La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Lacrima e i suoi vini

    Il vitigno Lacrima è anche conosciuto con il nome del vino che se ne ottiene, il Lacrima di Morro d’Alba. E’ un vitigno autoctono delle Marche, di origine antichissima. Sembra infatti che già nel 1167 Federico Barbarossa abbia bevuto del vino prodotto da quest’uva quando dimorava nel castello di Morro d’Alba, durante l’assedio di Ancona. Le origini del nome sembrano derivare dal fatto che l’acino, quando è maturo, trasuda goccioline di succo che sembrano lacrime. Secondo altri invece il nome sarebbe da collegare alla forma allungata dell’acino, oppure ad una lontana parentela con l’uva “lacrima” spagnola. La coltivazione di questo vitigno veniva tradizionalmente effettuata “maritandolo” ad un tutore vivo, ossia ad un albero, come l’olmo o l’acero, oppure ad un palo di legno.

    lacrima vitigno

    Nei secoli la diffusione del vitigno Lacrima si è ristretta sempre più fino a limitarsi alla sola zona della sua origine, Morro d’Alba. Per questo motivo ha anche rischiato l’estinzione negli scorsi decenni, fino a quando negli Anni Ottanta è stato tutelato con moderne coltivazioni e con la denominazione d’origine. Piccole quantità di questo vitigno sono inoltre coltivate in Romagna, Toscana e Puglia. Il vitigno Lacrima ha grappoli di grandezza media, di forma piramidale, spargoli, dotati di ali. Gli acini sono anch’essi di medie dimensioni, rotondi con le bucce dalla caratteristica lacrimazione quando sono maturi. Il loro colore è un blu molto scuro, quasi nero. Nonostante la sua sofferenza alla botrite, al marciume e ai parassiti, il vitigno Lacrima dimostra ottima vigoria e produzioni sopra la media, anche se molto legate all’andamento climatico. Il Lacrima infatti è molto sensibile alle variazioni climatiche, è poi un vitigno difficile da coltivare, bisognoso di drastiche e numerose potature.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Lacrima

      Il vitigno Lacrima è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera della regione Marche, registrato ufficialmente dal 1971. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 421 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale421 ha
      Anno di registrazione1971
      Autorizzato provinceBari, Brindisi, Lecce, Taranto
      Autorizzato regioniMarche, Umbria

      Lacrima - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Lacrima sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Lacrima ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Lacrima ha Spargolo, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Lacrima ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia Buccia consistente, spessa e di colore blu-nera.

      Lacrima - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Lacrima sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Lacrima è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è Aromatico, vinoso, Fruttato, di corpo.

      Lacrima - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Lacrima le caratteristiche principali sono:

      Lacrima - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Lacrima risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione