Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Aleatico

La degustazione dei vini "Aleatico"

aleatico-degustazione
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La degustazione dei vini Aleatico

Le Caratteristiche del vino Aleatico

In tutte le denominazioni in cui è presente, l’Aleatico in purezza si trova presente nelle tipologie dolce, vendemmia tardiva, passito o liquoroso. E’ un vino generalmente di grande colore e consistenza, che richiede una degustazione meditativa ed attenta.

Degustazione guidata del vino Aleatico

Per la degustazione dell’Aleatico utilizzare un calice a stelo lungo adatto ai vini dolci, passiti o liquorosi. Aprire la bottiglia almeno un’ora prima della degustazione per favorire l’ossigenazione, soprattutto nel caso di vini che abbiano trascorso un lungo periodo in cantina. La temperatura di servizio/degustazione, a seconda della tipologia, varierà dagli 8° ai 14°C.

Aleatico - La Degustazione - Esame visivo

L’Aleatico è un vino di colore generalmente rosso rubino molto carico, che a seconda dell’affinamento può assumere tonalità granata, mattonate scure o anche leggermente aranciate. L’elevato contenuto zuccherino e/o alcolico conferisce al vino brillantezza nel colore ma anche grande consistenza, con archetti molto evidenti e pronunciati.

 
I descrittori per l'esame visivo del Aleatico:
Rosso rubino con riflessi granati Consistente

Aleatico - La Degustazione - Esame olfattivo

Al naso l’Aleatico è solitamente più intenso che complesso, con netta prevalenza dei sentori fruttati, more, amarene e fichi, che con l’allungarsi dell’affinamento tendono ad evolversi in confettura, creando una sensazione molto ampia, aromatica ed avvolgente soprattutto nelle versioni liquorose.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Aleatico:
intenso complesso Fruttato
I Riconoscimenti olfattivi per il Aleatico

Aleatico - La Degustazione - Esame gustativo

L’Aleatico, a seconda della tipologia e del tipo di vinificazione, si presenta caldo, morbido ed armonico, con una nota tannica che va ad equilibrare le sensazioni di calore e dolcezza. Generalmente di grande persistenza, lascia ricordi di amarena, fichi e frutti rossi in confettura.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Aleatico:
Molto caldo-Alcolico

L'Abbinamento con il cibo del vino Aleatico

L’Aleatico dà vini di grande colore e consistenza, adatti ad accompagnare pasticceria secca, dolci della tradizione locale secchi e friabili,  ma anche accompagnato da miele amaro o da pecorino stagionato. Le versioni liquorose sono adatte anche ad abbinamento con dolci al cioccolato, oppure da sole, “da meditazione”, a seconda della tipologia.

 
I tipi di portata in abbinamento per il Aleatico:
Biscotti e pasticcini Torte e crostate alla frutta Formaggi stagionati
>

Argomenti correlati


  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione