Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Moscato di Scanzo

La degustazione dei vini "Moscato di Scanzo"

moscato di scanzo degustazione vino


La degustazione dei vini Moscato di Scanzo

Le Caratteristiche del vino Moscato di Scanzo

Il Moscato di Scanzo è un vino passito dolce che si ottiene a partire dalle uve dell’omonimo vitigno, unico autoctono della provincia di Bergamo. Nel 2009 il vino ha ottenuto la DOCG, la prima in provincia di Bergamo, quinta in Lombardia e la più piccola DOCG in Italia. Il terreno e il vitigno danno vita ad un vino sorprendente: profumatissimo e speziato con sapori di frutti rossi, rosa canina, ma anche liquirizia e cannella. Il Moscato di Scanzo è uno dei pochissimi moscati da uve a bacca nera prodotti in Italia.

Colorerosso
Tipo vinopassito
Strutturadi corpo
Qualitàarmonico, caratteristico, fine
Temperatura di servizio14-16°C
Bicchierebicchiere da vino passito

Degustazione guidata del vino Moscato di Scanzo

Il Moscato di Scanzo va degustato almeno una mezz’ora dopo l’apertura della bottiglia, per permettere al vino di ossigenarsi. Utilizzeremo un calice per vini passiti a stelo lungo. La temperatura ideale di degustazione è attorno ai 15°C.

Moscato di Scanzo - La Degustazione - Esame visivo

Il Moscato di Scanzo si presenta di colore rosso rubino scuro, cupo, quasi impenetrabile. L’elevato contenuto zuccherino e la presenza di polialcoli gli assicurano un’ottima consistenza.

 
I descrittori per l'esame visivo del Moscato di Scanzo:
impenetrabile intenso Rosso rubino con riflessi granati Consistente

Moscato di Scanzo - La Degustazione - Esame olfattivo

Il profumo del Moscato di Scanzo è intenso, persistente e caratteristico, ma al tempo stesso delicato e armonico. Accanto all’aromaticità di Moscato, dominano sentori fruttati di amarena e di frutti di bosco, accompagnati da note speziate di chiodi di garofano e cannella e floreali di viola e ciclamino.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Moscato di Scanzo:
complesso Aromatico Floreale Fruttato Speziato
I Riconoscimenti olfattivi per il Moscato di Scanzo

Moscato di Scanzo - La Degustazione - Esame gustativo

Il Moscato di Scanzo al palato è dolce, caldo, morbido e di ottima struttura. Il tannino è percettibile, anche se bilanciato dalla morbidezza e dalla dolcezza del vino. Ottima la persistenza con ricordi fruttati di amarena, vaniglia e mandorla.

 
I descrittori per l'esame olfattivo del Moscato di Scanzo:
Caldo Equilibrato morbido persistente con ricordi fruttati con ricordi speziati tannico Tannini morbidi evoluti Tannini di trama abbastanza fitta dolce abbastanza tannico Tannini morbidi evoluti Tannini di trama abbastanza fitta

L'Abbinamento con il cibo del vino Moscato di Scanzo

Il Moscato di Scanzo è un ideale vino da meditazione. In quanto vino passito rosso, si abbina idealmente con crostate di frutta rossa, dolci alla mandorla ma anche a base di cioccolato, o formaggi di lunghissima stagionatura.

 
I tipi di portata in abbinamento per il Moscato di Scanzo:
Biscotti e pasticcini Come vino da meditazione Torte con noci mandorle e nocciole Torte e crostate alla frutta Formaggi stagionati

Ricette in abbinamento per i vini Moscato di Scanzo

Vi proponiamo una selezione di ricette da abbinare ai vini Moscato di Scanzo, scelte dal Ricettario di Quattrocalici.
>

Argomenti correlati


  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione