Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Malvasia nera

Note degustative per i vini "Malvasia nera"

Le Malvasie nere danno origine ad una vasta schiera di tipologie di vini in alcuni casi molto diverse tra loro. Generalemente meno aromatiche delle loro sorelle a bacca bianca, in alcuni casi non lo sono affatto. I vini di origine Piemontese prodotti con questi vitigni sono presenti anche nelle tipologie spumente dolce e passito, mentre i vini del sud (soprattutto Puglia e Basilicata) in generale sono rossi fermi, anche se va precisato che in molti casi in queste regioni la Malvasia nera non è vinificata in purezza, ma in uvaggio con vitigni quali il Primitivo ma soprattutto il Nergo Amaro, che ne risulta arricchito in profumi, corpo e alcolicità. Nel primo caso la DOC di riferimento è soprattutto la Malvasia di Castelnuovo Don Bosco DOC, negli altri parliamo di svariate denominazioni, tra le quali la Brindisi DOC, la Copertino DOC, la  Gioia del Colle DOC,  la Lizzano DOC, etc.

Caratteristiche vino

Le Malvasie nere danno origine ad una vasta schiera di tipologie di vini in alcuni casi molto diverse tra loro. Generalemente meno aromatiche delle loro sorelle a bacca bianca, in alcuni casi non lo sono affatto. I vini di origine Piemontese prodotti con questi vitigni sono presenti anche nelle tipologie spumente dolce e passito, mentre i vini del sud (soprattutto Puglia e Basilicata) in generale sono rossi fermi, anche se va precisato che in molti casi in queste regioni la Malvasia nera non è vinificata in purezza, ma in uvaggio con vitigni quali il Primitivo ma soprattutto il Nergo Amaro, che ne risulta arricchito in profumi, corpo e alcolicità. Nel primo caso la DOC di riferimento è soprattutto la Malvasia di Castelnuovo Don Bosco DOC, negli altri parliamo di svariate denominazioni, tra le quali la Brindisi DOC, la Copertino DOC, la  Gioia del Colle DOC,  la Lizzano DOC, etc.

Conduzione della degustazione

Se la Malvasia nera si presenta come vino secco e fermo, essa va degustata ad una temperatura di circa 18°C in calice aperto per apprezzarne i profumi, se spumantizzata a circa 6-8°C in flûtes o se aromatica nella ormai poco diffusa coppa, se passita in calice da vino passito a stelo lungo e a temperatura di 12-14°C.

Esame visivo

Il colore dei vini ottenuti con le Malvasie nere è solitamente un rosso rubino, in genere molto carico, in alcuni casi più chiaro (come ad esempio per la Malvasia nera presente in Alto Adige). I vini in purezza hanno solitamente una buona consistenza.
 
Rosso rubino Consistente Bollicine fini evanescenti limpido

Esame olfattivo

In alcuni casi più marcatamente aromatici, in altri meno, i profumi delle Malvasie nere sono in generale fruttati di lampone e melograno, con note a volte vinose e a volte più erbacee, di muschio e ortica.
 
abbastanza complesso aromatico erbaceo fruttato vinoso
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

I vini ottenuti con le Malvasie nere hanno per solito buona struttura, buon grado alcolico e discreta sapidità, con giusta acidità e tannino fine e poco percettibile.
 
abbastanza fresco

Abbinamento cibo-vino

Se vinificate come vino fermo e secco le Malvasie nere si possono abbinare a primi piatti di struttura non marcatamente importante, quali zuppe e risotti a base di verdure e piatti di carni bianche al forno o in salsa. Come vino spumantizzato dolce, a crostate di frutta rossa o dolci lievitati, come passito a piccola pasticceria secca o da soli come vini da meditazione.
 
Biscotti e pasticcini Torte e crostate alla frutta Risotti con verdure Risotti diversi Zuppe e minestre di verdura Portate a base di carni bianche

Argomenti correlati


  • Contatti professionali

  • Libri e Accessori consigliati da Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social