Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Ansonica e Inzolia passiti

La degustazione dei vini "Ansonica e Inzolia passiti"

Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La degustazione dei vini Ansonica e Inzolia passiti

Le versioni passite dell’Ansonica-Inzolia tendono anch’esse a consistenze maggiori e a maggiori contenuti zuccherini nei prodotti di origine Siciliana e ad avere una componente di più spiccata freschezza-acidità nelle versioni Toscane.

Le Caratteristiche del vino Ansonica e Inzolia passiti

Le versioni passite dell’Ansonica-Inzolia tendono anch’esse a consistenze maggiori e a maggiori contenuti zuccherini nei prodotti di origine Siciliana e ad avere una componente di più spiccata freschezza-acidità nelle versioni Toscane.

ColoreBianco
Tipo vinopassito, vendemmia tardiva
Strutturaleggero
Qualitàarmonico, fine
Temperatura di servizio8-10°C
Bicchierebicchiere da vino passito

Degustazione guidata del vino Ansonica e Inzolia passiti

Nel caso dell’Ansonica-Inziolia in versione passito, si consiglia l’apertura una mezz’ora prima della degustazione, per favorire l’ossigenazione di eventuali note di riduzione dovute al processo di vinificazione, utilizzare un calice per vini passiti, di dimensioni contenute ed a stelo lungo. L’elevato contenuto zuccherino suggerisce una temperatura di degustazione sugli 8°C.

Ansonica e Inzolia passiti - La Degustazione - Esame visivo

Il vini passiti da Ansonica-Inzolia si presentano alla degustazione di un colore giallo dorato o ambrato più o meno intenso. Le versioni passite chiaramente sono tutte di buona o marcata consistenza a causa della concentrazione di polialcoli ed estratti zuccherini.
 
I descrittori per l'esame visivo del Ansonica e Inzolia passiti:
Giallo dorato Giallo dorato brillante Consistente brillante

Ansonica e Inzolia passiti - La Degustazione - Esame olfattivo

Le versioni passite dell'Ansonica e Inzolia hanno chiaramente un profilo olfattivo sempre intenso e complesso, a volte ampio. Lo schema olfattivo è tipico di questa tipologia di vini, con note fruttate soverchianti, albicocche secche, fichi, con in alcuni casi ricordi agrumati, miele d'acacia. In alcuni casi presenti anche note eteree e  speziate.
 
I descrittori per l'esame olfattivo del Ansonica e Inzolia passiti:
ampio complesso Fragrante Fruttato molto intenso
I Riconoscimenti olfattivi per il Ansonica e Inzolia passiti

Ansonica e Inzolia passiti - La Degustazione - Esame gustativo

L'Ansonica e Inzolia nelle versioni passite si presentano al palato di corpo, dolci e morbide, di grande struttura e persistenza con ricordi fruttati e agrumati.
 
I descrittori per l'esame olfattivo del Ansonica e Inzolia passiti:
abbastanza fresco

L'Abbinamento con il cibo del vino Ansonica e Inzolia passiti

Passiti e vendemmie tardive da Ansonica e Inzolia si abbinano bene con formaggi erborinati e dessert raffinati. Pasticceria secca o pura meditazione per le versioni più intense e concentrate.
 
I tipi di portata in abbinamento per il Ansonica e Inzolia passiti:
Biscotti e pasticcini Formaggi erborinati
>

Argomenti correlati


  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione