai procedimenti di vinificazione e alle caratteristiche organolettiche dei vini.
Ostuni DOC

Le Cantine nel territorio della Denominazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.