Montepulciano - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno montepulciano

Il vitigno Montepulciano

Il vitigno Montepulciano ha origini abbastanza incerte, spesso viene confuso con il Sangiovese, probabilmente a causa  della denominazione toscana "Vino Nobile di Montepulciano DOCG". Oggi è comunque certo che i due vitigni non hanno nulla in comune. Viene coltivato prevalentemente nelle Marche, in Abruzzo e in altre regioni del centro-sud. La sua origine è quasi certamente abruzzese, dove le sue origini più antiche riportano in particolare alla provincia di Pescara, anche se alcune delle massime espressioni enologiche riportano alle Marche, in particolare alla DOCG Conero. Sangiovese e Montepulciano rappresentano comunque la migliore tradizione della produzione neologica del Centro Italia per quanto riguarda i vini rossi.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Osservazione regioni Anno ins. Gruppi
Montepulciano N. 150 Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Sicilia, Toscana, Umbria Bari, Benevento, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto Sardegna Calabria 1970 Nazionali

Caratteristiche del vitigno Montepulciano

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Montepulciano ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, pentagonale e quinquelobata.
  • Grappolo: è medio, di forma conica o cilindro-conica, con una o due ali, mediamente compatto.
  • Acino: medio, di forma sub-ovale Buccia: molto pruinosa, spessa e consistente, di colore nero-violaceo.

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Montepulciano predilige terreni profondi e buone esposizioni, e condizioni climatiche calde e asciutte. I sistemi di allevamento più diffusi sono quelli a espansione media e potatura medio-corta.

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Montepulciano ha vigoria media ed epoca di maturazione tardiva.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Montepulciano in purezza dà un vino di un bel colore rosso rubino intenso. Il suo profumo è vinoso e fruttato. In bocca è asciutto e caldo, con tannini equilibrati, adatto all'invecchiamento. Si presta anche alla vinificazione in bianco e alla produzione di vini rosati per parziale macerazione delle uve in purezza.