Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Aleatico

La degustazione dei vini "Aleatico"

aleatico-degustazione


La degustazione dei vini Aleatico

Le Caratteristiche del vino Aleatico

In tutte le denominazioni in cui è presente, l’Aleatico in purezza si trova presente nelle tipologie dolce, vendemmia tardiva, passito o liquoroso. E’ un vino generalmente di grande colore e consistenza, che richiede una degustazione meditativa ed attenta.

La degustazione del vino Aleatico

Per la degustazione dell’Aleatico utilizzare un calice a stelo lungo adatto ai vini dolci, passiti o liquorosi. Aprire la bottiglia almeno un’ora prima della degustazione per favorire l’ossigenazione, soprattutto nel caso di vini che abbiano trascorso un lungo periodo in cantina. La temperatura di servizio/degustazione, a seconda della tipologia, varierà dagli 8° ai 14°C.

La Degustazione - Esame visivo

L’Aleatico è un vino di colore generalmente rosso rubino molto carico, che a seconda dell’affinamento può assumere tonalità granata, mattonate scure o anche leggermente aranciate. L’elevato contenuto zuccherino e/o alcolico conferisce al vino brillantezza nel colore ma anche grande consistenza, con archetti molto evidenti e pronunciati.

 
Rosso rubino con riflessi granati Consistente

La Degustazione - Esame olfattivo

Al naso l’Aleatico è solitamente più intenso che complesso, con netta prevalenza dei sentori fruttati, more, amarene e fichi, che con l’allungarsi dell’affinamento tendono ad evolversi in confettura, creando una sensazione molto ampia, aromatica ed avvolgente soprattutto nelle versioni liquorose.

 
intenso complesso Fruttato
Riconoscimenti olfattivi

La Degustazione - Esame gustativo

L’Aleatico, a seconda della tipologia e del tipo di vinificazione, si presenta caldo, morbido ed armonico, con una nota tannica che va ad equilibrare le sensazioni di calore e dolcezza. Generalmente di grande persistenza, lascia ricordi di amarena, fichi e frutti rossi in confettura.

 
Molto caldo-Alcolico

L'Abbinamento con il cibo del vino Aleatico

L’Aleatico dà vini di grande colore e consistenza, adatti ad accompagnare pasticceria secca, dolci della tradizione locale secchi e friabili,  ma anche accompagnato da miele amaro o da pecorino stagionato. Le versioni liquorose sono adatte anche ad abbinamento con dolci al cioccolato, oppure da sole, “da meditazione”, a seconda della tipologia.

 
Biscotti e pasticcini Torte e crostate alla frutta Formaggi stagionati
>

Argomenti correlati


  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino