La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Malbech

Il vitigno Malbech

    Il vitigno Malbech è di origine francese, molto diffuso nel bordolese. Sembra che il suo nome derivi dal nome del proprietario che per primo lo impiantò nel Medoc. Anche in Italia era molto coltivato fino a qualche tempo fa, poi, più di recente, l'aumento di interesse nei confronti del Cabernet e del Merlot ne hanno fatto ridurre notevolmente le superfici vitate. Il Malbech sembra essere giunto in Italia intorno verso la metà dell'800, ma solo nel 1881 il Conte Provana di Collegno (Torino) illustra il Malbech all'esposizione ampelografica di Pinerolo. Attualmente è coltivato nel Veneto e in Friuli, e più marginalmente in altre regioni italiane. Molto spesso il Malbech viene confuso con delle selezioni clonali particolari di Merlot.

    Malbech

    Informazioni generali sul vitigno Malbech

      Colore baccanera
      Categoria vitigniinternazionali, locali
      Anno di registrazione1971
      Autorizzato provinceBari, Brindisi, Foggia, Gorizia, Lecce, Pordenone, Taranto, Udine
      Autorizzato regioniAbruzzo, Sardegna, Toscana, Umbria

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      grande, orbicolare, intera, trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      mediamente compatto, compatto, grandezza media, piramidale. Ali nel grapppolo: 1.

      Caratteristiche dell'acino

      dimensione media, grandi, di forma sferoidale, con buccia consistente, pruinosa e di colore blu-nera.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Malbech è di colore Rosso rubino. Al palato è Caldo, erbaceo.

      Caratteristiche colturali e produttive

      Produttivitàdiscreta, irregolare
      Tipo allevamentoforme espanse
      Sensibilità conosciutecolatura, acinellatura, intemperie, gelo

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino

      • Il Blog di Quattrocalici

        ciauria tenuta delle macchie

        Profumo, di eternità

        In dialetto siciliano Ciaurìa significa “Profuma”. E questo vino profuma davvero: profuma di Etna ma anche di terra, di salvia e di fuoco. Ciaurìa è diverso...