L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Valdichiana Toscana DOC


Indice dei contenuti per la denominazione Valdichiana Toscana DOC

La denominazione Valdichiana Toscana DOC rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Toscana. La denominazione Valdichiana Toscana DOC include le province di Arezzo, Siena ed è stata creata nel 1972. I vini della denominazione Valdichiana Toscana DOC si basano principalmente sui vitigni Trebbiano Toscano, Chardonnay, Pinot bianco, Grechetto, Pinot grigio, Sangiovese, Malvasia bianca di Candia, Malvasia bianca lunga, Malvasia Istriana. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Valdichiana Toscana DOC. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Valdichiana Toscana DOC.

La Denominazione

Il comprensorio del vino Valdichiana Toscana DOC ricade nella parte di territorio toscano della Valdichiana. La Valdichiana è un’area geografica a cavallo di due Regioni, la Toscana, con le province di Arezzo e Siena, e l’Umbria con le province di Perugia e Terni.Il limite meridionale della Valdichiana arriva fino ad Orvieto. Con il termine “Valdichiana” si intende pertanto da un punto di vista geografico una zona ben più ampia della zona di produzione della DOC Valdichiana Toscana, che è invece compresa nei soli comuni toscani. Le tipologie vino Valdichiana toscana bianco sono caratterizzate dai vitigni, autoctoni e tradizionali della zona, Trebbiano toscano, Malvasia bianca lunga e Grechetto, ai quali si sono aggiunte nel tempo le varietà Chardonnay, Pinot bianco e Pinot grigio che hanno contribuito positivamente a migliorare il livello qualitativo. Queste varietà sono utilizzate anche per la produzione del Vin Santo, oltreché dello spumante e del frizzante. Il Sangiovese costituisce invece la base ampelografica dei vini Valdichiana toscana rosso, rosato e sangiovese. Tra i vitigni complementari si sono nel tempo individuate diverse varietà ad uva nera, sia autoctoni (Canaiolo nero in particolare) che internazionali, in grado di esaltare le potenzialità del territorio e del vitigno base. Le pratiche relative all’elaborazione dei vini sono quelle consolidate in zona per la vinificazione di uve bianche e nere destinate alla produzione di vini pronti per il consumo anche dopo pochi mesi dalla vendemmia e adatti ad una buona tenuta nel tempo, senza necessità di eccessive gradazioni alcoliche o di lunga maturazione. Per la produzione del Vin Santo e Vin Santo Riserva le uve sono raccolte a piena maturità e dopo accurata cernita vengono messe ad appassire in appositi locali coperti ampi e ventilati, denominati “appassitoi” e tradizionalmente presenti nelle strutture agricole della zona. I grappoli selezionati vengono fatti appassire distesi su sostegni orizzontali chiamati “graticci” oppure appesi su telai verticali in legno o metallo. La durata dell’appassimento può arrivare ad alcuni mesi. E’ storicamente presente anche la produzione del vinofrizzante” e “spumante”, ottenuti entrambi dal vino base da fermentazione, o rifermentazione, naturale in recipienti a tenuta di pressione del vino, o vino parzialmente fermentato, al quale può essere rispettivamente aggiunto mosto naturale ottenuto in zona di produzione, oppure MCR, nel rispetto dei limiti di legge, per produrre vini frizzanti con un contenuto di CO2 naturale fino ad un massimo di 2 atmosfere di pressione, oppure saccarosio per ottenere le tipologie di spumante (asciutto, o leggermente amabile), con un contenuto di CO2 naturale di almeno 3 atmosfere di pressione. I vini rossi si presentano di colore rubino intenso, evidenziano un profumo intenso con caratteristiche note primarie fruttate e floreali; al gusto sono mediamente strutturati, equilibrati
ed eleganti. I vini bianchi evidenziano un colore paglierino, anche con riflessi verdognoli; sapore asciutto, anche con lieve retrogusto di mandorla amara. Il Vin Santo e il Vin Santo Riserva si presentano di colore giallo da dorato a ambrato intenso. Essi evidenziano un profumo intenso, etereo, con caratteristiche di frutta matura; il gusto è vellutato ed elegante, il sapore va dall’asciutto all’amabile; il Vin Santo Riserva si differenzia per una maggiore durata dell’invecchiamento. Il Valdichiana Toscana DOC frizzante evidenzia un colore paglierino, anche con riflessi verdognoli; sapore asciutto o leggermente amabile, anche con lieve retrogusto di mandorla amara. Lo spumante evidenzia un colore paglierino, anche con riflessi verdognoli; sapore asciutto o amabile; anche con lieve retrogusto di mandorla amara.

Dettagli della denominazione

Creata nel1972
RegioneToscana
ProvincieArezzo, Siena
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino