L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Lison Pramaggiore DOC

lison-pramaggiore-doc

Indice dei contenuti per la denominazione Lison Pramaggiore DOC

La denominazione Lison Pramaggiore DOC rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Veneto, Friuli-Venezia Giulia. La denominazione Lison Pramaggiore DOC include le province di Pordenone, Venezia, Treviso ed è stata creata nel 1971. I vini della denominazione Lison Pramaggiore DOC si basano principalmente sui vitigni Chardonnay, Sauvignon, Verduzzo Friulano, Merlot, Malbech, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Carmènere, Refosco dal peduncolo rosso, Pinot grigio, Pinot nero. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Lison Pramaggiore DOC. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Lison Pramaggiore DOC.

La Denominazione

La zona della DOC Lison-Pramaggiore  è situata nella pianura a pochi chilometri dal litorale veneziano, fra i fiumi Tagliamento e Livenza. Il clima è temperato, grazie alla vicinanza del mare, alla presenza di aree lagunari e alla giacitura pianeggiante che favorisce l’esposizione dei vigneti ai venti della zona. La presenza dei venti, prevalentemente serali, abbassa di notte le temperature, favorendo l’escursione termica tra notte e giorno.

La denominazione prende il nome dal borgo romano di Lison e dal paese di Pramaggiore a testimonianza che la coltivazione locale della vite era già presente all’epoca dei romani, ma la coltivazione della vite ebbe il suo primo importante sviluppo ai tempi della Repubblica Veneziana. Negli ultimi cinquant’anni la professionalità dei produttori ha permesso di ottenere già nel 1971 la Denominazione Lison per il Tocai e successivamente la Denominazione Pramaggiore per tutelare il Merlot e Cabernet della zona. Nel 1974 le due Denominazioni vennero fuse nella DOC Lison-Pramaggiore.

I vini della DOC Lison-Pramaggiore sono caratterizzati da un’ottima struttura, un buon equilibrio acido, dall’intensità dei profumi di frutta fresca e dalla spiccata personalità.
I vini rossi hanno un colore che può andare dal rosso rubino a quello granato con l’invecchiamento. Le note di frutta rossa più o meno matura sono la caratteristica fondamentale all’olfatto anche se in dipendenza dal vitigno si possono trovare sfumature più o meno intense di piccoli frutti di bosco e spezie. I rossi sono vini di struttura che danno una piacevole sensazione di morbidezza e di calore e sopportano due o più anni d’invecchiamento, i cui aromi vengono valorizzati se sono serviti a temperatura ambiente.
Per i vini bianchi giovani il colore è normalmente giallo paglierino con riflessi verdognoli più o meno intensi. All’olfatto sono ricchi, con evidenti note floreali e frutta fresca mentre al gusto ritorna la specificità del territorio con una marcata sapidità e persistenza gustativa.
I vini bianchi, per la loro freschezza, esprimono meglio le loro qualità se consumati entro un anno dalla produzione.

Dettagli della denominazione

Creata nel1971
RegioneVeneto, Friuli-Venezia Giulia
ProvinciePordenone, Venezia, Treviso
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino