Giuseppe Acerbi

Ampelografo, (1773-1846)


Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


Giuseppe Acerbi è stato un ampelografo senza dubbio originale, oltre che una figura eclettica del Romanticismo italiano. Acerbi nasce a Castelgoffredo, in provincia di Mantova, e in questa cittadina finisce la sua vita, dopo un’esistenza ricca di avvenimenti e di avventure. Tra queste si deve ricordare una curiosa spedizione a Capo Nord, fatta nel 1798, cui fa seguire un ampio e scrupoloso resoconto che suscita la curiosità dei lettori dell’epoca e gli dà fama europea. Giuseppe Acerbi in seguito cerca di intraprendere la carriera diplomatica, non senza incontrare grandi difficoltà causate dalle vicende politiche europee che hanno segnato il periodo storico tra Settecento e Ottocento. Nello stesso periodo asseconda la propensione per le attività letterarie e scientifiche. Fu intorno al 1820 che iniziò la sua attività come ampelografo, riuscendo a creare in breve tempo presso il podere di famiglia nei dintorni di Castelgoffredo una collezione di ben 1552 varietà di vite, di cui 619 presunte italiane, 400 di origine ungherese o di altri stati dell’impero asburgico e 503 provenienti dal resto dei paesi europei (Francia e penisola iberica in particolare). Nel 1823, prima che le viti messe a dimora nella coltivazione arrivassero a fruttificare (e pertanto prima che fosse possibile descriverle in modo compiuto), pubblicò un catalogo, dal titolo “Delle viti italiane“, contenente appunti per la classificazione, monografia e sinonimia, preceduti da un tentativo di una classificazione delle viti, stampato dall’Editore Silvestri di Milano. Tre anni più tardi, mosso dal desiderio di avventura che ha sempre caratterizzato la sua esistenza, lasciò l’Italia per trasferirsi in Egitto con la carica di console generale austriaco. Abbandonò così a se stessa la collezione di vitigni, insieme agli studi ampelografici, tanto che quando fece ritorno a Castelgoffredo, nel 1836, della collezione non si sapeva più nulla. Trascorse gli ultimi dieci anni di vita nel paese natale, dividendo il suo tempo tra la coltivazione del podere e la sistemazione delle numerosissime carte e dei volumi della biblioteca.

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto