Contenuto dell'articolo

Conoscere il Vino
Indice dei contenuti

Il corso sul vino di Quattrocalici

Girolamo Molon

Ampelografo (1860-1937). Nel 1906 pubblico il suo "Ampelografia", per guidare i vignaioli alla scelta delle varietà nella ricostruzione postfilosserica.

girolamo molon ampelografo

Girolamo Molon AmpelografiaGirolamo Molon è  una delle figure più importanti dell’ampelografia italiana. Si laureò in Scienze Agrarie nel 1882 all’Università di Milano e negli anni successivi fu del Comizio Agrario di Crema, dove si dedicò in particolare a ricostruire e riorganizzare l’antico vivaio, da tempo pressochè abbandonato. Nel 1890, dopo una breve parentesi da assistente alla Regia Scuola di Viticoltura ed Enologia di Conegliano Veneto, ottenne la cattedra di Viticoltura, Pomologia e Orticoltura presso la Regia Scuola Superiore di Agricoltura di Milano. Qui ebbe l’opportunità di risistemare ed ingrandire la collezione ampelografica realizzata vent’anni prima dal professor Cantoni, che con il suo contributo arrivò a contare 450 varietà di viti, catalogate e studiate. Nel 1906, pubblicò la sua “Ampelografia” dal sottotitolo “Descrizione delle migliori varietà di viti per uve da vino, uve da tavola, portainnesti e produttori diretti“. L’obiettivo principale di quest’opera era quello di fornire una guida pratica per la scelta delle varietà di vite da utilizzare per i reimpianti necessari dopo la crisi causata dalla fillossera. Il testo sembra rivolgersi direttamente ai viticoltori che si trovano a fare scelte vitali nel momento in cui decidono di ricominciare la propria attività.
Dopo il passaggio della fillossera, il mondo scientifico si era diviso in due schieramenti, da una parte i sostenitori del metodo distruttivo, che era quello adottato dalle autorità e prevedeva l’espianto tout-court dei vigneti infestati, dall’altra vi erano quanti sostenevano la necessità di andare verso una rapida ricostituzione dei vigneti su portinnesto americano. Molon si schierò decisamente per la seconda tesi, incoraggiando con forza la costituzione di un’industria vivaistica moderna, capace di valutare quali portinnesti e quali varietà fossero le più adatte alla ricostruzione dei vigneti italiani.

Marcello Leder
Marcello Leder

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale e di tutti i suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.