LE PROVINCE DEL VINO DELLA REGIONE MARCHE

La provincia di Ancona e i suoi vini

provincia ancona vino
Vigneti a Camerano (AN) Image: Depositphotos.com

La provincia di Ancona è una delle 5 province della regione Marche. La provincia di Ancona ha una superficie di 1.963 kmq e conta 474.000 abitanti. La sua densità abitativa è di 241 ab./kmq.

In provincia di Ancona sono presenti tre delle cinque DOCG delle Marche, per prima la Conero DOCG, con il vino prodotto dai vitigni Montepulciano e Sangiovese. E’ un vino dalle origini antiche, del quale viene anche riferito un giudizio elogiativo di Plinio il Vecchio nella sua “Naturalis Historia“, dove parla dei vini del versante Adriatico, tra i quali particolare fama godevano quelli “anconetani”.

La denominazione Rosso Conero DOC costituisce la denominazione di ricaduta della precedente DOCG e il suo vino viene anch’esso prodotto con il vitigno Montepulciano.

Con il Verdicchio vengono prodotti i vini bianchi della Castello di Jesi Verdicchio Riserva DOCG, che include la sottozona Classico, e la Verdicchio di Matelica Riserva DOCG. Entrambe le denominazioni sono condivise con la provincia di Macerata.

Sul Verdicchio sono basate anche le denominazioni di ricaduta Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC, con le tipologie passito e spumante e di cui esiste la sottozona classico e la tipologia superiore, e il Verdicchio di Matelica DOC con le tipologie spumante e passito. Questi vini sono prodotti anche in provincia di Macerata.

In provincia di Ancona sono anche presenti sette delle DOC prodotte nella regione Marche. Il vino rosso della denominazione Lacrima di Morro d’Alba DOC o Lacrima di Morro, anche nelle tipologie superiore e passito, viene prodotto con il vitigno Lacrima, autoctono e unico di questa zona, che nel passato veniva tradizionalmente “maritato” all’olmo e all’acero e si coltivava nelle colline che circondano Morro d’Alba. E’ anche questo un vino di lunga tradizione, conosciuto sin dai tempi remoti. Pare che nel 1167 l’imperatore Federico Barbarossa scelse come propria dimora il Castello di Morro d’Alba quando pose d’assedio alla città di Ancona, proprio grazie alla fama del vino che si produceva nella zona. .

La denominazione Esino DOC, condivisa con la provincia di Macerata, si riferisce ai vini, sia bianchi che rossi, prodotti con i vitigni Sangiovese, Verdicchio bianco e Montepulciano.

I vini della denominazione Colli Maceratesi DOC, condivisa con la provincia di Macerata, si ottengono dai vitigni Maceratino, Incrocio Bruni 54, Pecorino, Trebbiano toscano, Verdicchio, Chardonnay, Sauvignon, Malvasia bianca lunga, Grechetto, Sangiovese, Cabernet sauvignon, Cabernet franc, Ciliegiolo, Lacrima, Merlot, Montepulciano e Vernaccia nera. Le tipologie dalla denominazione includono il bianco, e il Ribona (sinonimo di Maceratino), entrambi anche nelle tipologie passito e spumante, il rosso, anche nelle tipologie novello e riserva, e Sangiovese in purezza.

La denominazione  Rosso Piceno DOC è quella con la zona di produzione più ampia, che comprende infatti anche le province di Ascoli Piceno, Macerata e Fermo tralasciando solo le zone di produzione del rosso Conero. I vini della denominazione sono prodotti con i vitigni Montepulciano e Sangiovese.

Per finire, la denominazione Marche IGT include tutte le tipologie di vino che si possono produrre con i vitigni di cui è autorizzata la coltivazione nella regione Marche.

La provincia di Ancona e i suoi vini

Le Denominazioni del vino nella provincia di Ancona

La provincia di Ancona come tutte le province d’Italia, vanta un numero rilevante di denominazioni di origine dedicate al vino. Di seguito l’elenco completo, che riporta anche le altre province di ciascuna denominazione, quando presenti.

La Guida Vini di Quattrocalici per la provincia di Ancona

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.