Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Verdicchio

Note degustative per i vini "Verdicchio"

Con Il Verdicchio si possono produrre diversi stili di vini, grazie alla buona struttura che consente loro di sostenere diversi anni di affinamento in bottiglia. Troveremo pertanto Verdicchi giovani e freschi e altri ben più corposi ed armonici. Il Vedricchio ha anche una buona predisposizione all'affinamento in legno, pertanto è in grado di dare vita a delle versioni "Riserva" di assoluto rispetto, oltre a passiti e versioni spumantizzate sia in autoclave che con il metodo classico.

Colorebianco
Tipo vinofermo
Strutturadi corpo
Qualitàelegante, fine, piacevole
Temperatura di servizio8-10°C
Bicchierebicchiere da vino bianco complesso

Caratteristiche vino

Con Il Verdicchio si possono produrre diversi stili di vini, grazie alla buona struttura che consente loro di sostenere diversi anni di affinamento in bottiglia. Troveremo pertanto Verdicchi giovani e freschi e altri ben più corposi ed armonici. Il Vedricchio ha anche una buona predisposizione all'affinamento in legno, pertanto è in grado di dare vita a delle versioni "Riserva" di assoluto rispetto, oltre a passiti e versioni spumantizzate sia in autoclave che con il metodo classico.

Conduzione della degustazione

Il Verdicchio è un vino bianco corposo e strutturato, anche nelle sue versioni più fresche e giovani. Idealmente va bevuto pertanto a temperature tra gli 8 e i 10°C, anche 12°C nel caso delle riserve. Le bottiglie vanno aperte almeno una mezz'ora prima della degustazione nel caso delle Riserve, per dare il modo al vino di ossigenarsi e di perdere eventuali note riduttive. Per gli spumanti prediligeremo temperature più basse, tra i 6 e gli 8°C e useremo sia gli stessi bicchieri da vino bainco a luce ampia che, a scelta del degustatore, le tradizionali flûtes. Le versioni passite sono degustate al meglio a circa 10°C in calici appositi a stelo lungo.

Esame visivo

Il Verdicchio vinificato e affinato in contenitori inerti, come le vasche d'acciaio o di cemento, è giallo paglierino più o meno intenso, con sfumature verdoline nei casi dei vini più freschie giovani. I vini prodotti con il Verdicchio possono però sostenere diversi anni di affinamento in bottiglia, durante i quali il vino assumerà un colore più intenso e dorato, presente anche nelle riserve ed in generale nei vini Verdicchio fermentati ed affinati in botte. Lo stesso giallo dorato si osserva anche nel Verdicchio prodotto con uve surmature e nei passiti, per i quali si arriva spesso anche a tonalità più decisamente ambrate. La consistenza del Verdicchio è sempre abbastanza pronunciata, ovviamente in misura ancora maggiore per versioni a più lungo affinamento e per i passiti.
 
Giallo paglierino più o meno intenso Consistente

Esame olfattivo

Il Verdicchio viene generalmente vinificato in purezza, ed i suoi aromi più caratteristici sono di fiori e frutta, anche tropicale. Nel Verdicchio troviamo note fruttate di pera, mela, pesca, susina e agrumi e tra i frutti tropicali ananas e qualche volta litchi. Le note floreali più frequenti nel Verdicchio sono il biancospino e la ginestra, ma anche la camomilla e tiglio, più raramente si possono percepire anche note di acacia e gelsomino. Le riserve, ed in generale i vini fermentati o affinati in legno conferiscono al Verdicchio aromi terziari speziati di vaniglia e legno tostato. Nei vini più maturi si percepiscono frequentemente aromi di miele e confetture di frutta gialla e sensazioni di erbe aromatiche, come timo e salvia. Una delle note caratteristiche del Verdicchio è certamente la mandorla, che troviamo sia in sottofondo che come nota retrolfattiva.
 
complesso erbaceo floreale fruttato speziato
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

Il Verdicchio dà vini decisamente strutturati rispetto alla maggioranza dei vini bianchi, grazie al maggiore contenuto di polifenoli di questo vitigno.Il Verdicchio in versione secca alla notevole struttura accompagna anche un'acidità evidente, che richiede a sua volta una discreta alcolicità per rendere il vino equilibrato. Non è inusuale trovare Verdicchi a 14-14,5°. I vini, oltre a struttura ed acidità, sono anche caratterizzati da una buona persistenza gusto-olfattiva, caratterizzata da un fine sottofondo ammandorlato, percepibile anche all'olfatto.
 
abbastanza fresco

Abbinamento cibo-vino

Il Verdicchio può essere considerato uno dei migliori vini da pesce, in versioni grigliate, gratinate o al cartoccio. Si abbina anche a triglie in guazzetto, roast-beef ed insalte di pollo. Le versioni Riserva del Verdicchio ed in generale quelle fermentate e affinate in legno hanno una morbidezza ed una struttura che le rende adatte all'abbinamento alle portate di carni bianche, anche in preparazioni particolarmente strutturate.  Le versioni passite del Verdicchio sono adatte all'abbinamento con pasticcini con frutta candita o secca.
 
Antipasti a base di pesce Antipasti con formaggi Aperitivi Primi piatti a base di pesce Risotti di pesce Portate a base di carni bianche Portate di pesce al forno o alla griglia Portate di pesce bollite o al vapore Portate di pesce in salsa o in casseruola Secondi piatti con funghi

Argomenti correlati


  • Contatti professionali

  • Libri e Accessori consigliati da Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social