Guida alla degustazione dei vini italiani – Quattrocalici

Carmenère

Note degustative per i vini "Carmenère"

Il Carmenère vinificato in purezza dà vini di struttura, armonici e con una discreta longevità e predisposizione all'affinamento in legno. Le poche versioni in purezza disponibili sul mercato sono in genere vini di una discreta struttura, in alcuni casi affinati in legno (solitamente barriques), frutto di impegno e ricerca in termini di singolarità e interpretazione varietale.

Colorerosso
Tipo vinofermo
Strutturadi corpo
Qualitàarmonico
Temperatura di servizio18-20°C
Bicchierebicchiere da vino rosso classico

Caratteristiche vino

Il Carmenère vinificato in purezza dà vini di struttura, armonici e con una discreta longevità e predisposizione all'affinamento in legno. Le poche versioni in purezza disponibili sul mercato sono in genere vini di una discreta struttura, in alcuni casi affinati in legno (solitamente barriques), frutto di impegno e ricerca in termini di singolarità e interpretazione varietale.

Conduzione della degustazione

Apriremo il Carmenère almeno un'ora prima della degustazione, fino a diverse ore in caso di una vino di più lungo affinamento o che abbia trascorso un lungo periodo in cantina.  Utilizzeremo un calice di dimensioni medio-grandi, baloon o a luce ampia per permettere la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 16-18°C a seconda della tipologia degustata.

Esame visivo

I vini da Carmenère si presentano in genere di colore rosso rubino intenso, in alcuni casi con note violacee, di buona consistenza.
 
Rosso rubino Consistente

Esame olfattivo

All'olfatto il vino da Carmenère presenta note fruttate di ciliegia e mora, con sfumature erbacee più o meno evidenti. In alcuni casi dsi affinamento in legno potremo constatare sentori terziari speziati come pepe nero, cuoio giovane, chiodi di garofano, o etereo-balsamici, quali goudron o sfumature mentolate.
 
complesso erbaceo fruttato di buona intensità
Riconoscimenti olfattivi

Esame gustativo

Di buon corpo, i vini da Carmenère sono generalmente caratterizzati da freschezza di acidità, sapidità e da un tannino evidente ma non aggressivo. In genere di buona persistenza, lasciano ricordi di frutta rossa anche in confettura e spezie, più o meno intensi a seconda della struttura e dell'affinamento del vino.
 
Calore alcolico marcato Tannini marcati di trama fitta

Abbinamento cibo-vino

Le versioni reperibili sul mercato di Carmenère vinificato in purezza sono in genere dei vini di buon corpo e struttura abbastanza importante se non di grande struttura. Adatti quindi all'abbinamento con piatti di carne rossa in genere, sia alla griglia che arrosto, o selvaggina di piccola taglia sia da pelo che da piuma.
 
Portate a base di carne arrosto o alla griglia Portate a base di carne in umido o in tegame Portate a base di selvaggina

Argomenti correlati

  •  
  • Contatti professionali

  • Libri e Accessori consigliati da Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social