La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Aleatico

    Il vitigno Aleatico ha origini greche ed è diffuso soprattutto in Toscana, Puglia e Lazio. L’Aleatico viene considerato un vitigno semiaromatico derivante probabilmente da una mutazione di un Moscato a bacca nera, di cui ricorda vagamente il sapore. Dà vini di qualità sia secchi che dolci. Ricordiamo l’ Aleatico di Gradoli (Lazio) e l’ Elba Aleatico Passito.

    Aleatico

    Informazioni generali sul vitigno Aleatico

      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniBasilicata, Campania, Lazio, Marche, Sardegna, Umbria
      Raccomandato regioniPiemonte

      Aleatico - Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      grande, Pentagonale, Intera, Trilobata, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Grappolo mediamente compatto, Spargolo, Grappolo medio, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia Buccia pruinosa e di colore rosso scura-violetta.

      Aleatico - Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Aleatico è di colore Rosso rubino. Al palato è intenso, Fruttato, morbido, Caldo.

      Aleatico - Caratteristiche colturali e produttive

      Predilige climaClima caldo
      Predilige posizioneZone collinari
      ProduttivitàProduttività discreta

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione